Invecchiamento: è possibile invertirlo

Diversi studi scientifici hanno cercato non solo di spiegare le ragioni dell'invecchiamento ma anche le strategie genetiche per invertirlo

0
528
Invecchiamento: HKDC1 mantiene le cellule giovani, invecchiare

La vecchiaia è una brutta bestia, ma l’alternativa è peggio”, rispose il Divo ad un cronista forse inconsapevole dell’acume dell’intervistato. Per altri ancora, l’invecchiamento è un privilegio non a tutti concesso, quindi non questa brutta bestia che si dipinge.

L'immortalità è impossibile. La colpa è nella fisica . dell’invecchiamento

Forse il punto non è invecchiare, ma invecchiare bene, vivere la terza fase della nostra vita come un ulteriore occasione per migliorarci, progredire e perché no preservare la salute fisica è psichica.

Invecchiamento: è possibile tirare indietro le lancette dell’orologio?

Che l’invecchiamento sia una fase della vita, ce lo ricordano ogni giorno. Un promemoria necessario per farci capire che la vita ha un limite, o un assillo che vorremmo ci fosse risparmiato? Ciascuno risponda secondo coscienza. Quel che è vero è che non tutti invecchiamo allo stesso modo: c’è chi anche da anziano conserva movimenti fluidi e mente lucida.

Si tratta di un elisir di lunga vita concesso a pochi o forse entrano in concorso diverse cause, come genetica, ambiente, alimentazione e grado di istruzione? La scienza da anni cerca di dare non solo risposte, ma anche soluzioni per godere di un invecchiamento felice. No, non è un ossimoro, è possibile. Vediamo come.

Un team di scienziati della Harvard Medical School ha pubblicato il primo approccio chimico per riprogrammare le cellule in uno stato più giovane. In precedenza, questo era possibile solo utilizzando una potente terapia genica.



Secondo questa interessante ricerca, geni specifici, chiamati fattori Yamanaka, potrebbero convertire le cellule adulte in cellule staminali pluripotenti indotte (iPSC). Questa scoperta, vincitrice del Premio Nobel, ha sollevato la questione se sia possibile invertire l’invecchiamento cellulare senza far sì che le cellule diventino troppo giovani e diventino cancerose.

I ricercatori hanno effettuato un’accurata selezione delle molecole che potrebbero invertire l’invecchiamento delle cellule umane. Questa nuova scoperta apre nuove frontiere della medicina rigenerativa

Fino a poco tempo fa, la cosa migliore che potevamo fare era rallentare l’invecchiamento. Nuove scoperte suggeriscono che ora possiamo invertirlo“, ha affermato David A. Sinclair, AO, Ph.D., Professore presso il Dipartimento di Genetica e co-direttore del Paul F. Glenn Center for Biology of Aging Research presso la Harvard Medical School e scienziato a capo del progetto. “Questo processo ha precedentemente richiesto la terapia genica, limitandone l’uso diffuso”.

Questa nuova scoperta offre il potenziale per invertire l’invecchiamento con una singola pillola, con applicazioni che vanno dal miglioramento della vista al trattamento efficace di numerose malattie legate all’età“, ha affermato Sinclair.

È possibile invertire l'invecchiamento cellulare?

Judith Campisi, ricercatrice biomedica, ha osservato che in natura l’organismo è programmato per vivere una media di 45 anni, in modo che non sia sfiorato dall’invecchiamento e dalle malattie neurodegenerative come l’Alzheimer e il Parkinson. Gli studi sull’argomento che si portano avanti oggi invece, riguardano la senescenza cellulare.

Essa è legata alla stragrande maggioranza dei disturbi che caratterizzano l’invecchiamento, che è dovuto all’intervento della medicina, ma che purtroppo presenta un conto da pagare. Per questa ragione, quando si interviene sull”evoluzione e sulla selezione naturale, bisogna farlo con saggezza e specialmente, con cognizione di causa.

Un biologo evoluzionista di nome George Williams, negli anni ’50 ha dichiarato: “L’evoluzione non ha mai dovuto mettere a punto la prostata. Se non hai una buona prostata, non avrai buoni bambini. Non si fanno buoni bambini. D’altra parte, quasi inevitabilmente con l’invecchiamento, diciamo oltre i 50 anni, la prostata inizia ad ingrossarsi e ovviamente diventa possibile lo svilupparsi di un cancro. Eppure ciò non è accaduto per gran parte della nostra storia evolutiva”.

Una cellula senescente smette di dividersi e cerca di resistere alla morte e non solo, tende a secernere molte molecole che possono avere effetti sulle cellule vicine e anche sulla circolazione. La resistenza alla morte cellulare permette alle cellule senescenti di rimanere in circolazione, questo spiega perché più un tessuto è vecchio, più presenta cellule senescenti.

Campisi ha dichiarato: “Se si eliminano le cellule senescenti, è possibile fare una di queste tre cose su una patologia legata all’età: o renderla meno grave, o posticipare la sua insorgenza, oppure – e questa è, ovviamente, la soluzione uno che tutti amiamo: in alcuni casi, puoi persino invertire quella patologia”.

