E se ci stessero mentendo sugli UFO (o UAP)?

La continua mancanza di trasparenza sugli UFO, o UAP, negli Stati Uniti sta causando preoccupazione non solo sull’esistenza degli alieni ma anche sulle conseguenze psicologiche derivanti dalla scoperta di una cospirazione

0
4107
E se ci stessero mentendo sugli UFO (o UAP)?
E se ci stessero mentendo sugli UFO (o UAP)?

Chi pensava che stavamo per scoprire finalmente la verità sugli UFO (UAP), ha dovuto ricredersi. Alla fine dello scorso anno, un disegno di legge del governo degli Stati Uniti che avrebbe imposto il rilascio controllato di tutti i documenti classificati e manufatti relativi agli UFO è stato significativamente attenuato all’ultimo minuto in modo che potesse passare attraverso il Congresso.

L’interesse per i fenomeni aerei non identificati (UAP), il nuovo termine per indicare gli UFO, si è riacceso nel giugno 2023 quando l’ex informatore dell’agenzia di intelligence statunitense David Grusch ha dichiarato al sito web Debrief che durante i suoi compiti ufficiali aveva scoperto che, da decenni, gli Stati Uniti avevano effettivamente recuperato veicoli spaziali non di origine umana.

Queste affermazioni portarono a un’audizione del Congresso in cui Grusch e altri descrissero ciò che avevano raccolto su questo progetto super segreto o visto con i propri occhi durante il servizio militare. Le loro testimonianze hanno portato al nuovo Unidentified Aerial Phenomena Disclosure Act, redatto da un gruppo bipartisan di cinque rappresentanti eletti, guidato dal leader della maggioranza democratica Chuck Schumer e dal senatore repubblicano Mike Rounds.

Sebbene sia facile concentrarsi sulla natura straordinaria dell’argomento o sulla credibilità di coloro che sono testimoni degli UAP, la prospettiva dell’effettiva esistenza di veicoli spaziali alieni solleva seri problemi che vanno oltre il fatto che siamo soli nell’universo. Sono in corso molti lavori scientifici non solo per cercare segni di vita extraterrestre, ma più recentemente per chiedersi cosa significherebbe psicologicamente per noi se gli alieni esistessero davvero e, potenzialmente peggio, se si dovesse scoprire che le autorità ci hanno mentito su cosa sanno.

Quando si tratta di governi, la questione principale è la fiducia. Come ha spiegato il deputato repubblicano Glenn Grothman del Wisconsin nel suo discorso di apertura del 26 luglio: “La mancanza di trasparenza [del governo] riguardo agli UAP ha alimentato speculazioni e dibattiti per decenni, erodendo la fiducia del pubblico nelle stesse istituzioni”.

Il Disclosure Act aveva lo scopo di ripristinare la fiducia del pubblico e assicurare al Congresso che non vengono portati avanti progetti segreti relativi agli UAP al di fuori della sua supervisione.



La legislazione è stata modellata sul President John F Kennedy Assassination Records Collection Act del 1992. Frustrato dalla crescente percezione pubblica che gli agenti del governo degli Stati Uniti avessero cospirato con i militari per assassinare il presidente – una convinzione che si è fatta strada nel mainstream attraverso il film di Oliver Stone del 1991 JFK – l’atto ha istituito un archivio nazionale di tutti i documenti relativi all’assassinio e ne ha declassificato la stragrande maggioranza. Il processo è stato supervisionato da un organismo indipendente.

Il testo originale dell’UAP Disclosure Act era simile in quanto proponeva la creazione di un archivio nazionale, supervisionato da un comitato indipendente di nove cittadini statunitensi. Il loro compito era decidere – senza influenza militare, politica o aziendale – quando e come divulgare le informazioni dell’archivio. L’atto avrebbe conferito alla commissione il potere di tenere più udienze, con l’immunità dei testimoni dall’accusa. Proponeva inoltre che: “Il governo federale eserciterà ‘esproprio’ su tutte le tecnologie recuperate di origine sconosciuta e prove biologiche di intelligenza non umana che possono essere controllate da persone o entità private nell’interesse del bene pubblico“.

