Nuovo coronavirus, aggiornamento 4 febbraio 2020

Sono ormai 427 le persone morte a causa del coronavirus di Wuhan, mentre i casi confermati sono arrivati a 20.613. 663, invece, i pazienti, dichiarati guariti e dimessi dagli ospedali.

534

Sono ormai 427 le persone morte a causa del coronavirus di Wuhan, mentre i casi confermati sono arrivati a 20.613. 663, invece, i pazienti, dichiarati guariti e dimessi dagli ospedali.

 le autorità di Hong Kong hanno reso noto il primo decesso all’interno della città, territorio autonomo della Cina. Si tratta di un uomo di 39 anni, con patologie precedenti, che si era recato a Wuhan alla fine di gennaio e aveva in seguito sviluppato una polmonite. Si tratta della seconda vittima al di fuori della Cina continentale, dopo quella di domenica nelle Filippine.
Nell’ex colonia britannica anche le misure di contenimento del virus sono diventate oggetto di una furiosa battaglia politica. Da ieri un sindacato dei medici della città ha proclamato uno sciopero generale chiedendo al contestato governo locale di Carrie Lam di chiudere le frontiere con la Cina. Lo sciopero sta creando seri disservizi. Nei giorni scorsi i collegamenti sono stati molto ridotti: al momento restano aperti solo tre varchi, i due grandi ponti verso Shenzhen e verso Macao, più l’aeroporto internazionale, ma con voli ridotti.
Carrie Lam però rifiuta il blocco totale, per cui avrebbe bisogno dell’autorizzazione almeno informale di Pechino, giudicandolo “inappropriato” e “discriminatorio”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le autorità di Wuhan, in Cina, dove è iniziata l’epidemia di coronavirus, stanno costruendo altri tre nuovi ospedali da campo per aiutare a rispondere alla crisi, secondo quanto riferito dal quotidiano statale Changjiang Daily.

Gli spazi esistenti, tra cui uno stadio e una sala espositiva, saranno convertiti in ospedali, situati nei distretti Jianghan, Wuchang e Dongxihu della città.

Questi sono solo gli ultimi di una serie di ospedali focalizzati sul coronavirus appositamente costruiti a Wuhan. Un nuovo ospedale, l’ospedale di Huoshenshan, è stato consegnato ai militari per iniziare le operazioni lunedì e una seconda struttura, l’ospedale di Leishenshan, dovrebbe essere completata questa settimana, entrambe costruite in pochi giorni.

Mappa che mostra i casi del virus al di fuori della Cina
Spazio bianco di presentazione

Almeno 25 20 paesi hanno registrato casi confermati.
Le ultime restrizioni sui viaggi:

  • Negare l’ingresso a tutti i visitatori stranieri che sono stati di recente in Cina: Stati Uniti, Australia, Singapore
  • Negare l’ingresso agli stranieri che viaggiano dalla Cina continentale: Nuova Zelanda, Israele. (La Russia applicherà queste restrizioni, anche se non attraverso l’aeroporto di Mosca Sheremetyevo)
  • Negare l’ingresso agli stranieri che hanno visitato la provincia di Hubei: Giappone, Corea del Sud
  • Sospensione temporanea di tutti i voli verso la Cina continentale: Egitto, Finlandia, Indonesia, Regno Unito, Italia
  • Chiusura del confine con la Cina: Mongolia, Russia (parzialmente)
  • L’ente che rappresenta alcuni dei più grandi operatori di navi da crociera del mondo, la Cruise Lines International Association, ha annunciato lunedì che i passeggeri e i membri dell’equipaggio che hanno recentemente viaggiato in Cina non potranno salire a bordo delle navi
Gli indonesiani evacuati da Wuhan vengono spruzzati con disinfettante

Quanto è mortale il virus?

Più di 75.000 persone potrebbero essere state infettate a Wuhan, affermano gli esperti.
Ma le stime dell’Università di Hong Kong suggeriscono che il numero totale di casi potrebbe essere di gran lunga superiore ai dati ufficiali.
Un rapporto sulle prime fasi dell’epidemia della rivista medica Lancet afferma che la maggior parte dei pazienti deceduti presentava condizioni preesistenti.
Il rapporto ha rilevato che, dei primi 99 pazienti trattati presso l’ospedale Jinyintan di Wuhan, 40 avevano cardiopatie o danni ai vasi sanguigni. Altri 12 avevano il diabete.
È probabile che la maggior parte delle persone infette guarisca completamente, proprio come farebbe con un’influenza normale.
Un esperto della National Health Commission (NHC) della Cina ha affermato che una settimana si è dimostrata sufficiente per la ripresa da lievi sintomi di nuovo coronavirus.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---