14 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeAlieni & UFOLa NASA avvierà uno studio indipendente sui fenomeni aerei non identificati

La NASA avvierà uno studio indipendente sui fenomeni aerei non identificati

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La NASA ha incaricato un gruppo di studio di iniziare ad esaminare i fenomeni aerei non identificati (UAP) – cioè le osservazioni di eventi nel cielo che non possono essere identificati come aerei o fenomeni naturali noti – da una prospettiva scientifica. Lo studio si concentrerà sull’identificazione dei dati disponibili, sul modo migliore per raccogliere i dati futuri e su come la NASA può utilizzare tali dati per far avanzare la comprensione scientifica degli UAP.

Il numero limitato di osservazioni degli UAP attualmente rende difficile trarre conclusioni scientifiche sulla natura di tali eventi. Fenomeni non identificati nell’atmosfera sono di interesse sia per la sicurezza nazionale che per la sicurezza aerea. Stabilire quali eventi sono naturali fornisce un primo passo fondamentale per identificare o mitigare tali fenomeni, in linea con uno degli obiettivi della NASA per garantire la sicurezza degli aeromobili. Non ci sono prove che gli UAP siano di origine extraterrestre.

La NASA ritiene che gli strumenti della scoperta scientifica siano potenti e si possano applicare anche in questo caso“, ha affermato Thomas Zurbuchen, amministratore associato per la scienza presso la sede centrale della NASA a Washington. “Abbiamo accesso a un’ampia gamma di osservazioni della Terra dallo spazio, e questa è la linfa vitale dell’indagine scientifica. Abbiamo gli strumenti e il team che possono aiutarci a migliorare la nostra comprensione dell’ignoto. Questa è la definizione stessa di cosa sia la scienza. Questo è quello che facciamo”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’agenzia non fa parte della Task Force sui fenomeni aerei non identificati del Dipartimento della Difesa o del suo successore, l’Airborne Object Identification and Management Synchronization Group. La NASA, tuttavia, si è ampiamente coordinata con il governo su come applicare gli strumenti della scienza per far luce sulla natura e l’origine di fenomeni aerei non identificati.

Il team di studio indipendente dell’agenzia sarà guidato dall’astrofisico David Spergel, presidente della Simons Foundation di New York City, e in precedenza presidente del dipartimento di astrofisica alla Princeton University di Princeton, nel New Jersey. Daniel Evans, l’assistente vice amministratore associato per la ricerca presso la direzione della missione scientifica della NASA, fungerà da funzionario della NASA responsabile dell’orchestrazione dello studio.

Data la scarsità di osservazioni, il nostro primo compito è semplicemente raccogliere il set di dati più solido possibile“, ha affermato Spergel. “Identificheremo quali dati – da civili, governo, organizzazioni non profit, aziende – esistono, cos’altro dovremmo cercare di raccogliere e come analizzarli al meglio“.

Lo studio dovrebbe richiedere circa nove mesi per essere completato. Si assicurerà la consulenza di esperti nelle comunità scientifica, aeronautica e di analisi dei dati per concentrarsi sul modo migliore per raccogliere nuovi dati e migliorare le osservazioni degli UAP.

Coerentemente con i principi della NASA di apertura, trasparenza e integrità scientifica, questo rapporto sarà condiviso pubblicamente“, ha affermato Evans. “Tutti i dati della NASA sono disponibili al pubblico – prendiamo sul serio questo obbligo – e li rendiamo facilmente accessibili a chiunque possa vederli o studiarli“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sebbene non correlato a questo nuovo studio, la NASA ha un programma di astrobiologia attivo che si concentra sulle origini, l’evoluzione e la distribuzione della vita oltre la Terra. Dallo studio dell’acqua su Marte all’esplorazione di promettenti “mondi oceanici”, come Titano ed Europa, le missioni scientifiche della NASA stanno collaborando con l’obiettivo di trovare segni di vita oltre la Terra.

Inoltre, la ricerca della vita da parte dell’agenzia include anche l’utilizzo di missioni come il Transiting Exoplanet Survey Satellite e il telescopio spaziale Hubble, per cercare esopianeti abitabili, mentre il James Webb Space Telescope cercherà di individuare biosignature nelle atmosfere intorno ad altri pianeti, individuando ossigeno e carbonio il biossido in altre atmosfere, ad esempio, potrebbe suggerire che un esopianeta sostiene piante e animali come fa il nostro. La NASA finanzia anche la ricerca spaziale incentrata sulle tecnofirme, ovvero le firme della tecnologia avanzata nello spazio, da altri pianeti.

Articoli più letti