Metodo anti-invecchiamento rintracciato in particolari cellule vegetali

All'interno di una cellula vegetale è stato studiato con più attenzione un caratteristico organello che ha rivelato potenzialità anti-invecchiamento

Gli scienziati potrebbero essere vicini al raggiungimento del loro obiettivo di invertire il processo di invecchiamento poiché hanno recentemente scoperto un nuovo interessante elemento vegetale. Nelle cellule vegetali infatti c’è un organello particolare conosciuto ormai da più di un secolo. Tuttavia, questo è un dettaglio che è stato sottovalutato nel corso degli anni poiché non sono state condotte molte ricerche per comprenderne la potenzialità.

Invecchiamento

Cellula vegetale promette un effetto anti-invecchiamento per gli esseri umani

Recentemente, un gruppo di ricerca dell’UCR ha deciso di studiare queste cellule vegetali per determinare quali parti di esse sono responsabili del controllo della risposto allo stress derivante da fattori come la poca luce o poco sale che causano l’invecchiamento.

Con loro sorpresa, gli studiosi hanno scoperto una proteina poco studiata che è responsabile del mantenimento dell’organello all”interno della cellula vegetale e controlla se le piante sopravvivono se lasciate troppo spesso in zone con scarsa illuminazione naturale.

Katie Dehesh, eminente Professoressa di biochimica molecolare presso l’UCR e coautrice dello studio pubblicato su Nature Plants Journal, ha dichiarato: “Per noi, questa scoperta è molto interessante. Per la prima volta abbiamo definito la profonda importanza di un organello nella cellula che prima non era implicato nel processo di invecchiamento”.

Questo organello, il corpo del Golgi, è composto da una serie di sacche ricoperte da membrana a forma di coppa ed è responsabile dello smistamento delle molecole nella cellula per garantire che arrivino a destinazione. La proteina chiamata COG funziona controllando e coordinando il movimento delle piccole sacche che trasportano altre molecole attorno alla cellula stessa.

Invecchiamento

La proteina COG e i corpi del Golgi lavorano in collaborazione, poiché questa proteina è ciò che aiuterà i corpi del Golgi a legare gli zuccheri ad altre proteine o lipidi prima che vengano inviati nei punti necessari nella pianta.

Heeseung Choi, ricercatore del Dipartimento di Botanica e Scienze Vegetali dell’UCR e primo autore del nuovo studio sull’invecchiamento, ha descritto come la proteina e l’organello lavorano insieme.

Choi ha scritto: “I Golgi sono come l’ufficio postale della cellula. Confezionano e inviano proteine e lipidi dove sono necessari. Un Golgi danneggiato può creare confusione e problemi nelle attività della cellula, influenzando il modo in cui la cellula stessa funziona e rimane sana“.

Dopo aver scoperto quanto sia importante la proteina COG per la salute delle piante, il gruppo di ricerca ha deciso di scavare più a fondo per saperne di più su come questa proteina ha influenzato la crescita di queste piante. Lavorando con due gruppi di piante, ne hanno modificate alcune in modo che non potessero produrre queste proteine. Come previsto, le piante modificate non hanno avuto problemi di crescita in condizioni normali e non potevano essere distinte dalle piante non modificate.

Choi ha osservato: “Al buio, i mutanti COG hanno mostrato segni di invecchiamento che tipicamente compaiono nelle piante selvatiche e non modificate intorno al nono giorno. Ma nei mutanti questi segni si manifestavano in soli tre giorni”. Questo perché privare le piante della luce limita il loro accesso alla luce solare per produrre zucchero che favorisce la loro crescita.

Dopo aver invertito la mutazione e invertito questa proteina nella pianta, il gruppo di ricerca ha notato che essa ha riportato immediatamente in vita le piante, come se non stessero quasi morendo.

Rallentare l'invecchiamento e la decadenza cognitiva con abitudini sane

La vera scoperta ora risiede nel fatto che i corpi di Golgi non esistono solo nelle piante poiché sono presenti anche negli esseri umani e in tutti gli organismi eucarioti. Dehesh ha osservato che questa ricerca ha effettivamente fatto avanzare la conoscenza sull’ invecchiamento delle piante, il che sarà davvero utile per scoprire indizi sul processo di invecchiamento umano.

Pertanto, il team intende continuare a studiare i meccanismi molecolari alla base dei risultati di questo studio sull’invecchiamento per vedere quanto si avvicineranno al raggiungimento di una svolta decisiva relativa alle malattie legate all’età negli esseri umani.

Articoli più letti

Related articles