Universo 25: dalla società utopistica dei topi alle previsioni di un cupo futuro per l’umanità

Universo 25 fu un interessante esperimento sociale, le cui risultanze generarono, e generano, forti preoccupazioni per il futuro dell'umanità

0
6563
Universo 25: dalla società utopistica dei topi alle previsioni di un cupo futuro per l'umanità
Universo 25: dalla società utopistica dei topi alle previsioni di un cupo futuro per l'umanità

Tra il 1968 e il 1970, l’etologo americano John B. Calhoun (1917-1995) condusse uno studio comportamentale su topi in cattività all’interno di un recinto di tre metri quadrati in una struttura rurale a Poolesville, nel Maryland. All’interno del recinto noto come Universo 25, diverse coppie di topi hanno riprodursi liberamente, fino a raggiungere una popolazione di 2200 individui.

La gran quantità di animali concentrati in uno spazio relativamente ristretto portò alla nascita di un ordine sociale composto da fazioni interne ed esterne finché gli accoppiamenti cessarono del tutto.

Lo studio confermò le conclusioni raggiunte da studi precedenti sul ratto norvegese racchiuso in piccoli ambienti ovvero che la sovrappopolazione genera finisce per creare una rottura degli equilibri sociali, portando la comunità all’estinzione.

Sebbene controversa quando fu resa pubblica per la prima volta, le conclusioni di Calhoun hanno sollevato preoccupazioni nel corso degli anni sul fatto che il crollo sociale dell’Universo 25 potrebbe alla fine essere una metafora della traiettoria della razza umana. Di conseguenza, il “progetto dell’utopia dei roditori” è stato oggetto di interesse tra architetti, consigli urbanistici e agenzie governative di tutto il mondo.

PRIMI STUDI SUI RODITORI

Calhoun iniziò la sua ricerca sperimentale sui roditori nel 1947, quando studiò un gruppo chiuso di ratti norvegesi in un fienile a Rockville, nel Maryland. Fornendo alle creature cibo e acqua illimitati, si aspettava di vedere la loro popolazione crescere fino a 5.000 unità nel corso dell’esperimento di 28 mesi. Tuttavia, la popolazione raggiunse solo il limite di 200 individui dopo la suddivisione in gruppi più piccoli, ciascuno dei quali comprendeva solo una dozzina di soggetti.



Continuando con questi studi negli anni ’50, Calhoun allestì un recinto più complesso per esaminare come si sarebbero comportati altri gruppi di roditori in un ambiente sterilizzato e privo di predatori. Nel corso di questi esperimenti, si verificò ogni volta la stessa sequenza di eventi:

  • I topi si incontravano, si accoppiavano e si riproducevano in grandi quantità.
  • Alla fine si raggiungeva verificato un equilibrio tra nascite e decessi.
  • Successivamente, i roditori sviluppavano comportamenti ostili, passivi e antisociali.
  • La popolazione finivs per estinguersi.

Nel 1962, Scientific American pubblicò le osservazioni di Calhoun tratte dalla sua ricerca nell’articolo “Densità della popolazione e patologia sociale“, in cui coniò l’espressione “abbassamento del comportamento” per descrivere i risultati del sovraffollamento – vale a dire il crollo delle funzioni sociali e il crollo delle popolazioni – nell’ambiente chiuso dei roditori. Colpendo il pubblico proprio nel periodo in cui le città andavano espandendosi. Molti videro l’articolo come un’avvisaglia di ciò che potrebbe accadere alla razza umana se la popolazione continuasse a crescere al ritmo attuale.

UNIVERSO 25: L’ESPERIMENTO DI CALHOUN CON UN’UTOPIA DI RODITORI

Espandendo i suoi studi precedenti, Calhoun ideò il suo ultimo esperimento di ricerca. Nell’Universo 25, mise una popolazione di topi all’interno di un recinto di 2,7 metri quadrati composto da quattro recinti, 256 compartimenti e 16 tane, tutti riforniti di cibo ed acqua illimitati.

Con un ambiente privo di malattie, un’abbondanza di comfort, una mancanza di predazione e una fornitura illimitata di materiali di consumo, i topi potevano godere di tutti i lussi equivalenti alla vita umana moderna. Calhoun avviò l’esperimento con quattro paia di topi sani, lasciati liberi nel recinto per dare inizio alla nuova società.

