13.5 C
Rome
domenica, Novembre 27, 2022
HomeEsplorazione Spaziale'Oumuamua: entro il 2054 gli scienziati invieranno una sonda per raggiungerlo

‘Oumuamua: entro il 2054 gli scienziati invieranno una sonda per raggiungerlo

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

‘Oumuamua, il primo oggetto interstellare osservato nel nostro Sistema Solare, secondo l’astronomo e astrofisico di Harvard Avi Loeb potrebbe essere un’astronave aliena, ma potrebbe anche essere una roccia a forma di sigaro. Mentre molti nella comunità scientifica sono rassegnati a non scoprire mai la vera risposta, un team ha proposto un piano ambizioso per inviare una sonda che possa raggiungere il misterioso oggetto spaziale mentre viaggia sempre più lontano dalla Terra, rivela un rapporto di Forbes.

Inseguendo lo “straordinario” ‘Oumuamua

Dopo che ”Oumuamua è stato scoperto il 19 ottobre 2017, dal Pan-STARRS1 Near-Earth Object, gli astronomi hanno evidenziato diverse che rendevano l’oggetto diverso dagli altri asteroidi osservati nel nostro Sistema Solare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Poco dopo che ‘Oumuamua è stato osservato per la prima volta, ad esempio, ha cambiato velocità, portandosi fuori dal percorso inizialmente previsto. Lo strano oggetto non ha lasciato tracce di detriti sulla sua scia. Un astrofisico di Harvard, il professor Avi Loeb, e il suo team hanno poi notoriamente suggerito che ‘Oumuamua fosse un’astronave aliena interstellare, o almeno un detrito tecnologico alieno.

Un'illustrazione di 'Oumuamua. Fonte: ESA/Hubble, NASA, ESO, M. Kornmesser
Un’illustrazione di ‘Oumuamua. Fonte: ESA/Hubble, NASA, ESO, M. Kornmesser

Ora, ‘Oumuamua è fuori dalla portata dei nostri telescopi più potenti, ma queste discrepanze sono semplicemente troppo intriganti per non dare seguito alle osservazioni. Ecco perché un team dell’Iniziativa per gli studi interstellari (I4IS) ha pubblicato un nuovo documento che delinea i loro piani per il Progetto Lyra, una missione per inviare una sonda a vela solare per raggiungere e analizzare ‘Oumuamua prima che esca definitivamente dal sistema solare. 

“Le teorie per spiegare la natura di ‘Oumuamua hanno incluso un aggregato di polvere frattale, un iceberg di idrogeno, un iceberg di azoto, una vela solare aliena, frammenti di un pianeta distrutto dalle maree e così via”, hanno scritto gli autori dell’articolo. “Tutte queste spiegazioni hanno una caratteristica in comune: sono straordinarie”.

Una missione a vela solare sfrutterebbe la fionda gravitazionale di Giove

Il nuovo documento afferma che una missione potrebbe essere lanciata all’inizio del 2028 e raggiungere ‘Oumuamua, in base alla sua velocità e direzione di viaggio quando ha lasciato il nostro Sistema Solare, tra il 2050 e il 2054.

Per i primi quattro anni della missione, orbiterebbe attorno alla Terra due volte, poi una volta attorno a Venere e Giove per ottenere assistenza dalla gravità per accelerare e dirigersi verso il misterioso oggetto spaziale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La tecnologia delle vele solari, che ha dimostrato di funzionare dalla missione di prova del concetto LightSail 2 della Planetary Society, aiuterebbe ad alimentare la sonda nel suo cammino per raggiungere ‘Oumuamua. Tuttavia, la missione utilizzerà una vela fotonica almeno parzialmente alimentata da un laser sulla Terra, in modo simile al concetto di Breakthrough Starshot per una sonda a vela leggera che potrebbe raggiungere il sistema stellare più vicino a noi, Alpha Centauri, entro due decenni dal lancio.

Il rivoluzionario concetto di vela leggera di Starshot potrebbe raggiungere Alpha Centauri in 20 anni.
Il rivoluzionario concetto di vela leggera di Starshot potrebbe raggiungere Alpha Centauri in 20 anni.

Sebbene altre squadre abbiano proposto missioni verso ‘Oumuamua, la maggior parte di queste fanno affidamento sull’esecuzione di una manovra di Oberth attorno al Sole. In altre parole, quando la sonda inizia a cadere nel pozzo gravitazionale del Sole, alimenterà il suo propulsore dandogli un enorme aumento di velocità. Poiché ciò richiederebbe un enorme scudo per proteggersi dal calore e dalle radiazioni del Sole, il team I4IS ha proposto di impiegare invece una manovra di Oberth attorno a Giove.

“La missione assomiglierebbe molto di più alle missioni interplanetarie esistenti”, hanno spiegato gli autori. Tuttavia, la data di lancio dovrebbe essere fissata non prima di febbraio 2028, a causa dell’attuale allineamento orbitale di Giove.

Da quando ‘Oumuamua è stato osservato per la prima volta, è stato scoperto un altro oggetto interstellare, chiamato C/2019 Q4 (Borisov). A differenza di ‘Oumuamua, la cometa è risultata molto più simile ad altre rocce spaziali osservate nel corso della storia. Un motivo in più per inseguire ‘Oumumua e scoprirne i misteri

Articoli più letti