Artemis III: la missione sulla Luna potrebbe subire delle modifiche

La NASA sta valutando di modificare il suo piano Artemis III per far atterrare gli astronauti sulla superficie della Luna entro la fine di questo decennio

2
1184
Artemis III

Anche se è improbabile che la NASA ne parli pubblicamente a breve, l’agenzia spaziale sta valutando di modificare il suo piano Artemis III per far atterrare gli astronauti sulla superficie della Luna entro la fine di questo decennio.

Artemis III
Artemis III: la missione sulla Luna potrebbe subire delle modifiche

Artemis III: la NASA sta valutando alcune modifiche

Molteplici fonti hanno confermato che la NASA sta studiando alternative al previsto atterraggio di due astronauti sulla Luna da parte di Artemis III, previsto per settembre 2026, a causa delle preoccupazioni sulla disponibilità dell’hardware e sulla complessità della missione.

Secondo una delle opzioni, gli astronauti lanciati in orbita terrestre bassa all’interno di una navicella spaziale Orion incontrerebbero un veicolo Starship, lanciato separatamente da SpaceX. Durante questa missione, simile all’Apollo 9, precursore dell’atterraggio lunare dell’Apollo 11, l’equipaggio convaliderà la capacità di Orion e Starship di attraccare e testare l’abitabilità all’interno della Starship.

L’equipaggio quindi tornerà sulla Terra. In un’altra opzione che la NASA sta prendendo in considerazione, verrà lanciato un equipaggio a bordo di Orion verso la piccola stazione spaziale che verrà costruita vicino alla Luna, il Lunar Gateway, per poi tornare sulla Terra.

Artemis III
Artemis III: la missione sulla Luna potrebbe subire delle modifiche

Per discutere di queste possibilità di modifica dell’Artemis III, Ars ha chiesto un colloquio con Catherine Koerner, una vice amministratrice associata che supervisiona lo sviluppo dei sistemi di esplorazione per la NASA. Invece, l’agenzia spaziale ha offerto una dichiarazione non impegnativa.



“La NASA continua a lavorare per il volo di prova con equipaggio dell’Artemis II nel settembre del 2025 e per la missione Artemis III per far atterrare gli astronauti vicino al Polo Sud lunare nel settembre del 2026“, si legge nella dichiarazione.

L’agenzia valuta quotidianamente il progresso e lo stato degli elementi e utilizza tali dati per prendere decisioni al momento giusto per ciascuna missione come parte di una prudente gestione programmatica e della missione. Qualora un particolare elemento hardware non fosse disponibile per supportare una missione come previsto o pianificato, la NASA valuterà la disponibilità dell’hardware disponibile per le opzioni per prendere tali decisioni avendo la sicurezza dell’equipaggio come priorità numero uno”.

L’incertezza sulla data di lancio dell’Artemis III

La data stabilita dall’agenzia spaziale per Artemis II è ottimistica ma potenzialmente fattibile se la NASA riuscirà a risolvere i problemi dello scudo termico della navicella Orion. Uno sbarco sulla Luna nel settembre 2026, tuttavia, sembra del tutto irrealistico.

Gli ostacoli maggiori per Artemis III sono la mancanza di un lander, che SpaceX sta sviluppando attraverso il suo programma Starship, e di tute spaziali per le incursioni sulla superficie lunare di Axiom Space. Non è chiaro quando saranno pronti il lander o le tute, che la NASA ha iniziato a finanziare solo negli ultimi due o tre anni.

Ci sono anche preoccupazioni sulla complessità di Artemis III. La missione richiederà una serie di passaggi precedentemente non testati, tra cui un rendezvous Orion-Starship e l’attracco in orbita lunare; umani che volano all’interno dell’astronave nello Spazio; La Starship che scende in superficie e risale per attraccare con Orion e altro ancora.

I pianificatori della missione si sentirebbero più a loro agio se potessero, nel gergo della NASA, “ridurre il rischio” di Artemis III convalidando alcune di queste delicate manovre prima della missione di atterraggio sulla Luna.

Questo è il motivo per cui la NASA ha chiesto a SpaceX di prendere in considerazione una missione in cui Orion si incontri il veicolo Starship in orbita attorno alla Terra. Una missione del genere, chiamata Artemis IIS o Artemis III, risolverebbe molti problemi per l’agenzia spaziale e sembra essere l’opzione preferita in questo momento.

La NASA assegna a SpaceX una seconda missione di atterraggio con equipaggio sulla Luna

Fondamentalmente, verificherebbe la capacità dei due veicoli spaziali di attraccare in un ambiente dove, se ci fosse un problema, sarebbe molto più facile per l’equipaggio tornare sano e salvo a casa. Convaliderebbe inoltre la capacità degli astronauti di vivere all’interno dell’astronave ed eseguire alcune manovre di salita e discesa.

