6.2 C
Rome
sabato, Novembre 26, 2022
HomeTecnologiaCosa possiamo davvero aspettarci dal Tesla bot di Elon Musk?

Cosa possiamo davvero aspettarci dal Tesla bot di Elon Musk?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Elon Musk ha annunciato i suoi piani per un nuovo robot umanoide Tesla che eccellerà in “compiti banali“, ma sta commettendo alcuni errori comuni di robotica con i suoi grandi piani.

Come sarà in futuro questo Tesla bot? Con l’aiuto di un paio di specialisti di robotica, possiamo separare la verità dal marketing nelle affermazioni di Musk.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Cosa possiamo aspettarci da un vero robot umanoide?

Far sembrare un robot un uomo e farlo comportare come una figura umana comporta molte sfide di programmazione. Il robot Tesla avrà locomozione bipede, la complessa camminata a due gambe che gli umani hanno perfezionato nel corso di milioni di anni? Il professore di robotica della Northwestern University Michael Peshkin ha detto che sono compiti come questo che sono spesso sottovalutati dal pubblico.

Un bambino trascorre diversi anni imparando a muovere il proprio corpo“, ha spiegato Peshkin. “Si tratta di azioni sofisticate e il più delle volte non ci rendiamo conto quanta difficoltà hanno i bambini, che pure nascono programmati per eseguire quei movimenti, ad acquisire la necessaria coordinazione“.

Musk ha menzionato “compiti banali” come avvitare bulloni o andare a fare la spesa, due azioni, o insieme di azioni, che richiederebbero molta programmazione specializzata e adattiva. Il robot dovrebbe rispondere e cambiare “al volo”, qualcosa di molto impegnativo.

Cosa succede se non ha i bulloni delle dimensioni corrette o un determinato prodotto è esaurito nel negozio? Questo è in cima alla descrizione di Musk del robot come prendere istruzioni verbali, aggiungendo un ulteriore requisito per l’elaborazione del linguaggio naturale (e sappiamo che Siri, Alexa o Google home non sono sempre fantastici nel darti la risposta migliore quando richiesto).

Cosa pensiamo che farà effettivamente il Tesla Bot?

Peshkin ha detto che il robot che Musk sta descrivendo potrebbe essere pensato, forse, per sostituire i lavoratori umani in un magazzino. Le persone però possono raggiungere e prendere oggetti diversi da pile diversa di oggetti. Le persone capiscono quando una mela che è andata a male e va buttata.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sebbene il termine “manodopera non qualificata” sia spesso usato per lavori come questo, in realtà utilizziamo un’incredibile quantità di giudizio e cautela su più livelli quando svolgiamo queste attività che sembrano semplici.

Quando provi ad automatizzare le cose che fanno le persone, come raccogliere le cose dallo scaffale in un magazzino, spesso finisci per cambiare il magazzino“, ha detto Peshkin.

Di solito cambi anche l’ambiente. Hanno codici a barre, i rack sono in posizioni standard, le cose sono imballate in un modo diverso, fai tutti i tipi di adattamenti, rendendo il mondo sicuro per i robot. Il compito è reso il più uniforme possibile in modo che possa essere gestito dalla programmazione”.

Avvitare i bulloni, come un unico lavoro, è qualcosa che i robot possono fare bene oggi. La produzione ha avuto alcuni dei robot applicativi più avanzati al mondo per decenni a causa di quanto siano relativamente “fattibili” molte attività di produzione con le nostre attuali capacità con i robot. Un flusso costante di merci potrebbe passare su un nastro trasportatore, dove un robot deve semplicemente allungare la mano, torcere o incollare una parte o un oggetto particolare in posizione, quindi tirare indietro il suo “braccio”.

La maggior parte delle mani dei robot che si trovano nella produzione sono metalliche, rigide, di limitata destrezza e solo poche di esse hanno più di tre dita“, ha affermato il robotista della Arizona State University Heni Ben Amor.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le mani umane sono straordinariamente complesse, e ci vorrebbero molti motori indipendenti per creare una mano robotica simile. “Le mani umane possono affrontare con delicatezza qualsiasi cosa, da un pomodoro, a un violino o persino a un martello pneumatico. Parte della ragione di ciò è che la mano umana combina materiali diversi, tra cui a.) ossa dure, b.) muscoli e c.) una pelle morbida”.

Uno dei punti che sembrano chiari a Musk è che i robot sono in grado di andare dove il lavoro è pericoloso o noioso per i lavoratori umani. “Perché non far fare ai robot cose a cui le persone non appartengono, dove il compito è pericoloso o cose che le persone non fanno bene?” ha detto Peshkin. “Lascia che le persone continuino a fare le cose che le persone fanno bene“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma ancora una volta, non serve necessariamente un robot in grado di ascoltare le istruzioni ed elaborare il linguaggio in una varietà di compiti. “A livello di software e intelligenza, una delle principali sfide con i robot autonomi è la grande variabilità negli ambienti umani“, ha affermato Ben Amor.

I robot in questo caso non possono fare affidamento su un programmatore umano e dovrebbero improvvisare e modificare costantemente il loro comportamento“.

È facile leggere tra le righe per combinare le ambizioni di Musk di viaggiare e stabilirsi su Marte con i suoi commenti sui robot. Dopotutto, gran parte del lavoro quotidiano per mantenere in vita un insediamento sarà noioso o pericoloso: potrebbe immaginare i robot che lavorano nella produzione o persino nell’agricoltura.

Ma è preciso per dire che questo robot sarà di dimensioni e abilità non minacciose. Il lavoro “pericoloso” sarà più simile alle attività di cantiere che, ad esempio, al tenere in sicurezza degli insediamenti.

Peshkin ha contribuito a inventare l’idea dei cobot, che sono, dice, robot collaborativi che lavorano insieme alle persone. “Non ci sono cose in cui le persone possono collaborare con i robot in modo fisico, ognuno contribuendo con i propri punti di forza?” Si è chiesto.

È facile immaginare che un robot di supporto o “booster” accuratamente programmato possa essere di grande aiuto alle persone su Marte o alle persone che già lavorano in luoghi pericolosi come le miniere sotterranee.

Ben Amor ha anche affermato che i commenti di Musk sono un emozionante grido di battaglia, anche se ciò che sta descrivendo è ancora molto lontano dalle nostre attuali capacità con i robot.

Musk è principalmente un visionario ed è eccellente nel radunare giovani e vecchi scienziati e ingegneri dietro un grande obiettivo“, ha detto Ben Amor.

Probabilmente lungo la strada assumerà e ispirerà una nuova generazione di robotisti. Anche il raggiungimento di un piccolo aspetto di ciò che ha annunciato sarebbe una pietra miliare nel campo della robotica“.

Articoli più letti