13.5 C
Rome
domenica, Novembre 27, 2022
HomeMedicinaLa stitichezza (o stipsi): cause, prevenzione e rimedi

La stitichezza (o stipsi): cause, prevenzione e rimedi

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La stitichezza, qual è la causa di questo fastidioso disturbo? Il compito principale del colon è quello di assorbire l’acqua dal cibo residuo mentre passa attraverso il sistema digestivo, trasformandoli in rifiuti (le feci). I muscoli del colon alla fine li spingono attraverso il retto per essere eliminati. Se rimangono nel colon troppo a lungo, possono diventare dure e difficili da espellere.

La cattiva alimentazione, spesso causa di stitichezza

Una cattiva alimentazione causa spesso stitichezza. La fibra alimentare e un’adeguata assunzione di acqua sono necessarie per mantenere le feci morbide. Gli alimenti ricchi di fibre sono generalmente in forme solubili e insolubili. La fibra solubile può dissolversi in acqua e creare un materiale morbido e gelatinoso mentre passa attraverso il sistema digestivo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La fibra insolubile mantiene la maggior parte della sua struttura mentre attraversa il sistema digestivo. Entrambe le forme si uniscono ai rifiuti, aumentandone il peso e le dimensioni e allo stesso tempo ammorbidendoli. Questo processo rende più facile il loro passaggio attraverso il retto.

Lo stress, i cambiamenti nella routine quotidiana e le condizioni che rallentano le contrazioni muscolari del colon o ritardano il bisogno di evacuare, possono portare alla stitichezza.

Le cause comuni di costipazione includono

  • Dieta povera di fibre, in particolare diete ricche di carne, latte o formaggio
  • Disidratazione
  • Mancanza di movimento fisico
  • Ritardare l’impulso di avere un movimento intestinale
  • Viaggi o altri cambiamenti nella routine
  • alcuni farmaci, come antiacidi ad alto contenuto di calcio e antidolorifici
  • Gravidanza
  • Problemi medici di fondo

Di seguito sono riportati alcuni problemi medici che possono causare stitichezza: alcune malattie come ictus, morbo di Parkinson e diabete, problemi al colon o al retto, tra cui ostruzione intestinale, sindrome dell’intestino irritabile (IBS) o diverticolosi, abuso o uso improprio di lassativi, problemi ormonali, inclusa una ghiandola tiroidea ipoattiva.

Quali sono i segni della stitichezza?

La definizione dei normali movimenti intestinali può essere diversa per ogni persona. Alcuni individui evacuano due-tre volte al giorno, mentre altri solo tre volte a settimana. Tuttavia, potresti essere stitico se riscontri i seguenti sintomi:

  • Meno di tre evacuazioni a settimana con feci dure e secche
  • Tensione o dolore durante i movimenti intestinali
  • Una sensazione di pienezza, anche dopo aver avuto un movimento intestinale, come un blocco nella zona rettale

Chi è a rischio di stitichezza?

  • Mangiare una dieta povera e non esercitare attività fisiche sono i principali fattori di rischio per la stitichezza, ma potresti anche essere maggiormente a rischio se hai 65 anni o più: gli anziani tendono infatti ad essere meno attivi fisicamente, hanno malattie di base e seguono diete più povere.
  • Confinato a letto. Coloro che hanno determinate condizioni mediche, come le lesioni del midollo spinale, hanno spesso difficoltà con i movimenti intestinali.
  • Una donna o un bambino. Le donne hanno episodi di stipsi più frequenti degli uomini e i bambini sono colpiti più spesso degli adulti.
  • Gravidanza. I cambiamenti ormonali e la pressione sull’intestino del bambino in crescita nel ventre possono causare questo disturbo.

Come viene diagnosticata la stitichezza?

Molte persone scelgono di autocurarsi modificando la propria dieta, aumentando l’esercizio fisico o usando lassativi da banco e supposte di glicerina. Tuttavia, sono rimedi che non dovrebbero essere usati per più di due settimane senza consultare un medico. Il tuo corpo può diventare dipendente da loro per la funzione del colon. Dovresti quindi parlare con il tuo medico di base se:

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
  • Soffri di stitichezza da più di tre settimane
  • Noti del sangue nelle feci
  • Hai dolori addominali
  • Avverti dolore durante i movimenti intestinali
  • Stai perdendo peso
  • Hai cambiamenti improvvisi nei movimenti intestinali

Il medico farà domande sui sintomi, sull’anamnesi e su eventuali farmaci o condizioni sottostanti. Un esame fisico può includere un esame rettale e esami del sangue per controllare l’emocromo, gli elettroliti e la funzione tiroidea. Nei casi più gravi, potrebbero essere necessari ulteriori test per identificare la causa dei sintomi.

I test possono includere quanto segue: uno studio sui marcatori (chiamato anche studio sul transito colonrettale) che viene utilizzato per testare come il cibo si muove attraverso il colon. Per questo test, ingoierai una pillola che contiene minuscoli marcatori che verranno visualizzati su una radiografia.

Nei giorni seguenti verranno eseguite numerose radiografie addominali in modo che il medico possa visualizzare come il cibo si muove attraverso il colon e come funzionano i muscoli intestinali. Potrebbe anche esserti chiesto di seguire una dieta ricca di fibre durante il test.

Manometria anorettale

Una manometria anorettale è un test utilizzato per valutare la funzione muscolare dello sfintere anale. Per questo test, il medico inserirà un tubo sottile con una punta a palloncino nell’ano.

