Sarebbe utile colpire con armi nucleari un asteroide in rotta di collisione?

Bombardare un asteroide potrebbe salvare il nostro pianeta, se fatto bene. Un pericolo remoto, ma da non sottovalutare

0
153
Bombardare un asteroide è una cosa possibile?, Asteroide apocalittico, Apophis

Sebbene sia stato uno dei temi preferiti dei film catastrofici, bombardare un asteroide in arrivo nel mondo reale è stato pubblicizzato come una pessima idea. Mentre una bomba nucleare potrebbe distruggere un asteroide piccolo, colpire un asteroide più grande lo farebbe solo a pezzi. Quei pezzi minaccerebbero comunque il nostro pianeta e forse peggiorerebbero anche le cose producendo molteplici impatti in tutto il pianeta.

Quindi, usare armi nucleari su un asteroide in arrivo è davvero una cattiva idea? Se viene utilizzata la tecnica giusta, un’esplosione nucleare potrebbe essere utilizzata come dispositivo di deflessione degli asteroidi. 

Ordigno nucleare su un asteroide: cosa succederebbe?

I ricercatori del Lawrence Livermore National Laboratory (LLNL) hanno ora creato uno strumento di modellazione in grado di simulare cosa potrebbe accadere se un ordigno nucleare venisse fatto esplodere sopra la superficie di un asteroide.

Come informa Science Alert, lo strumento sta aiutando a migliorare la comprensione di come la radiazione di un’esplosione nucleare interagisce con la superficie di un asteroide e analizza anche la dinamica delle onde d’urto che potrebbero influenzare l’asteroide interno. La tecnica esplosiva è chiamata ablazione nucleare, in cui la radiazione dell’esplosione vaporizzerebbe parte della superficie dell’asteroide, generando una spinta esplosiva e un cambiamento di velocità in risposta.

Il modello può incorporare un’ampia gamma di condizioni iniziali che simulano i tipi di asteroidi, dalle rocce solide ai cumuli di macerie. Queste simulazioni stanno offrendo agli scienziati planetari più informazioni – e più opzioni – su quando un giorno una roccia spaziale potrebbe atterrare sulla Terra. 



Un tempo di preavviso sarebbe prezioso

“Se avessimo sufficiente tempo di preavviso, potremmo potenzialmente lanciare un ordigno nucleare, inviandolo a milioni di chilometri di distanza su un asteroide diretto verso la Terra”, ha affermato la ricercatrice Mary Burkey della LLNL. E inoltre: “Potremmo quindi far esplodere il dispositivo e deviare l’asteroide, mantenendolo intatto ma fornendo una spinta controllata lontano dalla Terra, oppure potremmo distruggere l’asteroide, spezzandolo in piccoli frammenti in rapido movimento che mancherebbero anche il pianeta”

La missione DART

Grazie alla missione Double Asteroid Redirection Test (DART), in cui un dispositivo di simulazione cinetico è stato deliberatamente fatto schiantare contro un asteroide per alterarne la traiettoria, gli scienziati hanno imparato molto su cosa sarebbe necessario per reindirizzare un asteroide pericoloso.
 
Questo nuovo modello, chiamato modello di deposizione di energia a raggi X, offre ai ricercatori gli strumenti per sfruttare le conoscenze acquisite da DART esplorando al tempo stesso come l’ablazione nucleare potrebbe essere una valida alternativa alle missioni di impatto cinetico.
 

Dispositivi nucleari: strumenti indispensabili contro un asteroide

Burkey ha affermato in un comunicato stampa della LLNL che i dispositivi nucleari hanno il più alto rapporto di densità di energia per unità di massa di qualsiasi tecnologia umana, il che potrebbe renderli uno strumento inestimabile per mitigare la minaccia degli asteroidi. Ma, come ha scritto il team nel loro articolo, pubblicato su The Planetary Science Journal, “La previsione dell’efficacia di una potenziale missione di deflessione o disgregazione nucleare dipende da accurate simulazioni multifisiche della deposizione di energia dei raggi X del dispositivo nell’asteroide e dalla conseguente ablazione del materiale”.

Il team ha affermato che la fisica rilevante in queste simulazioni richiede una varietà di diversi pacchetti fisici complessi, che abbracciano molti ordini di grandezza e sono molto impegnativi dal punto di vista computazionale. Burkey e i suoi colleghi si sono posti l’obiettivo di sviluppare un modo efficiente e accurato per modellare la deflessione nucleare per una serie di proprietà fisiche di un asteroide.

Burkey ha affermato che le loro simulazioni ad alta fedeltà possono tracciare i fotoni che penetrano nelle superfici di materiali simili a asteroidi come roccia, ferro e ghiaccio, tenendo conto di processi più complessi, come la ri-radiazione.

2