La dottoressa genetista Dena Dubal, Professoressa associata di neurologia presso il Weill Institute for Neurosciences dell’Università della California, San Francisco, invece studia la longevità femminile e l’invecchiamento del cervello.

In ogni società del mondo, le donne vivono più a lungo degli uomini. Esiste un fondamento biologico che caratterizza la longevità femminile e il loro invecchiamento. Le cause principali di questo fenomeno sono quattro:

1.I cromosomi sessuali. Le femmine hanno due cromosomi X in ogni cellula, contrariamente ai maschi che hanno i cromosomi XY. Si pensa infatti che il cromosoma Y abbia effetti tossici e deleteri.

  1. Il cromosoma X “in più” nelle donne, le porta ad essere più longeve, poiché non devono tollerare nessuna tossicità cromosomica.

  2. “La maledizione della madre”. Sono le madri che trasmettono tutti i mitocondri in tutte le cellule. Questo diventa davvero importante perché i mitocondri possono evolversi solo in un corpo femminile. I maschi non trasmetteranno mai i loro mitocondri.

  3. Potrebbe essere che il testosterone stia diminuendo la durata della vita nei maschi e gli estrogeni la stiano aumentando nelle femmine?

I telomeri influenzano l'invecchiamento

La funzione mitocondriale è più evoluta verso la fisiologia femminile, rispetto alla fisiologia maschile. E questo potrebbe fare la differenza con l’invecchiamento quando iniziano i primi problemi. Le cellule femminili possono essere più in forma perché i loro mitocondri sono più evoluti nelle cellule femminili rispetto alle cellule maschili. Per i maschi, sarebbe una maledizione della madre.

Dubal ha dichiarato: “Alcuni sostengono che la rimozione del testosterone prolunga la vita. La dinastia coreana Chosun aveva una popolazione di eunuchi coreani, che furono castrati. Erano membri utili e rispettati della dinastia e della corte imperiale. E hanno vissuto una vita molto lunga, una vita significativamente più lunga rispetto agli uomini della stessa condizione socio-economica che vivevano nello stesso periodo – in media, 15 anni in più“.

La diminuzione del testosterone prolunga la vita. E lo vediamo, in realtà. Sono stati condotti studi su animali in cui le pecore vengono castrate e vivono più a lungo rispetto a quelle che non lo sono. E alcuni studi molto affidabili sui cani. Naturalmente, sterilizziamo i nostri cani e i cani maschi castrati vivranno più a lungo dei cani maschi non castrati“.

Invece, per verificare se la longevità femminile e un invecchiamento più tardivo rispetto ai maschi sia dettata anche dagli estrogeni è stato svolto uno studio su topi geneticamente manipolati. Sul cromosoma Y c’è lo SRY, un fattore che determina i testicoli, un gene che causa la differenziazione maschile e la produzione di testicoli e testosterone.

Nel modello di topi geneticamente manipolati, lo SRY viene tolto dal cromosoma Y e aggiunto a qualsiasi altro autosoma, i cromosomi non sessuali. Sostanzialmente questo intervento ha permesso di sviluppare topi con quattro sessi:

Topi XX con ovaie, cioè il tipico genotipo e fenotipo biologico femminile. XX topi che si sono sviluppati come maschi con testicoli. E questo ancora, perché hanno ereditato il fattore determinante testicolare SRY e si sono differenziati come maschi e non possono essere distinti dagli altri topi maschi, tranne che sono XX. Quindi hanno i testicoli, hanno comportamenti riproduttivi maschili, eiaculano. Combattono nelle loro gabbie. Sono topi maschi, tranne che sono XX.

Lo stesso accade con i maschi: maschi XY privi del fattore determinante dei testicoli e che si sono sviluppati automaticamente come femmine, cioè indistinguibili dalle altre femmine di topo. Hanno ovaie, hanno un utero, hanno il ciclo, hanno comportamenti riproduttivi femminili, sono topi femmine, tranne che la loro genetica è XY. E poi abbiamo il maschio tipico, cioè il maschio XY che ha sviluppato un fenotipo maschile.

La Dubal ha spiegato: ” Quello che abbiamo scoperto molto chiaramente è che i topi con due cromosomi X vivevano più a lungo di quelli con due cromosomi XY. Quindi i topi XX, indipendentemente dal fatto di crescere con le ovaie e con molti estrogeni, o indipendentemente dal fatto di avere testicoli e molto testosterone, sono stati i topi XX a vivere più a lungo rispetto agli XY. Si è trattato quindi di un esperimento genetico decisivo che ci ha mostrato davvero per la prima volta che i cromosomi sessuali contribuiscono alla longevità femminile”.

I topi che vivevano più a lungo di tutti i gruppi, o i topi che avevano ovaie combinate con i cromosomi XX, quelli vivevano fino alla massima durata di vita, suggerendo che anche gli ormoni prodotti dalle ovaie, le ovaie e gli ormoni contribuiscono alla longevità femminile. E che forse il testosterone è deleterio. Quindi la risposta è stata: il principale effetto statistico era che i cromosomi sessuali contribuiscono alla longevità femminile. Tuttavia, gli ormoni hanno avuto un effetto anche lì“.

2