Forse, cosa altrettanto importante, una missione del genere consentirebbe all’agenzia spaziale di evitare un lungo divario tra Artemis II e Artemis III. Nessuno è abbastanza sicuro di quanto tempo impiegherà SpaceX per consegnare un veicolo Starship in grado di atterrare in sicurezza sulla Luna e poi ripartire. L’azienda è nota per muoversi molto velocemente nella fase di sviluppo, ma ha ancora un’enorme quantità di lavoro da fare con Starship.

SpaceX deve far volare regolarmente il veicolo, cosa che sta per fare, e quindi iniziare a condurre test di rifornimento. Questi sono necessari affinché SpaceX possa rifornire di carburante la Starship in orbita per una missione lunare, e nulla di simile è mai stato tentato su questa scala.

SpaceX deve quindi imparare a far funzionare la Starship nello Spazio profondo, atterrare sulla Luna e, cosa fondamentale, decollare dalla superficie lunare pochi giorni dopo per incontrarsi nuovamente con Orion in modo che gli astronauti possano tornare a casa. Tutto questo può essere risolto attraverso la progettazione e i test, ma ci vorrà tempo.

Un profilo di missione che prevede un incontro in orbita terrestre con Orion eviterebbe la necessità di gran parte di quel lavoro. Invece, SpaceX dovrebbe semplicemente dimostrare la capacità di portare la Starship nell’orbita terrestre bassa con un sistema di supporto vitale funzionale. Questo è sicuramente fattibile nei prossimi due anni.

Mattoni di polvere lunare, Mengzhou, silenzio radio

La missione Starship-Orion ha un altro vantaggio che la distingue da una missione Lunar Gateway: può essere eseguita senza un potente stadio superiore sul razzo SLS. Per le sue prime tre missioni Artemis, la NASA sta utilizzando uno stadio superiore “provvisorio” per il razzo Space Launch System basato sul razzo Delta e prodotto dalla United Launch Alliance. Ora che la produzione dei razzi Delta è cessata, non è chiaro se si possano produrre più di questi stadi provvisori, almeno non a un costo ragionevole.

Mentre una missione “Gateway” per Artemis richiederebbe l’uso di uno stadio superiore provvisorio per lanciare Orion nell’orbita lunare, la missione di rendezvous in orbita terrestre non lo farebbe. Le fonti hanno indicato che uno stadio centrale da solo potrebbe probabilmente combinarsi con Orion per mettere il veicolo in un’orbita sufficientemente alta per una tale missione.

Questo consentirebbe alla NASA di salvare lo stadio superiore provvisorio finale per la prima missione di atterraggio lunare più avanti nel decennio. Successivamente, la NASA passerà a un secondo stadio più potente per il razzo Space Launch System, l’Exploration Upper Stage. Ma questa nuova fase non sarà pronta prima del 2028.

La NASA è chiaramente sensibile alla revisione dei piani Artemis perché sta affrontando un taglio di bilancio e forse anche perché questo è un anno di elezioni presidenziali. Sembra probabile che l’agenzia spaziale non voglia annunciare ulteriori ritardi o cambiamenti nei piani di Artemis almeno fino al prossimo anno. Fonti hanno riferito ad ARS che non è stata presa alcuna decisione definitiva sulla revisione di Artemis III.

Conclusioni

Un altro motivo di segretezza è che l’agenzia vuole chiarire ai politici che ritiene i suoi appaltatori Artemis responsabili delle loro prestazioni. Nella sua dichiarazione in risposta alle domande di Ars, la NASA ha affermato: “Tutti i partner devono fare ogni sforzo per operare nei tempi previsti per garantire che la NASA possa raggiungere gli obiettivi di esplorazione Luna-Marte dell’agenzia“.

E già a gennaio, quando Ars mise in dubbio la probabilità di una data di atterraggio nel 2026 durante una teleconferenza sulle missioni Artemis, un alto funzionario della NASA di nome Jim Free ha cercato di attribuire la responsabilità ai partner della NASA.

La luna si sta restringendo, Slim, SCALPSS, Mengzhou, Viper, silenzio radio

È interessante perché qui abbiamo 11 persone del settore che hanno firmato contratti per rispettare quelle date“, ha detto Free della teleconferenza, che includeva rappresentanti di SpaceX, Axiom e altre società.

Quindi, dal mio punto di vista, le persone dell’industria sono qui oggi dicendo che la sosteniamo. Abbiamo firmato contratti per quelle date da parte del governo in base ai dettagli tecnici che ci hanno fornito, che i nostri team tecnici si sono fatti avanti Naturalmente non è privo di rischi“.

2