13.3 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomeCuriositàOlio di oliva: breve storia tra mito, leggende e tradizioni

Olio di oliva: breve storia tra mito, leggende e tradizioni

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Olio di oliva, quante leggende e quanta storia intorno a uno dei prodotti alimentari più apprezzati nel mondo! Nell’Impero Romano, ad esempio, era un importante bene commerciale, oltre che un simbolo culturale e religioso. La leggenda narra che gli eroici fondatori di Roma, i fratelli Romolo e Remo, siano nati proprio all’ombra di un ulivo prima di essere notoriamente nutriti da una lupa.

Olio di oliva nella mitologia romana

Nella mitologia romana, alla dea della saggezza Minerva è attribuita la creazione del primo ulivo, in una leggenda che riecheggia la storia greca. La leggenda narra di una gara di doni tra Minerva e il dio degli oceani Nettuno. Nettuno regalò al popolo una sorgente di acqua salata (o un cavallo da guerra, secondo altre fonti) mentre Minerva regalò loro un ulivo. La gente accettò con gratitudine l’olivo come fonte di cibo, medicine e legno.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il ramo d’ulivo come simbolo di pace era uno degli attributi della dea Pax (o Eirene nella mitologia greca) e del dio Marte, entrambi presenti sulle monete imperiali romane. In periodi di guerra, i sovrani inviavano corrieri con un simbolico ramoscello d’ulivo in mano per annunciare la pace o stipulare una tregua con i loro nemici.

Olio di oliva: in antichità prodotto di lusso e medicina

Un olio di oliva di alta qualità era qualcosa di molto simile ad un prodotto di lusso a quei tempi, quindi solo le persone benestanti e la nobiltà potevano permettersi di goderne il gusto delicato e i benefici nutrizionali. Più comunemente, era usato in medicina, rituali religiosi, profumi e cosmetici.

Le proprietà benefiche dell’olio d’oliva erano molto apprezzate dagli antichi medici. Il medico personale dell’imperatore romano Giuliano lo usava come base per cerotti e unguenti antisettici per lenire il dolore e curare ferite, tagli e ustioni, seguendo le testimonianze del famoso medico greco Ippocrate.

Inoltre, grazie alla sua capacità di lenire, inumidire e riscaldare la pelle, l’ olio di oliva veniva utilizzato come base per moltissimi profumi, cosmetici e prodotti per la cura della pelle. Per i romani era un ottimo detergente al posto del sapone, quando si godevano i famosi bagni romani. La procedura prevedeva di coprire i loro corpi con olio d’oliva e poi raschiarlo via insieme alle impurità con uno speciale strumento di legno, che lasciava la pelle pulita, morbida e luminosa.

Contributo dell’Impero Romano

I romani apportarono molti miglioramenti all’olivicoltura, alla spremitura dell’ olio di oliva e alla tecnologia di conservazione. Con l’espansione dell’Impero Romano, la coltivazione dell’olivo si diffuse in tutta l’Europa meridionale, stimolando una vivace industria e commercio del prodotto. Secondo alcuni documenti storici, era talmente apprezzato da essere addirittura accettato come pagamento delle tasse.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’olivo sacro e il suo olio hanno dato vita a una varietà di affascinanti leggende, tradizioni e motivi culturali. Eternati nelle opere classiche dell’arte mondiale, della letteratura e dell’architettura, non cesseranno mai di ispirare le generazioni future.

L’ulivo è uno degli alberi più amati e sacri e il suo posto è saldamente radicato nella tradizione e nella mitologia dell’antica Grecia. Tradizionalmente è simbolo di pace e di amicizia, questa associazione nasce nell’antica Grecia, già nel V secolo. Divenne chiaro che l’olivo aveva un’importanza speciale su tutti gli altri alberi quando gli eserciti persiani del grande re Serse invasero la Grecia.

Nel 480 aC gli edifici dell’Acropoli, che contenevano tantissimi ulivi, furono incendiati e distrutti. Tuttavia, gli alberi “germogliarono” lo stesso giorno dino ad un’altezza di due cubiti (1 metro!). Oltre a questo, i semi dei resti di questo albero sacro furono ripiantati in tutta l’Attica. Ciò ha significato che tutti gli uliveti che circondano Atene, discendono dall’albero originale di Atena.

