Alcol: anche basse dosi potrebbero causare cambiamenti cerebrali

Un nuovo studio scientifico ha scoperto che anche se assunto a basse dosi, l’alcol può causare dipendenza al nostro cervello. I cambiamenti che le sostanze alcoliche possono apportare al cervello non sono da sottovalutare, anche se tali bevande vengono assunte limitatamente. Lo studio è stato effettuato sui roditori dai ricercatori dell’Università dell’Illinois a Chicago.

Gli studiosi dopo il lavoro svolto sono arrivati alla conclusione che “il cervello sperimenta gli effetti anti-ansia dell’alcol e il miglioramento dell’umore (il rilassamento e il brusio) è anche pronto per il disturbo da consumo di alcol“.

Alcune persone più suscettibili al distubo da consumo di alcol

Subhash Pandey, autore senior dello studio e ricercatore senior presso il Jesse Brown Veterans Affairs Medical Center, ha dichiarato che mentre la ricerca, ad esempio, non implica che un drink provochi dipendenza negli individui, fornisce alcune informazioni sul motivo per cui alcune persone sono più suscettibili al disturbo da consumo di alcol.

Il ricercatore ha aggiunto tramite alcune dichiarazioni riportate da Scitechdaily.com: “Stiamo vedendo che i comportamenti dipendenti potrebbero non derivare sempre da abitudini a lungo termine e in quantità elevate, ma il risultato di rapidi cambiamenti epigenetici nel cervello, che mostriamo in questo studio, possono iniziare a verificarsi anche a basse dosi“.

L’esperimento sui roditori

Un articolo pubblicato sulla rivista Molecular Psychiatry descrive in dettaglio gli esperimenti di Sabhash Pandey e del suo team. Gli scienziati hanno studiato i ratti sotto controllo e le condizioni di esposizione all’alcol. Negli esperimenti, i roditori sono stati esposti a basse concentrazioni di alcol e i ricercatori hanno osservato mentre giravano in un labirinto.

Successivamente, i ricercatori hanno utilizzato il sequenziamento dell’RNA per esaminare campioni di tessuto cerebrale ottenuti dopo la morte dei roditori e hanno cercato modelli nell’espressione genica.

Quando i campioni sono stati analizzati, i ricercatori hanno scoperto che un gene noto come subunità alfa del fattore 3 inducibile dall’ipossia, o Hif3a in breve, era collegato a comportamenti come per quanto tempo i ratti rimanevano in parti del labirinto con braccia chiuse (elevata ansia) o aperte (bassa ansia).

Una riduzione dell’ansia

L’alcol ha aumentato l’espressione di Hif3a, anche dopo basse dosi di esposizione, e ha ridotto l’ansia. Inoltre, mentre molti effetti dell’alcol sono diversi tra maschi e femmine, in questo studio non c’era differenza tra i due. Sabhash Pandey ha affermato come nel corso dell’esperimento si è notato come il “bere sociale” (l’assunzione di alcol a basse dosi) modifichi l’espressione genica dell’amigdala, ovvero, la regione del cervello che regola l’ansia.

Sabhash Pandey e i suoi colleghi hanno anche avviato ulteriori esperimenti in cui hanno bloccato il gene nell’amigdala dei ratti con o senza esposizione all’alcol per convalidarne il ruolo nella mediazione dell’ansia. Quando l’Hif3a è stato bloccato, l’ansia è aumentata nei ratti di controllo, imitando l’astinenza dall’esposizione cronica all’alcol. D’altra parte, questo ha anche impedito gli effetti ansiosi dell’alcol. I ricercatori hanno mostrato anche perché. La cromatina di Hif3a (a fasci di DNA e RNA) sono raggruppati in modo lasco, il che significa che i geni sono facilmente accessibili per i cambiamenti di trascrizione.

Il priming per la dipendenza

Una cosa che lo studio non suggerisce, tuttavia, è quale livello di esposizione all’alcol fosse sicuro per i roditori. Sabhash Pandey ha dichiarato che è importante sapere che le basse dosi abbiano creato il priming per la dipendenza. Per le persone, pensa che l’asporto sia semplice: non dare per scontato che il bere sociale o anche il “bere pandemico” sia privo di rischi.

Pandey ha aggiunto che quello da abuso di alcol sia un disturbo complesso e difficile da risolvere, ma allo stesso tempo le nuove informazioni apprese aiutano a capire meglio “cosa sta succedendo nel cervello e, un giorno, potrebbero essere sfruttate per sviluppare trattamenti e prodotti farmaceutici migliori“.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Vacanze Sarde: le migliori cose da fare e da vedere a Olbia

Quando si pensa alle vacanze estive, difficilmente non si...

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

Civiltà Maya: straordinario ritrovamento di 3 piramidi

Nel cuore delle foreste tropicali del Messico, un team...

Bosone di Higgs: il Modello Standard resiste

Una nuova ricerca ha confermato le previsioni del Modello...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Industria 4.0, il futuro è già qui

Ebbene sì, siamo in piena IV rivoluzione industriale, ovvero...

Geoingegneria: 5 rischi dell’innovativo piano per il clima

Negli ultimi anni, la crisi climatica è diventata una...

Articoli correlati

Popular Categories