In altre parole, il governo degli Stati Uniti poteva requisire qualsiasi presunto artefatto detenuto da privati ​​cittadini o aziende, ed aveva quindi il dovere di divulgarli al pubblico. Parallelamente, la legge chiedeva anche al Segretario di Stato di “contattare qualsiasi governo straniero che possa detenere materiale rilevante su fenomeni anomali non identificati, tecnologie di origine sconosciuta o intelligenza non umana e chiedere la divulgazione di tale materiale”.

In breve, avrebbe finalmente rivelato i fatti sugli UAP. Ma la maggior parte di queste disposizioni sono state ora cancellate. Resta solo l’archivio, che però non sarà amministrato da un organismo indipendente. Dopo il voto, Schumer ha descritto l’archivio come “una grande, grande vittoria per la trasparenza del governo”, ma ha poi continuato dicendo che è stato “un oltraggio” che il comitato di revisione proposto non sia stato adottato. “Questo significa che la declassificazione dei record UAP spetterà in gran parte alle stesse entità che ne hanno bloccato e offuscato la divulgazione per decenni”, ha affermato.

Parlando a News Nation il 12 dicembre, Grusch è stato inequivocabile , definendo i cambiamenti “il più grande fallimento legislativo nella storia americana”.

Non solo la legge ha fatto ben poco per migliorare la trasparenza, ma sta già suscitando il sospetto che il governo degli Stati Uniti abbia davvero qualcosa da nascondere.

Se è vero che non c’è sostanza nella questione UFO/UAP al di là di percezioni errate, paranoia, delusioni, allucinazioni, creduloneria e disinformazione, allora il governo, le organizzazioni militari e accademiche e infine il pubblico devono poter guardare apertamente e in modo trasparente sotto ogni presunto ostacolo in questo argomento”.  afferma lo psicologo clinico Daniel Stubbings della Cardiff Metropolitan University. “Ma hanno scelto di fare esattamente il contrario, il che aumenta il sospetto che ci sia qualcosa da nascondere”.

Da millenni le persone vedono cose inspiegabili nel cielo e,sebbene sia facile liquidare queste testimonianze come allucinazioni o voli di fantasia, è molto più difficile ignorare fotografie e video provenienti da fonti attendibili. Questo è esattamente ciò che l’ufficio del direttore dell’intelligence nazionale negli Stati Uniti ha pubblicato nel 2021. Il suo rapporto Preliminary Assessment: Unidentified Aerial Phenomena descrive in dettaglio che la task force Unidentified Aerial Phenomena del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti stava indagando su 144 segnalazioni UAP effettuate tra il 2004 e il 2021, per lo più da personale militare. Ha inoltre pubblicato tre video declassificati di alcuni di questi UAP in azione.

È stato questo materiale a convincere Stubbings a prendere sul serio l’argomento. Ha intervistato persone che credevano di aver visto qualcosa che non potevano spiegare, interessate a identificare eventuali bisogni di salute mentale sottostanti o tipi di personalità comuni tra loro. Ha scoperto che tutti i tipi di profili di personalità vedono UAP e molti rimangono con bisogni psicologici insoddisfatti.

Inizialmente ero fiducioso che il problema degli UAP potesse essere spiegato da prosaici fattori psicologici e/o situazionali, ma più esaminavo casi reali meno ne diventavo sicuro“, afferma Stubbings.

Ho iniziato a rendermi conto che questo è un argomento molto credibile. Se fosse vero, sarebbe un punto di svolta”, dice. “Se non è vero, è profondamente preoccupante. Come siamo arrivati ​​a questo punto della società in cui pensiamo che tutte queste cose siano vere e spendiamo tutti questi soldi per indagare su questo?

Tradizionalmente, sono gli astronomi a cercare prove dell’esistenza di altra vita nell’universo. Ad esempio, Seti, il centro di ricerca dell’intelligenza extraterrestre, utilizza i radiotelescopi per cercare segnali che potrebbero provenire da civiltà aliene. Mentre un tempo Seti era ai margini della scienza astronomica, ora è sempre più vista come mainstream.

Breakthrough Listen è il più grande programma di ricerca scientifica mai realizzato alla ricerca di prove dell’esistenza di civiltà oltre la Terra. Lo scopo è quello di esaminare le stelle più vicine alla Terra e le 100 galassie più vicine alla nostra. Il progetto, avviato dal gennaio 2016 presso l’Università della California, a Berkeley, ha annunciato lo scorso ottobre una nuova sede a Oxford.

