14.6 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeTecnologiaFacebook tiene traccia della posizione del tuo iPhone: ecco come fermarlo

Facebook tiene traccia della posizione del tuo iPhone: ecco come fermarlo

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Le impostazioni del tuo iPhone ti consentono di dire a Facebook che non vuoi che la tua posizione venga tracciata. È chiaro e non ambiguo. Perché allora, se dici a Facebook “mai” di accedere alla tua posizione, il gigante della raccolta dei dati continua a farlo?

L’iOS 14.5 di Apple ha solo poche settimane ed i dati suggeriscono già che ha generato l’atteso sciopero contro Facebook. Non sorprende che oltre l’80% degli utenti scelga di non essere tracciato. Milioni di utenti hanno potuto leggere gli sfacciati avvertimenti che le app gratuite di Facebook non rimarranno tali a meno che non cediamo il nostro diritto alla privacy.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Facebook genera quasi tutte le sue entrate dalla pubblicità digitale, indirizzando gli annunci raccogliendo quanti più dati possibile dagli utenti per profilarli. “Il marketing di Facebook è generalmente dominato da iOS“, si lamenta un articolo del settore pubblicitario, “è abbastanza sicuro presumere che Facebook abbia perso almeno la metà dei suoi dati, probabilmente la metà più preziosa“.

Tutto ciò significa che Facebook investirò ancora di più sui dati che rimangono. E c’è un pericolo nascosto in tutta la pubblicità di iOS 14.5: un falso senso di sicurezza per gli utenti di iPhone, che possono pensare che il problema dei dati di Facebook sia improvvisamente risolto, che tutto sia cambiato. In realtà non è così.

Apple ha messo un freno a Facebook che ti traccia attraverso siti Web e app di terze parti, non raccogliendo i tuoi dati tra quelli che utilizza. Proprio come Google con Chrome, Foto e Gmail, le app di Facebook raccolgono moltissime informazioni su di te. Questa non è una coincidenza, è una filosofia in gioco.

Apple iOS 14.5 è abbastanza nuovo: l’impatto è ancora in fase di valutazione. E quindi dovremo aspettare e vedere quali soluzioni alternative trovano i giganti dei dati per continuare a monitorare la nostra attività web e app. L’ultima grande innovazione in materia di privacy è stata quella di limitare il monitoraggio della posizione. E qui possiamo vedere esattamente come è la lettera e non lo spirito delle regole che sembra applicarsi.

Nonostante abbia detto al mio iPhone “mai” di consentire a Facebook di accedere alla mia posizione, nonostante abbia controllato Facebook online per confermare che la “cronologia delle posizioni per dispositivi mobili” è impostata su “disattivata”, Facebook continua a sfruttare una scappatoia, raccogliendo tag di posizione delle foto e indirizzi IP, che, secondo le sue stesse parole, “raccoglierà ed elaborerà.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ho scattato una foto con il mio iPhone e poi l’ho caricata sul mio account Facebook. Ho usato l’app di Facebook sul mio iPhone, la stessa app a cui è stato detto “mai” di accedere alla mia posizione, lo stesso account che sa che l’ho spento. Ma Facebook raccoglie ancora il tag di posizione da quella foto, insieme al mio indirizzo IP.

Il mio iPhone aggiunge tag GPS alle foto, utili per ordinare e trovare le immagini. Posso utilizzare la funzione di condivisione in Apple Foto per rimuovere i dati sulla posizione mentre invio e la maggior parte dei programmi di messaggistica rimuovono questi dati, ma nell’app di Facebook, quando carico una foto, vengono inviati anche i dati.

Facebook e Instagram infatti eliminano i metadati, le cosiddette informazioni EXIF, dalle foto che vengono salvate sulle loro piattaforme. Puoi vederlo, perché se salvi una foto da Instagram o dai tuoi album di Facebook sul tuo telefono, non ci saranno informazioni sulla posizione. Questo è stato sostituito con i codici di Facebook.

E quindi, potresti presumere che Facebook abbia cancellato questi dati. Sbagliato. Se vai alle impostazioni sulla privacy di Facebook e selezioni “le tue informazioni di Facebook“, puoi scaricare una copia dei dati in essa contenuti. Se selezioni “foto e video”, vedrai i dati che Facebook ha salvato dalle immagini che hai caricato.

Nel caso di questa foto specifica, quella appena caricata dal mio iPhone, quei dati includono una posizione molto precisa e il mio “indirizzo IP di caricamento“. Facebook non ha bisogno di altro.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Se digito quelle coordinate latitudine / longitudine in Google Maps, ottengo una corrispondenza esatta con la mia posizione e Street View di Google mi mostra la parte anteriore di casa mia. Come puoi immaginare, questo non è il tipo di privacy che avevo in mente.

Ma Facebook cosa fa con i dati? Sono finiti i giorni in cui le tue immagini potevano essere viste dalla posizione EXIF, un enorme rischio per la privacy di un tipo diverso. Questi dati sono ora utilizzati per gli scopi di Facebook. Ricorda il suo modello di business.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La politica sulla privacy di Facebook la dice lunga. I dati “che raccogliamo“, si dice, “possono includere informazioni all’interno o sul contenuto che fornisci (ad esempio metadati), come la posizione di una foto o la data di creazione di un file“. I dati sulla posizione, afferma, vengono utilizzati “per fornire, personalizzare e migliorare i nostri prodotti, inclusi gli annunci.