Durante i primi 104 giorni – una fase che Calhoun ha soprannominato il “periodo di lotta” – i topi si sono adattati al nuovo ambiente, hanno segnato il loro territorio e hanno iniziato a nidificare. Questo è stato seguito dal “periodo di sfruttamento“, che ha visto la popolazione raddoppiare ogni 55 giorni. Entro il 315° giorno, l’Universo 25 conteneva 620 topi.

Nonostante l’abbondanza di spazio in tutto il recinto – ogni compartimento poteva ospitare fino a 15 individui e il recinto complessivo era costruito per una capacità di 3.000 – la maggior parte dei topi affollava determinate aree e mangiava dalle stesse fonti di cibo. Come si è scoperto, l’atto di mangiare finì per essere visto come un’attività comunitaria, che indusse la maggior parte dei topi a favorire gli stessi pochi compartimenti.

Tutto questo, tuttavia, portò a un calo degli accoppiamenti e il tasso di natalità scese presto a un terzo del livello precedente. Iniziarono anche gli squilibri sociali:

  • Un terzo degli individui divenne socialmente dominante.
  • Gli altri due terzi si rivelarono socialmente meno abili dei loro antenati.
  • Con la diminuzione delle capacità di legame tra i topi, l’Universo 25 subì un lento ma irreversibile declino.

STATUS SOCIALE NELL’UNIVERSO 25

Entro il giorno 315, le disparità di comportamento tra i maschi di status elevato e basso divennero più pronunciate. Quelli in fondo alla gerarchia venivano respinti dalle femmine e smisero del tutto di tentare di accoppiarsi. Non avendo alcun ruolo da svolgere all’interno della società dei topi, questi maschi emarginati si allontanavano dai gruppi più grandi per mangiare e dormire da soli – e talvolta litigare tra loro.

I maschi alfa, al contrario, diventarono più aggressivi e combattivi, lanciandosi spesso nella violenza senza una chiara provocazione o motivo. A volte, questi maschi vagavano e aggredivano indiscriminatamente altri topi, indipendentemente dal sesso. Nel frattempo, i maschi beta – quelli classificati a metà strada tra gli alfa aggressivi e gli omega emarginati – diventarono più timidi e inerti, finendo per essere spesso i destinatari passivi della violenza. In diversi casi, i bagni di sangue si concludevano con una festa cannibale per i vincitori.

Con i topi maschi ormai lontani dai loro ruoli tradizionali nell’Universo 25, le femmine finirono per limitarsi a badare ai loro nidi. Di conseguenza, molte femmine adottarono comportamenti più aggressivi, che a volte sfociavano in violenza nei confronti dei loro piccoli. Altre presero ad astenersi del tutto dai doveri materni, bandendo le loro cucciolate non allevate e ritirandosi da ulteriori accoppiamenti, con gravi conseguenze:

  • In alcuni compartimenti, il tasso di mortalità infantile superò il 90 per cento.
  • Calhoun la chiamò “fase di stagnazione“, alternativamente nota come “periodo di equilibrio”.
  • I modelli comportamentali eccessivamente aggressivi e passivi furono attribuiti alla rottura dei ruoli sociali e al dilagante over-clustering.

UN PICCO NEL TASSO DI MORTALITÀ

Entro il 560° giorno, l’aumento della popolazione era cessato del tutto poiché il tasso di mortalità si aggirava al 100%. Questo segnò l’inizio della “fase della morte” – alias il “periodo della morte” – in cui l’utopia dei roditori scivolò verso l’estinzione. Tra la violenza, l’ostilità e la mancanza di accoppiamento, la generazione più giovane di topi raggiunse la maturità senza essere mai stata esposta a esempi di relazioni normali e sane. Senza il concetto di accoppiamento, genitorialità o marcatura del territorio, questa generazione di topi trascorreva tutte le ore di veglia a mangiare, bere e pulirsi.

In riferimento alle loro apparenze perfezionate e imperturbabili, Calhoun chiamava questi topi “i belli“. Vivendo in isolamento dagli altri topi, erano stati risparmiati dalla violenza e dai conflitti che si scatenavano nelle aree affollate, ma non versavano contributi sociali.