Per il progetto si tratta di un grande voto di fiducia da parte di una delle università, dei gruppi di astrofisica e dei dipartimenti di fisica più importanti del mondo“, afferma Steve Croft, astronomo della UC Berkeley e del Seti Institute, nonché ricercatore senior presso il nuovo quartier generale.

All’inizio di dicembre, Croft e colleghi hanno pubblicato i risultati del progetto relativi a oltre 140 terabyte di dati (l’equivalente di guardare più di cinque anni di video continui ad alta definizione) provenienti da 97 galassie vicine. Sebbene non abbiano trovato nulla che sembrasse artificiale in questa particolare corsa, Croft dice: “È un inizio“.

Altri astronomi, utilizzando tecniche diverse, hanno visto cose che meritano ulteriori indagini. Beatriz Villarroel, assistente professore di fisica all’Università di Stoccolma, è a capo di un team di astronomi che osservano le lastre fotografiche del cielo notturno che risalgono a prima del lancio del primo satellite artificiale nel 1957.

Mentre i satelliti orbitano attorno alla Terra, possono riflettere la luce solare provocando la comparsa di bagliori luminosi nel cielo notturno. Questi lasciano strisce sulle immagini astronomiche o macchie di luce che appaiono e scompaiono apparentemente in modo casuale. Misteriosamente, su una lastra dell’aprile 1950, Villarroel trovò nove fonti di luce che apparivano nell’arco di mezz’ora e poi svanivano. Le osservazioni effettuate con il Gran Telescopio Canarias, a La Palma, nelle Isole Canarie, non hanno rivelato nulla nei punti in cui si trovavano le sorgenti luminose.

Non esiste una spiegazione astronomica per questo tipo di eventi“, afferma Villarroel.

Più recentemente, la sua squadra ha trovato tre “stelle” luminose su una lastra datata 19 luglio 1952, che da allora sono scomparse. Provocatoriamente, questa è una data impressa nei diari degli appassionati di UFO di tutto il mondo perché coincide con un famoso incidente in cui piloti e operatori radar videro luci che non riuscivano a spiegare nei cieli sopra Washington DC.

Penso che sia molto importante fare questo tipo di ricerca di oggetti extraterrestri [nelle vicinanze] perché la comunità [astronomica] cerca soprattutto cose molto, molto lontane. Penso che sia giunto il momento di fare qualcosa di nuovo“, afferma Villarroel, che ora sta lavorando per avviare il progetto ExoProbe per cercare oggetti anomali tra il vasto numero di satelliti umani attualmente in orbita.

Ma cosa succederebbe se lei – o chiunque altro – scoprisse prove inconfutabili che intelligenze non umane hanno visitato o stanno visitando la Terra?

Qualche anno fa, il fisico John Priestland, che gestisce una società di consulenza ingegneristica, si trovò a chiedersi cosa significherebbe per noi come individui. “Se c’è qualcosa qui da rivelare, allora sono consapevole che ci saranno molte persone che ne saranno colpite e non c’è un’entità là fuori, per quanto posso vedere, che metta le persone al primo posto“.

Così ha fondato Unhidden, un ente di beneficenza dedicato a ridurre lo stigma associato alla discussione sugli UAP, sulle intelligenze non umane e sulla possibilità che le prove vengano nascoste dai governi.

È una missione con cui Stubbings è d’accordo. “C’è ancora uno stigma attorno a questo argomento; le persone sono spaventate all’idea di discuterne”, dice. “Ma basterebbe che un solo resoconto si rivelasse reale per cambiare per sempre la narrativa dell’umanità”.

Questo è il motivo per cui il Disclosure Act è stato considerato importante, e la sua versione modificata è una tale delusione, persino potenzialmente pericolosa, afferma Priestland.

Oggigiorno è tutta una questione di ‘mia verità’, fatta eccezione per le persone a cui capita di vedere cose strane nel cielo. Non legittimiamo la loro verità”. A suo avviso hanno bisogno di aiuto e sostegno. “E dobbiamo farlo nel contesto di una possibile divulgazione, perché all’improvviso potrebbero esserci 8 miliardi di persone che dovranno abituarsi al fatto che esiste una visione del mondo molto diversa da quella in cui credevano e questa nuova verità arriverebbe proprio dalle organizzazioni che hanno mentito loro negli ultimi 80 anni”.

2