Quando il tubo è all’interno, il medico gonfierà il palloncino e lo estrarrà lentamente. Si tratta di un test che consente di misurare la forza muscolare del tuo sfintere anale e vedere se i tuoi muscoli si stanno contraendo correttamente.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Clistere di bario a raggi X

Una radiografia del clistere di bario è un tipo di test utilizzato per esaminare il colon. Per questo test, berrai un liquido speciale la sera prima del test per pulire l’intestino.

Il test vero e proprio prevede l’inserimento di un colorante chiamato bario nel retto, utilizzando un tubo lubrificato. Il bario evidenzia l’area del retto e del colon, consentendo al medico di visualizzarli meglio su una radiografia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Colonscopia

Una colonscopia è un altro tipo di test che i medici usano per esaminare il colon. In questo test, il medico esaminerà il colon utilizzando un tubo dotato di una fotocamera e una fonte di luce (colonoscopio).

Spesso vengono somministrati un sedativo e un antidolorifico, quindi probabilmente non ricorderai nemmeno l’esame e non dovresti sentire dolore.

Per prepararti a questo test, seguirai una dieta esclusivamente liquida per 1-3 giorni e potresti dover prendere un lassativo o un clistere la sera prima del test per pulire l’intestino.

Come trattare e prevenire la stitichezza

Cambiare la dieta e aumentare il livello di attività fisica sono i modi più semplici e veloci per trattare e prevenire la stitichezza. Prova anche le seguenti tecniche:

  • Ogni giorno, bevi da 1 1/2 a 2 litri di liquidi non zuccherati e decaffeinati, come l’acqua, per idratare il corpo.
  • Limita il consumo di alcol e bevande contenenti caffeina, che causano disidratazione.
  • Aggiungi alimenti ricchi di fibre alla tua dieta, come frutta e verdura crude, cereali integrali, fagioli, prugne o cereali integrali. L’assunzione giornaliera di fibre dovrebbe essere compresa tra 20 e 35 grammi.
  • Riduci gli alimenti a basso contenuto di fibre, come carne, latte, formaggio e cibi lavorati.
  • Punta a circa 150 minuti di esercizio moderato ogni settimana, con l’obiettivo di 30 minuti al giorno almeno cinque volte a settimana. Prova a camminare, nuotare o andare in bicicletta.
  • Se senti il ​​bisogno di defecare, non esitare. Più aspetti, più le tue feci possono diventare dure.
  • Se necessario, aggiungi integratori di fibre alla tua dieta. Ricorda solo di bere molti liquidi perché i liquidi aiutano la fibra a lavorare in modo più efficiente.
  • Usa i lassativi con parsimonia. Il medico può prescrivere lassativi o clisteri per un breve periodo di tempo per aiutare ad ammorbidire le feci. Non usare mai lassativi per più di due settimane senza parlare con il medico, possono causare dipendenze.
  • Considera l’aggiunta di probiotici alla tua dieta, come quelli che si trovano nello yogurt e nel kefir con fermenti lattici vivi. Studi hanno dimostrato che questo cambiamento nella dieta può essere utile per chi soffre di stitichezza cronica.
  • Se hai ancora problemi, il medico può prescrivere farmaci che agiscono aumentando le secrezioni nell’intestino, facilitando il passaggio delle feci. Oppure può anche consigliarti di interrompere l’assunzione di alcuni farmaci che possono causare stitichezza.

Problemi più gravi del colon o del retto possono richiedere procedure manuali per eliminare il colon dalle feci impattate, una terapia per riqualificare i muscoli lenti o un intervento chirurgico per rimuovere la parte problematica del colon.

Quali sono le prospettive di cura?

La maggior parte dei casi di stitichezza sono lievi e facilmente curabili con cambiamenti nella dieta e nell’esercizio fisico. Se stai riscontrando costipazione cronica o costipazione insieme ad altri cambiamenti intestinali, è importante che parli con il medico.

Alcuni dei principali organi coinvolti nella digestione sono: stomaco, intestino tenue e
intestino crasso. Lungo ogni punto del tratto gastrointestinale, i nutrienti vengono assorbiti e i rifiuti derivanti dalla scomposizione del cibo vengono infine rilasciati dal corpo.

Movimenti speciali, tra cui il movimento nello stomaco e la peristalsi (un movimento ritmico) nell’intestino, aiutano a spingere il materiale alimentare in avanti attraverso il tratto digestivo.

Più le feci sono morbide e voluminose, più è probabile che attivino i movimenti dell’intestino e si muovano in avanti. Quando è il momento di andare in bagno, i muscoli del pavimento pelvico lavorano insieme per aiutare a spingere le feci fuori dal retto.

Come si sente la stitichezza?

La stitichezza può verificarsi a causa di uno o più guasti del percorso previsto in cui vengono escrete le feci. Questi possono includere feci a movimento lento, feci dure o problemi con i muscoli e i nervi necessari per passare un movimento intestinale. Di conseguenza, la stitichezza si può “sentire” con molti altri sintomi, inclusi:

  • Senso di pienezza nello stomaco o nella regione pelvica
  • Crampi alle viscere
  • Sensazione che le feci rimangano nel retto ma non possano passare
  • Sensazioni di pesantezza o disagio nello stomaco e nelle regioni addominali
  • Sensazione di dolore alla schiena

A volte è difficile distinguere tra disagio nello stomaco e costipazione nell’intestino. Potresti sentire crampi o gonfiore nell’intestino che spinge verso l’alto lo stomaco. Di conseguenza, potresti avvertire fastidio allo stomaco, mentre l’area della stitichezza è invece nel tuo intestino.

Articoli più letti