1l’Oumuamua: in atto un progetto per seguire il suo viaggio

1I'Oumuamua, il primo oggetto interstellare entrato nel nostro sistema solare, ora è in uscita ma gli esperti stanno elaborando nuove strategie per seguire il suo viaggio

0
8971

1l’Oumuamua” (pronunciato oh MOO-uh MOO-uh) è il nome assegnato nell’Ottobre 2017 al primo oggetto interstellare confermato e che è stato osservato mentre è entrato nel nostro sistema solare. La parte 1I del suo nome si traduce in Oggetto Interstellare N. 1. ‘Oumuamua è una parola hawaiana che significa “messaggero” o “esploratore avanzato”.

1I'Oumuamua

È venuto dallo spazio e il suo aspetto e il suo comportamento strani hanno inviato onde d’urto in tutto il mondo. Ora, un gruppo di astrofisici è determinato a non lasciare che il misterioso oggetto interstellare vaghi senza essere monitorato.

1l’Oumuamua: l’asteroide interstellare che viaggia nel Cosmo

1l’Oumuamua si suppone provenga dalla direzione generale della stella Vega, la stella più luminosa della costellazione della Lira. Una volta nel nostro sistema solare, è sembrato che accelerasse e ha anche cambiato rotta e ora pare che stia per uscire di nuovo, dopo aver suscitato un intenso fascino con la sua forma e il suo comportamento.

Non si tratta di una cometa né di un asteroide, almeno, non per come noi li conosciamo. Si tratta di un’astronave aliena? Oppure stiamo osservando un mix inaspettato di elementi naturali conosciuti?



L’archeologa spaziale della Flinders University, Professoressa associata Alice Gorman, ha dichiarato che il misterioso visitatore interstellare ispira ancora nuove idee sette anni dopo la sua comparsa : “Potrebbe trattarsi di una roccia molto comune, ma non di una tipologia che abbiamo già classificato, ma ha aperto così tante possibilità. È un enigma“.

E risolvere questo puzzle sta producendo ulteriori domande inaspettate: “Una missione verso 1l’Oumuamua, il Progetto Lyra, sembrerebbe un modo ideale per rispondere a tutte queste domande“, ha dichiarato Adam Hibberd, sviluppatore di software di astronavigazione e ricercatore dell’Iniziativa per gli studi interstellari (I4IS), e ha dimostrato che è ancora possibile, nonostante ‘Oumuamua abbia lasciato il nostro sistema solare.

Oumuamua sembra essere caratterizzato da uno stato solido. Non ha mostrato una coda di gas comune alle comete che cadono verso il Sole dai bordi esterni del Sistema Solare. È di un colore rossastro, generalmente interpretato come un segno di “alterazione” delle molecole organiche di tolina attraverso l’esposizione alle radiazioni cosmiche nel corso di centinaia di milioni di anni e anche la sua forma è molto insolita.

Inizialmente è sembrato lungo e sottile, come un sigaro, ma analisi successive della luce pulsante in modo irregolare riflessa dalla sua superficie lunga 400 metri hanno rivelato che la sua forma è più vicina a quella di una frittella.

‘Oumuamua si è mosso in maniera incredibile te veloce e la sua velocità di fuga orbitale solare di 95.000 km/h corrisponde a circa 5,5 volte la distanza che separa la Terra dal Sole ogni anno.

Un recente studio pubblicato dalla rivista scientifica Nature ha offerto un’interpretazione plausibile: “Oumuamua ha depositi irregolari di idrogeno congelato sulla sua superficie. E il suo nucleo è abbastanza leggero da poter essere spinto in ogni direzione quando uno di questi bolle sotto l’esposizione alla luce solare”.

