Morbo di Parkinson: non una, ma due malattie

I ricercatori di tutto il mondo, sono rimasti perplessi dai diversi sintomi e dai diversi percorsi della malattia del Parkinson in alcuni pazienti. Un importante studio, ha ora identificato che ci sono in realtà due tipi di malattia.

9477

Anche se il nome può suggerire il contrario, il morbo di Parkinson non è una, ma ben due malattie, a partire dal cervello o dall’intestino. Non a caso, in più di una circostanza, è stato sottolineato come l’intestino, per le sue funzioni, è considerato come un “secondo cervello”.
Questo spiega perché i pazienti affetti da Parkinson, descrivono sintomi molto diversi tra loro; ed è indicata la medicina tradizionale, come la via da seguire per le persone affette da questa patologia.
Questa è la conclusione di uno studio appena pubblicato sulla principale rivista di neurologia: Brain.
I ricercatori, dietro lo studio, sono il professor Per Borghammer e il medico Jacob Horsager del Dipartimento di Medicina Clinica dell’Università di Aarhus e dell’Ospedale Universitario di Aarhus, Danimarca.
Con l’aiuto di tecniche di scansione avanzata, abbiamo dimostrato che il morbo di Parkinson può essere diviso in due varianti, che iniziano in punti diversi del corpo. Per alcuni pazienti, la malattia inizia nell’intestino e si diffonde da lì al cervello attraverso connessioni neurali. Per altri, la malattia inizia nel cervello e si diffonde all’intestino e ad altri organi come il cuore“; spiega Per Borghammer.
Il professore, pone l’accento anche che la scoperta potrebbe essere molto efficace per il trattamento del morbo stesso in futuro; giacché dovrebbe essere basato sul modello di malattia del singolo paziente.
Il morbo di Parkinson è caratterizzato da un lento deterioramento del cervello, dovuto all’alfa-sinucleina accumulata, (o α-sinucleina – una proteina che, negli esseri umani, è codificata dal gene SNCA, che può formare aggregati proteici insolubili in diverse patologie neurologiche); in altre parole una proteina che danneggia le cellule nervose. Questo porta ai movimenti lenti e rigidi che molte persone associano alla malattia.

Morbo di Parkinson sconvolge la ricerca: la malattia non è omogenea e i sintomi sono diversi a seconda del paziente

Nello studio, i ricercatori hanno utilizzato tecniche avanzate di PET (dall’inglese Positron Emission Tomography – cioè tomografia a emissione di positroni)  e di risonanza magnetica per esaminare le persone affette da morbo di Parkinson.
Nello studio sono incluse anche persone che non sono ancora state diagnosticate ma che hanno un alto rischio di sviluppare la malattia. Come ad esempio le persone cui è stata diagnosticata la sindrome del comportamento nel sonno – REM – che hanno un rischio maggiore di sviluppare il morbo di Parkinson.
Lo studio ha dimostrato che alcuni pazienti hanno subito danni al sistema dopaminergico del cervello prima che occorressero danni all’intestino e al cuore. In altri pazienti, le scansioni hanno rivelato danni al sistema nervoso dell’intestino e del cuore prima che il danno nel sistema di dopamina del cervello fosse visibile.
Questa conoscenza è importante e sfida la comprensione del morbo di Parkinson, che è stato prevalente fino ad ora, dice Per Borghammer.
Fino ad ora, molte persone hanno visto la malattia come relativamente omogenea e l’hanno definita sulla base dei classici disturbi del movimento. Ma allo stesso tempo, siamo rimasti perplessi sul perché ci fosse una così grande differenza tra i sintomi dei pazienti. Con questa nuova conoscenza, i diversi sintomi hanno più senso e questa è anche la prospettiva in cui la ricerca futura dovrebbe essere vista“. Aggiunge Per Borghammer .
Quindi, i ricercatori si riferiscono a due tipi di morbo di Parkinson: prima di tutto a livello intestinale e poi Cerebrale. Nel primo caso, può essere particolarmente interessante studiare la composizione dei batteri nelle viscere, conosciuta come microbiota intestinale.
Le spiegazioni di Per Borghammer
“È stato dimostrato da tempo che i pazienti affetti da Parkinson hanno un microbioma nell’intestino diverso da quello delle persone sane; senza che noi ne comprendiamo veramente il significato. Ora che siamo in grado di identificare i due tipi di morbo di Parkinson, possiamo esaminare i fattori di rischio e i possibili fattori genetici che possono essere diversi per i due tipi. Il passo successivo è quello di esaminare se, ad esempio, il morbo di Parkinson, che è la prima malattia del corpo, può essere trattata trattando l’intestino con il trapianto di feci o in altri modi che influenzano il microbioma”; dice il professore.
“La scoperta del Parkinson a livello cerebrale è una sfida più grande. Questa variante della malattia è probabilmente relativamente priva di sintomi fino a quando non compaiono i sintomi del disturbo del movimento e al paziente è diagnosticato il Parkinson. A quel punto il paziente ha già perso più della metà del sistema dopaminergico, e sarà quindi più difficile trovare i pazienti abbastanza presto da poter rallentare la malattia”; rileva Per Borghammer.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Parkinson: 8 milioni in tutto il mondo ne sono affetti

Lo studio dell’Università di Aarhus è lineare, perché i partecipanti sono richiamati di nuovo dopo tre e sei anni in modo che tutti gli esami e le scansioni possano essere ripetute.
Secondo Per Borghammer, questo rende lo studio il più completo di sempre, e fornisce ai ricercatori preziose conoscenze e chiarimenti sul morbo di Parkinson – o malattie simili.
“Studi precedenti hanno indicato che ci potrebbe essere più di un tipo di Parkinson, ma questo non è stato dimostrato chiaramente fino a questo studio, che è stato specificamente progettato per chiarire questa questione. Ora abbiamo una conoscenza che offre la speranza di un trattamento migliore e più mirato per le persone che sono colpite dal morbo di Parkinson in futuro“. Conclude il ricercatore.
Secondo l’Associazione danese per il morbo di Parkinson, ci sono 8.000 persone affette dal morbo di Parkinson in Danimarca e fino a otto milioni di pazienti diagnosticati in tutto il mondo.
Si prevede che questa cifra salirà a 15 milioni nel 2050 a causa dell’invecchiamento della popolazione. Il rischio di contrarre il morbo, infatti, aumenta drammaticamente con l’aumentare dell’età della popolazione.