Secondo Calhoun, la fase della morte consisteva in due fasi: la “prima morte” e la “seconda morte“. La prima era caratterizzato dalla perdita di uno scopo nella vita al di là della semplice esistenza: nessun desiderio di accoppiarsi, crescere giovani o stabilire un ruolo all’interno della società. Questa prima morte era rappresentata dalle vite apatiche dei belli, mentre la seconda morte era segnata dalla fine letterale della vita e dall’estinzione dell’Universo 25.

IL SOLE TRAMONTA SULL’UNIVERSO 25

Estendendo le sue osservazioni sui belli, Calhoun in seguito ha affermato che i topi, come gli umani, prosperano grazie a un senso di identità e scopo all’interno del mondo in generale. Ha sostenuto che esperienze come tensione, stress, ansia e necessità di sopravvivere rendono necessario il coinvolgimento nella società.

Quando tutti i bisogni sono soddisfatti senza difficoltà e non esiste alcun conflitto, l’atto di vivere viene spogliato al suo minimo essenziale fisiologico di cibo e sonno. Dal punto di vista di Calhoun:

  • Qui sta il paradosso di una vita senza lavoro né conflitto.
  • Quando ogni senso di necessità viene spogliato dalla vita di un individuo, la vita cessa di avere uno scopo.
  • L’individuo muore nello spirito.

A poco a poco, i topi che si rifiutavano di accoppiarsi o di impegnarsi nella società arrivarono a superare in numero quelli che formavano bande, violentavano e saccheggiavano e si nutrivano dei propri simili. L’ultimo concepimento conosciuto nell’Universo 25 avvenne il giorno 920, a quel punto la popolazione era limitata a 2.200 individui, ben al di sotto della capacità di 3.000 del recinto.

C’era ancora una scorta infinita di cibo, acqua e altre risorse per i topi, ma non importava. L’indebolimento del comportamento si era instaurato e non c’era modo di impedire all’Universo 25 di sbandare fino alla sua scomparsa. Ben presto, non ci fu più un solo topo vivente nel recinto.

TENTATIVO DI SALVATAGGIO FALLITO E OSSERVAZIONI CONCLUSIVE

Prima che l’utopia dei roditori implodesse del tutto, Calhoun rimosse alcuni dei belli per vedere se avrebbero vissuto vite più produttive se fossero stati rilasciati in una nuova società, libera da conflitti sociali e carneficine. Collocando questi topi in un ambiente fresco con pochi residenti preesistenti – uno scenario simile a quello che accolse le prime coppie collocate nell’Universo 25 – si aspettava che i belli si svegliassero dalla loro foschia asociale e rispondessero alla chiamata della natura per popolare l’ambiente.

Tuttavia, i topi trasferiti non mostrarono segni di cambiamento rispetto ai loro precedenti modelli comportamentali. Rifiutandosi di accoppiarsi o addirittura di interagire con i loro nuovi coetanei, i topi solitari alla fine morirono per cause naturali e la società nascente si piegò senza una sola nuova nascita.

Dal punto di vista di Calhoun, l’ascesa e la caduta dell’Universo 25 hanno dimostrato cinque punti fondamentali sui topi, così come sugli esseri umani:

  1. Il topo è una creatura semplice, ma deve sviluppare le capacità per il corteggiamento, l’educazione dei figli, la difesa del territorio e l’adempimento del ruolo personale sul fronte domestico e comunitario. Se tali abilità non si sviluppano, l’individuo non si riprodurrà né troverà un ruolo produttivo all’interno della società.
  2. Come con i topi, tutte le specie invecchieranno e gradualmente si estingueranno. Non c’è nulla che suggerisca che la società umana non sia soggetta agli stessi sviluppi che hanno portato alla scomparsa dell’Universo 25.
  3. Se il numero delle persone qualificate supera il numero delle ruoli nella società, il caos e l’alienazione saranno gli esiti inevitabili.
  4. Gli individui cresciuti in queste ultime condizioni non avranno alcuna relazione con il mondo reale. L’appagamento fisiologico sarà la loro unica spinta nella vita.
  5. Proprio come i topi prosperano su una serie di comportamenti complessi, la preoccupazione per gli altri sviluppata nelle capacità e comprensioni umane post-industriali è vitale per la continuità dell’uomo come specie. La perdita di questi attributi all’interno di una civiltà potrebbe portare al collasso.

IL LAVORO DI CALHOUN DOPO L’UNIVERSO 25

Nel 1972, Calhoun ha condiviso le sue osservazioni sui risultati dell’utopia dei roditori in un saggio intitolato “Death Squared: The Explosive Growth and Demise of a Mouse Population“. Questo lavoro ha guadagnato notorietà immediata per la sua visione cupa delle conseguenze di una società sovrappopolata ed eccessivamente sazia.

