Loeb insiste: ‘Oumuamua potrebbe essere una nave aliena

Scoprire che c'è vita intelligente oltre il nostro pianeta potrebbe essere l'evento più straordinario della storia umana, ma cosa accadrebbe se gli scienziati decidessero di ignorare collettivamente le prove che suggeriscono che è già accaduto?

41373

Scoprire che c’è vita intelligente oltre il nostro pianeta potrebbe essere l’evento più straordinario della storia umana, ma cosa accadrebbe se gli scienziati decidessero di ignorare collettivamente le prove che suggeriscono che è già accaduto?

Questa è la premessa di un nuovo libro di un importante astronomo, che sostiene che la spiegazione più semplice e migliore per le caratteristiche altamente insolite di un oggetto interstellare che ha attraversato il nostro sistema solare nel 2017 è che si trattasse di tecnologia aliena.

Suona eccentrico? Avi Loeb dice che le prove sostengono il contrario, ed è convinto che i suoi colleghi nella comunità scientifica siano così consumati dal pensiero di gruppo che non sono disposti a brandire il rasoio di Occam.

Le credenziali stellari di Loeb, professore di astronomia ad Harvard, che ha anche pubblicato centinaia di articoli pionieristici e ha collaborato con grandi come il compianto Stephen Hawking, lo rendono difficile da respingere a titolo definitivo.

“Pensare di essere unici, speciali e privilegiati è arrogante”, ha detto all’AFP in una videochiamata.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“L’approccio corretto è essere modesti e dire: Non siamo niente di speciale, ci sono molte altre culture là fuori e dobbiamo solo trovarle”.

‘Oumuamua: il misterioso visitatore

Loeb, 58 anni, espone l’argomento per le origini aliene dell’oggetto chiamato ‘Oumuamua  “scout” in hawaiano, in “Extraterrestre: il primo segno di vita intelligente oltre la Terra”.

I fatti sono i seguenti

Nell’ottobre 2017, gli astronomi hanno osservato un oggetto che si muoveva così rapidamente che poteva provenire solo da un’altra stella, la prima intrusa interstellare registrata.

Non sembrava essere una roccia normale, perché dopo essersi fiondata intorno al Sole, ha accelerato e deviato dalla traiettoria prevista, spinta da una forza misteriosa.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
1 / 1Ci sono due forme che si adattano alle peculiarità osservate: lunga e sottile come un sigaro, come si vede nell'illustrazione di questo artista, o piatta e rotonda come una frittella, quasi sottile come un rasoio
Ci sono due forme che si adattano alle peculiarità osservate: lunga e sottile come un sigaro, come si vede nell’illustrazione di questo artista, o piatta e rotonda come una frittella, quasi sottile come un rasoio

Questo potrebbe essere facilmente spiegato se si trattasse di una cometa che espelle gas e detriti, ma non c’erano prove visibili di questo “degassamento”.

Il viaggiatore è anche caduto in uno strano modo, come dedotto da come è diventato più luminoso e più fioco nei telescopi degli scienziati, ed era insolitamente luminoso, forse suggerendo che fosse fatto di un metallo brillante.

Per spiegare cosa è successo, gli astronomi hanno dovuto inventare nuove teorie, come ad esempio che fosse fatto di ghiaccio di idrogeno e quindi non avrebbe avuto scie visibili, o che si sarebbe disintegrato in una nuvola di polvere.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Queste idee che sono venute a spiegare le proprietà specifiche di ‘Oumuamua coinvolgono sempre qualcosa che non abbiamo mai visto prima”, ha affermato Loeb.

“Se questa è la direzione che stiamo prendendo, allora perché non contemplare un’origine artificiale?”

Navigazione leggera

‘Oumuamua non è mai stato fotografato da vicino durante il suo breve soggiorno: abbiamo appreso della sua esistenza solo quando stava già uscendo dal nostro sistema solare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ci sono due forme che si adattano alle peculiarità osservate: lunghe e sottili come un sigaro, o piatte e rotonde come una frittella, quasi sottilissime.

Loeb afferma che le simulazioni favoriscono quest’ultimo e crede che l’oggetto sia stato deliberatamente realizzato come una vela leggera spinta dalla radiazione stellare.

Un’altra stranezza era il modo in cui l’oggetto si muoveva, ad aggravare la stranezza del suo passaggio.

Prima di incontrare il nostro Sole, ‘Oumuamua era “a riposo” rispetto alle stelle vicine, statisticamente molto raro. Piuttosto che pensarlo come un vascello che sfreccia nello spazio, dal punto di vista dell’oggetto, il nostro sistema solare ci si è schiantato contro.

Avi Loeb crede che "Oumuamuah potrebbe essere una vela di luce, come quelle inviate nello spazio dalla Plantary Society
Avi Loeb crede che “Oumuamuah potrebbe essere una vela di luce, come quelle inviate nello spazio dalla Plantary Society

“Forse ‘Oumuamua era come una boa che riposa nella distesa dell’universo”, scrive Loeb.

Come un filo di viaggio lasciato da una forma di vita intelligente, in attesa di essere innescato da un sistema stellare.

Unendo l’umanità

Le idee di Loeb lo hanno messo in contrasto con gli altri astronomi.

Scrivendo su Forbes, l’astrofisico Ethan Siegel definì Loeb uno “scienziato un tempo rispettato” che, non essendo riuscito a convincere i suoi pari delle sue argomentazioni, aveva iniziato ad assecondare il pubblico.

Loeb, da parte sua, protesta contro una “cultura del bullismo” nell’accademia che punisce coloro che mettono in dubbio l’ortodossia, proprio come fu punito Galileo quando propose che la Terra non fosse il centro dell’universo.

Rispetto ai rami speculativi ma rispettati della fisica teorica, come la ricerca della materia oscura o dei multiversi, la ricerca della vita aliena è una strada molto più sensata da perseguire, ha detto.

Ecco perché Loeb sta spingendo per un nuovo ramo dell’astronomia, “l’archeologia spaziale”, per cercare le firme biologiche e tecnologiche degli extraterrestri.

“Se troviamo prove di tecnologie che hanno impiegato un milione di anni per svilupparsi, allora possiamo ottenere una scorciatoia in queste tecnologie, possiamo impiegarle sulla Terra”, ha affermato Loeb, che ha trascorso la sua infanzia in una fattoria israeliana leggendo filosofia e meditando sulla grande vita. 

Una tale scoperta potrebbe anche “darci la sensazione che facciamo parte della stessa squadra” mentre l’umanità affronta minacce che vanno dal cambiamento climatico al conflitto nucleare.

“Piuttosto che combattersi come le nazioni fanno molto spesso, forse collaboreremmo”.