Palazzo e tempio di 4.500 anni scoperti in Iraq

Gli archeologi hanno scoperto gli antichi resti di un palazzo e di un tempio perduti in Iraq

0
649
Palazzo e tempio di 4.500 anni scoperti in Iraq
Palazzo e tempio di 4.500 anni scoperti in Iraq

Gli archeologi hanno scoperto gli antichi resti di un palazzo e di un tempio perduti in Iraq. I reperti significativi sono stati portati alla luce a Tello, una delle prime città conosciute al mondo, con le reliquie di circa 4.500 anni.

Il dottor Sebastien Rey ha guidato il progetto che ha portato alla scoperta del palazzo di 4.500 anni nell’odierno Iraq, pensato per contenere la chiave per maggiori informazioni su una delle prime civiltà conosciute: i Sumeri.

La scoperta

Il Lord Palace of the Kings dell’antica città sumera Girsu – ora situata a Tello, nel sud dell’Iraq – è stato scoperto durante il lavoro sul campo lo scorso anno da archeologi britannici e iracheni. Accanto all’antica città sono state scoperte più di 200 tavolette cuneiformi, contenenti documenti amministrativi dell’antica città.

Girsu, una delle prime città conosciute nella storia dell’umanità, fu costruita dagli antichi Sumeri, che tra il 3.500 e il 2.000 a.C. inventarono la scrittura, costruirono le prime città e crearono i primi codici di legge. L’antica città fu scoperta per la prima volta 140 anni fa, rivelando al mondo l’esistenza della civiltà sumera, oltre a portare alla luce alcuni dei monumenti più vitali dell’arte e architettura mesopotamica. Nel corso degli anni il sito è stato oggetto di saccheggi e scavi illegali.

La scoperta è il risultato del Girsu Project, una collaborazione archeologica, istituita nel 2015, guidata dal British Museum e finanziata dal Getty Museum di Los Angeles.

Accanto al ritrovamento del palazzo e delle tavolette, è stato individuato anche il tempio principale dedicato al dio sumerico Ninĝirsu. Prima di questo pionieristico lavoro sul campo, la sua esistenza era nota solo da antiche iscrizioni scoperte insieme al primo scavo riuscito dell’antica città.



Il progetto segue lo schema iracheno inizialmente finanziato dal governo britannico in risposta alla distruzione di importanti siti del patrimonio in Iraq e Siria da parte dello Stato islamico. Dalla sua istituzione, più di 70 iracheni sono stati addestrati per condurre otto stagioni di lavoro sul campo a Girsu.

I primi muri di mattoni di fango del palazzo, scoperti l’anno scorso, sono da allora conservati nel Museo dell’Iraq a Baghdad.

I Sumeri abitavano l’antica regione del Mediterraneo orientale della Mesopotamia e furono responsabili di molti progressi tecnologici, comprese le misurazioni del tempo e la scrittura. Tuttavia, gli antichi Sumeri potrebbero non essere una civiltà così conosciuta come gli antichi egizi o greci.

Una veduta aerea del sito di scavo a Tello, in Iraq. I Sumeri abitavano l'antica regione del Mediterraneo orientale della Mesopotamia. Fotografia: British Museum/PA
Una veduta aerea del sito di scavo a Tello, in Iraq. I Sumeri abitavano l’antica regione del Mediterraneo orientale della Mesopotamia. Fotografia: British Museum/PA

Hartwig Fischer, direttore del British Museum, ha dichiarato che il sito dell’antica città nel sud dell’Iraq è “uno dei siti più affascinanti che abbia mai visitato”.

“La collaborazione tra il British Museum, consiglio statale per le antichità e il patrimonio dell’Iraq, e il Getty rappresenta un nuovo modo vitale di costruire progetti cooperativi sul patrimonio culturale a livello internazionale. Siamo lieti che la visita odierna possa celebrare le recenti scoperte che sono il risultato di questa collaborazione, e continuare l’impegno a lungo termine del British Museum per la protezione del patrimonio culturale dell’Iraq, il sostegno della ricerca innovativa e la formazione della prossima generazione di archeologi iracheni a Girsu”, ha detto Fischer.

“Mentre la nostra conoscenza del mondo sumero rimane limitata oggi, il lavoro a Girsu e la scoperta del palazzo e del tempio perduti hanno un enorme potenziale per la nostra comprensione di questa importante civiltà, facendo luce sul passato”.

Ha aggiunto: “Attraverso le sue collezioni, mostre, ricerche e pubblicazioni, il Getty cerca di promuovere la comprensione e la conservazione del patrimonio artistico e culturale mondiale”.

“Il mondo antico è stato al centro dei programmi del museo presso la Getty Villa, e siamo quindi lieti di aver collaborato con il British Museum al Progetto Girsu in Iraq”.

“Questo programma innovativo fornisce un supporto fondamentale per il sito archeologico di importanza unica di Girsu, attraverso la formazione di specialisti iracheni incaricati del suo sviluppo per l’archeologia e il turismo sostenibili”, ha concluso Fischer.

Il ministro della cultura iracheno, Ahmed Fakak Al-Badrani, ha dichiarato: “Gli scavi archeologici britannici in Iraq sveleranno ulteriormente significative epoche antiche della Mesopotamia, in quanto è una vera testimonianza dei forti legami tra i due paesi per migliorare la cooperazione congiunta”.

2