L’informativa sulla privacy ti collega a “Informazioni sugli annunci di Facebook“, il che spiega perché gli annunci mirati sono utili. Facebook ti dice “utilizziamo i dati sulla posizione per mostrarti annunci di inserzionisti che cercano di raggiungere persone in o vicino a un luogo specifico. Otteniamo queste informazioni da fonti quali: dove ti connetti a Internet, dove usi il telefono, la tua posizione dal tuo profilo Facebook e Instagram“.

Quindi vedi un link che ti invita a “scoprire di più sui dati sulla tua posizione“. Quel collegamento ti porta al tuo account, dove ti chiede se desideri “Attivare la Cronologia delle posizioni per i tuoi dispositivi mobili“, perché, ricorda, questa è disattivata. Il che solleva la domanda: come puoi raccogliere i miei dati sulla posizione e quindi portarmi a un’impostazione dell’account che conferma che ti ho detto di non acquisire la mia posizione?

Se questo ti sembra strano, non preoccuparti, non sei il solo.

Al giorno d’oggi potresti non salvare molte foto su Facebook, forse invece usi Instagram. Bene, la sua politica sui dati riporta lo stesso avvertimento, che i dati raccolti “possono includere informazioni nel o sul contenuto che fornisci (come i metadati), come la posizione di una foto o la data di creazione di un file“.

Ho chiesto a Facebook informazioni su questa acquisizione di posizioni EXIF ​​da foto di Facebook e Instagram. L’azienda ha confermato di “raccogliere ed elaborare” tali dati. Ho suggerito loro che questi dati vengano utilizzati per scopi pubblicitari e che ciò avvenga “indipendentemente dalle impostazioni sulla privacy selezionate dall’utente all’interno dell’app Facebook / Instagram sui loro telefoni“. Facebook mi ha detto che sono ipotesi plausibili.

Per quanto riguarda Instagram, Facebook mi ha indicato la sua politica sulla privacy, che conferma questo tipo di raccolta di metadati, e ha suggerito agli utenti di rimuovere i dati EXIF ​​dalle loro foto prima di caricarle. Più facile a dirsi che a farsi. La società ha anche sottolineato che i dati EXIF ​​non sono gli stessi della posizione live di un telefono.

È vero, anche se le foto caricate da un dispositivo mobile vengono quasi sempre scattate sul dispositivo mobile. E combinato con la sua vasta raccolta di dati, fa tutto parte del dipingere un’immagine più accurata di ognuno di voi, un profilo da estrarre per gli annunci.

Allora, cosa bisogna fare? Non caricare foto su Facebook o Instagram che contengono dati significativi sulla posizione incorporati, a meno che tu non voglia condividere tali dati.

Puoi utilizzare un’app come iVerify, che aggiungerà una funzione di eliminazione dei metadati al menu di condivisione all’interno delle foto, consentendoti di salvare duplicati puliti prima di caricarli o condividerli.

I dati EXIF ​​non sono l’unico tracciamento segreto che avviene sul tuo iPhone. Se c’è un’altra impostazione che devi assolutamente modificare, è l’opzione “carica immagini remote” all’interno di Apple Mail. Questo dovrebbe essere disattivato, il che impedirà a quasi tutti i pixel di tracciamento e-mail che ti vengono inviati di raccogliere i dati sulla tua posizione, il tuo identificatore e la data e l’ora, ogni volta che apri un’e-mail di marketing.

Questo è assolutamente un flagello e con il giro di vite di Apple sul monitoraggio dei pixel dei siti Web, questi pixel delle e-mail di marketing diventeranno ancora più importanti. Non perdi nulla modificando questa impostazione. Apple ti darà la possibilità di caricare immagini remote su ogni email che le ha. Almeno in questo modo puoi scegliere chi controlla dove ti trovi e memorizzare tali informazioni per indirizzarti con annunci in un secondo momento.

Come ho detto, questa è una filosofia, si tratta di raccogliere quante più informazioni preziose possibile e quindi monetizzare tali informazioni in una miriade di modi diversi. Ecco perché tutta la raccolta di dati di Facebook, per le sue etichette sulla privacy, rimanda alle identità degli utenti, ed è per questo che non penserebbe mai di rifiutare quei dati sulla posizione EXIF ​​a meno che non sia esplicitamente proibito o impedito di raccoglierli.

Con iOS 14.5 e la crescente ondata di tutela della privacy, i prossimi anni saranno o un punto cardine per Facebook poiché sarò costretto a rivedere il suo modello di business, o più probabilmente lo stesso che avvenne con Cambridge Analytica. Dai un’occhiata al suo grafico azionario negli anni da quando quella crisi esistenziale ha fatto notizia: ti dice tutto ciò che devi sapere.

La protezione della privacy delle persone“, afferma Facebook, “è fondamentale per il modo in cui abbiamo progettato il nostro sistema pubblicitario“.

No, davvero, è quello che dice.

Quattro semplici passaggi per migliorare la tua privacy: dì no al monitoraggio quando richiesto da iOS 14.5; disabilitare la condivisione della posizione per Facebook sul telefono; per Facebook stesso, elimina l’app e usa invece un browser: Safari o Firefox, non Chrome; e non caricare dati EXIF ​​a meno che tu non sia felice che vengano raccolti.

Nel frattempo, Apple, affronta il problema degli EXIF ​​e configura come impostazione predefinita la disabilitazione delle immagini sulle e-mail remote in iOS 15.

Questi sono due enormi passi avanti.

Articoli più letti