Vedendo le famose piramidi di Giza come sono oggi – fortezze immobili e impenetrabili circondate da sabbie battute dal vento e una metropoli tentacolare – è difficile immaginare il giorno in cui furono costruite.

Questi labirinti di pietra, costruiti per onorare i morti e accompagnarli nell’aldilà, furono eretti circa 4.500 anni fa senza la tecnologia moderna e con una precisione sorprendente. Gli egizi, però, ebbero bisogno di molto più di alcune rampe primitive per traghettare in posizione i grandi e pesanti blocchi di pietra che le compongono.

Un nuovo studio suggerisce che condizioni ambientali favorevoli hanno consentito la costruzione delle piramidi di Giza, grazie ad un antico braccio del fiume Nilo che è stato sfruttato da condotto navigabile per il trasporto merci.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per edificare le piramidi, le tombe e i templi dell’altopiano, ora sembra che gli antichi ingegneri egizi abbiano approfittato del Nilo e delle sue inondazioni annuali, utilizzando un ingegnoso sistema di canali e bacini che formavano un complesso portuale ai piedi dell’altopiano di Giza”, scrive il geografo fisico Hader Sheisha nel suo articolo. “Tuttavia, c’è una scarsità di prove ambientali riguardo a quando, dove e come si sono evoluti questi antichi paesaggi“.

Gli archeologi pensavano da tempo che i costruttori di piramidi egizie avrebbero potuto dragare corsi d’acqua dal fiume Nilo per formare canali e porti, sfruttando le inondazioni annuali che avrebbero agito come un ascensore idraulico per il trasporto di materiali da costruzione.

Il complesso portuale che gli archeologi ipotizzano servisse le piramidi di Cheope, Chefren e Menkaure si trova attualmente a più di 7 chilometri a ovest dell’attuale fiume Nilo. Anche le insenature dovevano essere abbastanza profonde da tenere a galla chiatte cariche di pietre.

I carotaggi effettuati durante i lavori di ingegneria urbana intorno all’odierna Giza hanno prodotto prove stratigrafiche di strati rocciosi coerenti con l’idea che un antico ramo del Nilo si estendeva verso la base delle piramidi.

Ma permangono domande su come gli egizi abbiano progettato l’accesso all’acqua alle piramidi di Giza. Al momento della loro costruzione, il nord dell’Egitto era alle prese con alcuni cambiamenti climatici estremi, con inondazioni improvvise che devastavano ripetutamente la città perduta delle piramidi, Heit el-Ghurab, che ospitava i lavoratori stagionali.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

In questo studio, i ricercatori si sono rivolti ai granelli di polline fossilizzati per dipingere un quadro più dettagliato del sistema fluviale come scorreva millenni fa. I granelli di polline possono essere conservati in antichi sedimenti e, in altri studi, sono stati usati per ricostruire climi passati e paesaggi vegetati che oggi sembrano radicalmente diversi.

Estraendo granelli di polline da cinque carote perforate nell’attuale pianura alluvionale di Giza a est del complesso piramidale, il team ha identificato un’abbondanza di piante da fiore simili a erba che costeggiano le rive del fiume Nilo e piante palustri che crescono in ambienti ai bordi del lago.

Questo, dicono, rivela la presenza di un corpo idrico permanente che ha attraversato la pianura alluvionale di Giza e si è gonfiato migliaia di anni fa.

Da lì, hanno tracciato l’innalzamento e la caduta del livello dell’acqua nel ramo di Cheope del fiume Nilo in oltre 8.000 anni di storia dinastica egizia, mettendo in relazione i loro risultati con altri documenti storici.

La nostra ricostruzione di 8.000 anni dei livelli del ramo di Khufu migliora la comprensione dei paesaggi fluviali al momento della costruzione del complesso della piramide di Giza“, scrivono Sheisha e colleghi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il ramo di Cheope rimase a un livello d’acqua elevato… durante i regni di Cheope, Chefren e Menkaure, facilitando il trasporto di materiali da costruzione al complesso della piramide di Giza“.

Mappa che mostra la posizione di cinque nuclei di sedimenti raccolti dalla pianura alluvionale di Giza vicino alle piramidi
Posizione dei nuclei (punti rossi) sulla pianura alluvionale di Giza. ( Sheisha et al., PNAS , 2022 )

Ma dopo il regno del re Tutankhamon, che salì al trono intorno al 1349-1338 a.C., il ramo di Cheope del Nilo declinò gradualmente fino a raggiungere i livelli più bassi documentati negli ultimi 8.000 anni verso la fine del periodo dinastico.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il calo è correlato ai marcatori chimici nei denti e nelle ossa delle mummie egiziane che suggeriscono allo stesso modo un ambiente arido, insieme ad altri documenti storici.

Come per tutti gli studi archeologici, tuttavia, gli intervalli di date cronologici – dei regni dei faraoni e del cambiamento ambientale – possono variare ampiamente, quindi dovremmo prendere questi risultati con le pinze.

Ma collegando i dati ambientali e storici, lo studio fornisce prove molto più dirette rispetto a quando gli archeologi hanno cercato i frattali mancanti – modelli squisiti e ripetitivi che si trovano spesso in natura – per dedurre che gli antichi egizi avrebbero potuto scavare canali fluviali durante la costruzione delle piramidi di Dahshur, più a sud di Giza.

È difficile credere alla gigantesca impronta lasciata dagli egiziani“, ha detto a New Scientist il geologo dell’Università di Innsbruck Arne Ramisch.

I ricercatori dietro questo ultimo studio suggeriscono che approcci simili potrebbero essere utilizzati per ricostruire antichi paesaggi acquatici che lambivano altri complessi piramidali egizi, inclusa la necropoli di Dahshur, quando furono costruiti questi edifici monumentali.

La ricerca è stata pubblicata su PNAS.