Olio di oliva: la tecnica romana per l’estrazione

Le tecniche di coltivazione ed estrazione romane sono rimaste pressoché invariate fino ai primi anni del Novecento.

Nell’antica Roma la frantumazione delle olive veniva eseguita mediante il “trapetum“, un grosso mortaio scolpito nella pietra all’interno del quale una o due macine verticali ruotavano attorno ad un asse verticale, oppure mediante una mola olearia. Questo macchinario era costituito da una base circolare fissa con il braccio di una macina a ruota fissata ad un asse centrale. La distanza verticale tra la macina e la base poteva essere regolata in modo che i noccioli delle olive non venissero frantumati.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La pasta di olive ottenuta mediante trapeta o molae oleariae veniva stesa su dischi di fibre vegetali (fiscula) che venivano accatastati e pressati con il torcular. Queste presse erano azionate da leva, argano o viti.

Il piano di pressatura era in pietra o in laterizi. Sul suo confine c’era un canale che portava l’olio misto ad acqua in un recipiente. La miscela olio-acqua veniva poi versata in un altro vaso di terracotta a bocca larga dove si otteneva gradualmente la separazione dovuta al galleggiamento dell’olio sopra l’acqua.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Caratteristiche dell’ulivo

Gli ulivi richiedono poco in termini di nutrimento, poiché si sono evoluti nei secoli per terreni poveri e sassosi. Anche se apprezzano una somministrazione annuale di fertilizzante per mantenersi in salute! Sono incredibilmente resistenti alla siccità e, se lasciati crescere naturalmente, possono raggiungere un’altezza di 2 metri in 15 anni.

L’olivo era così venerato nella Grecia classica che Solone, uno dei saggi e legislatori della città, emanò la prima legislazione per proteggerlo. Chiunque fosse sorpreso a tagliare o sradicare un ulivo era passibile di morte. Mentre tutti gli ulivi erano considerati sacri, alcuni lo erano di più. Questi venivano chiamati Moria. Erano protetti da brevi recinzioni e danneggiarli in qualsiasi modo era considerato un reato capitale.

Fino ad oggi, la parola greca per punizione (timoria) deriva dal nome di questi alberi religiosamente significativi. La santità dell’olivo era così profondamente radicata, nell’antica psiche greca, che ancora oggi l’ olio di oliva svolge un ruolo fondamentale nei sacramenti della Chiesa greco-ortodossa.

La sua riverenza è radicata tanto nello spirituale quanto nel pratico. Nell’antichità l’olivo era apprezzato per la sua resistenza alle siccità, che invece uccide le coltivazioni di cereali, e per la sua capacità di prosperare sui pendii brulli delle montagne dove poco altro poteva prosperare. Ha fornito nutrimento. Era usato per conservare i cibi, per accendere lampade, per purificare il corpo e per migliorare l’aspetto, poiché l’ olio di oliva veniva spesso mescolato con altri ingredienti per fare cosmetici e profumi.

Olio di oliva, fondamentale nell’antica farmacopea

Ultimo ma non meno importante, l’olio d’oliva era fondamentale nell’antica farmacopea greca. Il fondatore della medicina, Ippocrate, lo chiamò il “toccasana“. Il grande filosofo greco Aristotele lo raccomandava come contraccettivo da applicare “a quella parte dell’utero dove cade il seme“.

Tra il 1200 e l’800 aC, la popolazione e il commercio nelle città-stato greche iniziarono a crescere, generando migrazioni greche in tutto il Mediterraneo e nel Mar Nero. I coloni in partenza portavano sempre con sé due cose: il fuoco dei focolari delle loro città d’origine e gli ulivi.

Così la coltivazione dell’albero sacro si diffuse da Massalia (Marsiglia) a Siracusa (Sicilia), a Bisanzio (Istanbul), a Panticapeon (Kerts, in Russia), a Neapolis (Napoli), a Nafkratis (Nebil egiziano), e a Neapolis (Tunisino Nabel), tra molti altri luoghi.

Articoli più letti