La coscienza potrebbe essere un’allucinazione controllata

Comprendere la coscienza è un santo graal della scienza e della filosofia e sostiene non solo la tua esperienza personale, ma ogni singola impresa sociale. Siamo umani e siamo coscienti. Ma cos'è la coscienza e come sorge?

4174

Comprendere la coscienza è un santo graal della scienza e della filosofia e sostiene non solo la tua esperienza personale, ma ogni singola impresa sociale. Siamo umani e siamo coscienti. Ma cos’è la coscienza e come sorge?

Come sorge la coscienza

Il neuroscienziato Dr. Anil Seth ha un approccio interessante nel cercare di spiegare com’è ciò che chiamiamo coscienza. In un video delizioso e informativo, sostiene che il nostro cervello “allucina” tutto ciò che percepiamo, ed è da lì che viene la coscienza.

Questa idea è un argomento molto dibattuto e colpisce al cuore del complesso pantano della nostra comprensione della coscienza. Il primo concetto con cui dobbiamo prendere confidenza è quello dei qualia

I Qualia sono le proprietà soggettive delle esperienze. Il sapore di una pizza deliziosa, il dolore dopo aver sbattuto l’alluce su quel dannato tavolino da caffè, com’è azzurro il cielo, questi sono tutti esempi di qualia.

Il dottor Kai Hamburger e Katharina Graben hanno descritto sulla rivista Perception le somiglianze e le differenze tra illusione, allucinazione e coscienza. DalCogito Ergo Sum (penso dunque sono) di Cartesio al film Matrix di Lana e Lilly Wachowski, la coscienza e l’idea di sé sono indiscutibili. Ma forse il resto della realtà è solo un’allucinazione. 

L’approccio del dottor Seth inizia proprio lì, sulla definizione di illusione e allucinazione, nonché sulla limitazione della nostra percezione. Tutti i qualia si riducono a impulsi elettrici, dai nostri organi sensoriali al nostro sistema nervoso centrale. Se consideriamo il nostro cervello la sede della nostra coscienza, le nostre esperienze non sono dirette ma mediate attraverso i processi biologici del nostro corpo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---


“Quindi la percezione deve essere un processo di supposizioni informate in cui il cervello combina questi segnali sensoriali con le sue precedenti aspettative o credenze sul modo in cui il mondo è per formare la sua migliore ipotesi su cosa abbia causato quei segnali. Il cervello non sente il suono né vede la luce. Ciò che percepiamo è la sua migliore ipotesi di ciò che è là fuori nel mondo”, spiega il dott. Seth nel video TED 2017.

Hanno un aspetto diverso ma i due quadrati contrassegnati con "X" sono in realtà dello stesso colore. Un'illusione simile è usata dal dottor Seth nel suo discorso
Hanno un aspetto diverso ma i due quadrati contrassegnati con “X” sono in realtà dello stesso colore. Un’illusione simile è usata dal dottor Seth nel suo discorso

Il neuroscienziato mostra molte illusioni sensoriali che ci fanno davvero mettere in discussione ciò che è reale. Ma ci fornisce anche alcune informazioni su come funziona il nostro cervello. Ed è da qui che nasce la sua idea che il cervello in qualche modo allucina la realtà cosciente.

“Se l’allucinazione è un tipo di percezione incontrollata, allora anche la percezione qui e ora è una sorta di allucinazione, ma un’allucinazione controllata in cui le previsioni del cervello vengono frenate dalle informazioni sensoriali provenienti dal mondo”, ha spiegato il dott.Seth. “In effetti, siamo tutti sempre allucinati, anche adesso. È solo che quando siamo d’accordo sulle nostre allucinazioni, la chiamiamo realtà”.

Il suo approccio è fortemente basato sul nostro meccanismo biologico e questo ha tre importanti implicazioni. Suggerisce che il penso quindi sono non è così infallibile come si potrebbe pensare. Se la realtà esterna è condizionata dal nostro cervello distorto, allora è il nostro mondo interno. 

In secondo luogo, se la biologia è la chiave, non possiamo semplicemente scaricare il nostro cervello in un computer. E terzo, la nostra coscienza potrebbe essere solo una piccola frazione di come è veramente la coscienza e delle forme che potrebbero esistere.