Il fossile di Erratus sperare rivela l’origine della respirazione negli artropodi

Erratus sperare fornisce l'anello mancante tra gli artropodi che utilizzavano tali lembi specializzati e gli artropodi con arti biramici

0
578

David Legg, ricercatore dell’Università di Manchester, in collaborazione con un team di scienziati internazionali provenienti da Cina, Svizzera e Svezia, ha annunciato oggi un nuovo fossile che rivela l’origine delle branchie negli artropodi.

Gli artropodi, il gruppo di animali che comprende, ad esempio, ragni e scorpioni, sono il phylum più grande del regno animale e si trovano ovunque, dalla fossa oceanica più profonda alla cima del Monte Everest.

Erratus sperare un organismo di 520 milioni di anni

Una ricerca pubblicata il 7 febbraio 2022 mostra che l’ultima aggiunta al gruppo è un organismo di 520 milioni di anni (circa 10 volte più vecchio dei dinosauri), chiamato Erratus sperare.

Erratus sperare è stato scoperto nel sito fossile di Chengjiang, un patrimonio mondiale dell’UNESCO situato nello Yunnan, in Cina. Il sito fossile di Chengjiang conserva un antico ecosistema sottomarino che includeva i parenti di alcuni noti fossili di artropodi come trilobiti e anomalocaridi.

“Grazie a questo nuovo fossile, Erratus sperare, ora abbiamo un’idea molto più chiara. Queste branchie probabilmente si sono anche evolute nelle ali degli insetti e nei polmoni degli artropodi terrestri come i ragni, quindi sono state un’innovazione molto importante”.



I moderni artropodi che vivono nell’acqua hanno arti biramosi, gambe che hanno due parti – una per respirare e una per camminare – ma come si siano evoluti tali arti specializzati era un mistero. Alcuni dei primi artropodi fossili, come Anomalocaris, avevano lembi natatori che potrebbero essere raddoppiati come branchie, ma fino ad ora i ricercatori non sapevano come gli artropodi facessero il salto da questi lembi specializzati agli arti biramici degli artropodi moderni.

Erratus sperare fornisce l’anello mancante tra gli artropodi che utilizzavano tali lembi specializzati e gli artropodi con arti biramici.

Il Dr. David Legg, uno degli autori di questo studio, ha affermato: “I pesci non sono gli unici organismi ad avere le branchie. Anche gli artropodi hanno le branchie e le hanno solo sulle gambe. Quando si trattava di artropodi, tuttavia, non eravamo sicuri da dove provenissero queste branchie.

La ricerca è stata pubblicata su Philosophical Transactions of the Royal Society B: Biological Sciences.

2