1I'Oumuamua

All’inizio, tutti sono stati entusiasti di quanto fosse insolito“, ha aggiunto Gorman: “Ma si è scoperto che ci sono almeno altri sette oggetti conosciuti che hanno mostrato questo un’accelerazione che non coinvolge la gravità. È bastato un visitatore interstellare per rileggere i nostri appunti e scoprire tutti questi altri oggetti che in realtà non sono rientrati nelle categorie in cui sono stati inseriti”.

Qualunque sia la realtà, Gorman ha affermato che: “Il messaggio di Oumuamua alla Terra è una delle possibilità. L’ idea di trasformare un asteroide in un’abitazione mobile è una cosa di cui hanno scritto molti autori di fantascienza“, ha aggiunto: “Questo dimostra che i materiali propellenti possono esistere in natura e, una volta combinati con le curve di gravità, aiutano ad attraversare le distanze interstellari”.

I4IS ha avviato il “Progetto Lyra” descrivendo in dettaglio i mezzi plausibili per inviare una sonda spaziale per osservare ‘Oumuamua due settimane dopo la sua scoperta. Sette anni dopo, ‘Oumuamua è già ben oltre l’orbita di Nettuno e sta attraversando i lontani corpi ghiacciati della Cintura di Kuiper.

Hibberd ha parlato di come la tecnologia esistente, tra cui Space X Falcon Heavy e lo Space Launch System della NASA, possa spingere una sonda verso Giove. Il gigante gassoso può quindi correggere l’inerzia della sonda rispetto a ‘Oumuamua prima di ricadere verso il Sole in una traiettoria di inseguimento.

L’ultimo scenario di Hibberd propone un tuffo entro 10 raggi solari (circa 700.000 km) dalla superficie del Sole, una distanza già dimostrata fattibile con il successo della Parker Solar Probe della NASA: “Quindi è possibile utilizzare esattamente la stessa tecnologia dello scudo termico, un materiale composito carbonio-carbonio”, ha dichiarato Hibberd.

Nel punto di avvicinamento più prossimo, il punto del periapsi, un razzo solido può massimizzare l’accelerazione della sonda mentre viene lanciata via dalla gravità del Sole. Le opportunità di lancio per sfruttare gli allineamenti planetari adeguati si presenteranno nel 2030 e nel 2033. Una volta in movimento, una sonda impiegherebbe circa 17 anni per raggiungere un oggetto interstellare in rapido allontanamento.

“‘Oumuamua ha perforato la bolla di isolamento della Terra”, ha spiegato Gorman: “Questo ci dimostra che siamo parte della galassia molto più di quanto siamo abituati a pensare. Il geografo Nigel Clark lo definisce uno scambio dinamico con il Cosmo”.

L’umanità ha già inviato le sonde Voyager e Pioneer al di fuori del nostro sistema solare.Ora sappiamo che altre cose lo attraversano. Siamo abituati alla metafora dell’“astronave Terra” come di una piccola bolla che fluttua nello spazio ostile del nostro sistema solare. Ma questa idea può essere estesa al nostro Sistema Solare mentre si muove attraverso la nostra galassia, e la nostra galassia mentre si muove nel Cosmo.

1I'Oumuamua

Oumuamua ha chiaramente dimostrato che no, non siamo isolati dal resto della galassia, ma che interagiamo con essa continuamente“.E le prove di questo ambiente galattico in cambiamento probabilmente aspettano solo di essere trovate: “Quel movimento avviene su una scala temporale che non ha significato per noi, ma possiamo vederne le tracce conservate su questi mondi senza atmosfera“, ha spiegato Gorman.

Oumuamua, con il suo presunto carico di acqua, idrogeno e toline, rafforza il potenziale di una teoria un tempo derisa come “ai margini”: la panspermia, l’idea che il modello della vita possa essere “seminato” in tutta la galassia.

Ogni volta che una missione viene inviata su una cometa o un asteroide, questi risultati ritornano sempre: secchi carichi di acqua, idrocarburi, molecole prebiotiche, comprese quelle necessarie per il DNA e l’RNA“, ha concluso Gorman.

2