Dati tutti i conflitti che avevano avuto un impatto sul mondo negli anni immediatamente precedenti – Vietnam, rivolte razziali, omicidi politici, guerra fredda e rivoluzione culturale cinese – il pubblico temeva che le scoperte di Calhoun fossero indicative dell’attuale corso dell’umanità. Gli esempi di saccheggio e carneficina di roditori sulla scia del sovraffollamento sembravano rispecchiare i disordini sociali della società umana degli anni ’60 e ’70, che coincidevano con un’espansione urbana incontrollata senza precedenti.

Nonostante le cupe parabole presentate nelle osservazioni di Calhoun, il ricercatore non stava cercando di implicare che l’umanità fosse diretta verso l’estinzione. Sebbene abbia sicuramente visto parallelismi tra la caduta dell’Universo 25 e alcuni dei mali della società, sottolineava che gli umani – in quanto specie più sofisticata – hanno la saggezza e l’ingegnosità per invertire tali tendenze.

Dopotutto, gli esseri umani hanno scienza, tecnologia e medicina, che danno all’umanità la capacità di:

  • Causalità precisa
  • Evitare i disastri
  • Guarire ferite e malattie
  • Esplorare nuovi ambienti

Ha anche sottolineato che l’Universo 25 non era un habitat naturale, poiché era rifornito di cibo in abbondanza e lussi e tenuto libero da predatori e malattie.

SPERANZA PER L’UMANITÀ?

Tuttavia, Calhoun temeva che l’umanità potesse dirigersi verso un destino simile se le città fossero diventate sovraffollate e la popolazione fosse cresciuta oltre la capacità del mercato del lavoro. Per aiutare la società a trovare il modo di impedire che ciò accada, trascorse parte della sua successiva carriera esplorando diverse forme di progresso umano, estendo le sue ricerche fino al concetto di colonizzazione spaziale.

A tal fine, formò un team accademico chiamato Space Cadets. Il suo scopo era promuovere l’idea che gli esseri umani stabilissero colonie su altri pianeti.

Calhoun si concentrò anche sulla pianificazione urbana, che riteneva fosse la chiave per evitare il naufragio comportamentale visto in 25. Credeva che la progettazione delle città fosse parzialmente responsabile dei modi in cui gli abitanti interagivano tra loro e che dovessero essere presi provvedimenti in tandem con lo sviluppo per mantenere una comunicazione positiva tra le persone.

Come parte del suo sforzo per promuovere concetti alternativi di design della città, testò il modello dell’utopia dei roditori con più di 100 altri universi nei due decenni successivi. Il suo lavoro in questo settore è stato molto apprezzato dai consigli urbanistici negli Stati Uniti e all’estero.

EREDITÀ E DOMANDE NEL 21° SECOLO

Sono trascorsi più di quattro decenni da quando Calhoun condusse il suo esperimento dell’Universo 25. Tuttavia, permangono domande sulle osservazioni che ha tratto dal crollo dell’utopia dei roditori. La questione più urgente è la questione della popolazione umana, che a livello globale potrebbe raggiungere i 9,6 miliardi entro il 2050 se manteniamo la rotta attuale. L’andamento demografico suscita numerose preoccupazioni:

  • L’umanità continuerà a prosperare se la popolazione supererà il numero di posti di lavoro disponibili? Che dire della tecnologia, per cui un nuovo prodotto o un’innovazione rende obsoleti interi campi o un’attività che un tempo richiedeva più mani può ora essere completata con la semplice pressione di un pulsante?
  • Se la maggior parte dei posti di lavoro sono superati dalla tecnologia, cosa sosterrà l’economia? Grandi sezioni trasversali della popolazione diventeranno indigenti o la classe dei miliardari sosterrà tutti?
  • In che modo le persone funzioneranno e interagiranno tra loro in un mondo in cui quasi nessuno lavora? Un individuo può sviluppare capacità interpersonali quando non è necessario perseguire relazioni di lavoro nel mondo esterno?

Tutte domande cui sarà necessario trovare risposta, infatti i topi e gli uomini sembrano piuttosto simili quando la ricerca di Calhoun viene confrontata con la civiltà moderna.

2