Una Soyuz di emergenza ha raggiunto la ISS

La navicella spaziale Soyuz ha attraccato senza pilota per sostituire quella danneggiata dalla perdita di refrigerante

0
473
Una Soyuz di emergenza ha raggiunto la ISS
Una Soyuz di emergenza ha raggiunto la ISS

Una navicella spaziale Soyuz di emergenza ha raggiunto la stazione spaziale in sostituzione di quella inutilizzabile per la perdita di refrigerante. L’episodio è accaduto due giorni dopo il lancio dal Kazakistan in una missione per dare a due cosmonauti russi e un astronauta della NASA un passaggio sulla Terra entro la fine dell’anno.

La navicella spaziale Soyuz MS-23 si è collegata al modulo Poisk, situato sul lato rivolto verso lo spazio del modulo di servizio russo Zvezda, sabato alle 19:58 EST (domenica 0058 GMT) per chiudere un rendezvous e attracco automatizzati guidati dal radar.

Non c’era nessuno a bordo 

La capsula dell’equipaggio con classificazione umana è volata alla stazione senza nessuno a bordo per problemi di funzionamento. La navicella spaziale Soyuz avrebbe dovuto portare a casa il comandante russo Sergey Prokopyev, il cosmonauta Dmitri Petelin e l’astronauta della NASA Frank Rubio il prossimo mese. Ma la Soyuz che ha lanciato l’equipaggio di Prokopyev a settembre ha avuto una perdita di refrigerante il 14 dicembre, espellendo scaglie di fluido ghiacciato dal suo radiatore nello spazio dopo quello che i funzionari russi hanno stabilito fosse probabilmente un impatto causato da un minuscolo frammento di roccia proveniente dallo spazio profondo, chiamato micrometeoroide.

Soyuz: la decisione dei funzionari russi 

I funzionari spaziali russi hanno deciso di anticipare di un mese il lancio della prossima navicella Soyuz fino alla fine di febbraio per sostituire la navicella Soyuz MS-22 danneggiata. 

Gli ingegneri russi hanno tuttavia ritenuto il veicolo Soyuz MS-22  abbastanza sicuro da poter essere utilizzato, se necessario, per un’evacuazione di emergenza della stazione spaziale, ma non per uno sganciamento e un atterraggio regolarmente programmati. I funzionari erano preoccupati per il surriscaldamento dell’avionica e di altri componenti interni della navicella Soyuz MS-22, con il suo sistema di raffreddamento disattivato.



Prokopyev, Petelin e Rubio hanno prolungato la loro spedizione di sei mesi sulla stazione spaziale per durare più di un anno. Invece di tornare sulla navicella spaziale Soyuz MS-22 danneggiata alla fine di marzo, rientreranno nell’atmosfera e atterreranno in Kazakistan a bordo della navicella spaziale Soyuz MS-23 appena arrivata a settembre, dopo il lancio del prossimo equipaggio Soyuz per prendere il loro posto sull’avamposto orbitante.

La navicella ha perso refrigerante 

Prokopyev, Petelin e Rubio hanno prolungato la loro spedizione di sei mesi sulla stazione spaziale affinché avesse una durata di oltre un anno. Invece di tornare sulla navicella spaziale Soyuz MS-22 danneggiata alla fine di marzo, rientreranno nell’atmosfera e atterreranno in Kazakistan a bordo della navicella spaziale Soyuz MS-23 appena arrivata a settembre, dopo il lancio del prossimo equipaggio Soyuz per prendere il loro posto sull’avamposto orbitante. 

Con l’attracco della navicella spaziale Soyuz MS-23 sabato notte, i membri dell’equipaggio della stazione hanno pianificato di trasferire le fodere dei sedili su misura dalle navi traghetto danneggiate Soyuz e Dragon Endurance di SpaceX attraccate in altri porti della stazione. Dalla perdita di refrigerante sulla Soyuz MS-22 e prima dell’arrivo della Soyuz MS-23, Rubio sarebbe tornato sulla Terra con altri quattro astronauti sulla capsula dell’equipaggio di SpaceX, se l’equipaggio della stazione avesse dovuto abbandonare la stazione in caso di emergenza.

Atterrerà sulla steppa kazaka 

La navicella spaziale Soyuz MS-22 danneggiata lascerà la stazione e si dirigerà verso un atterraggio assistito dal paracadute nella steppa kazaka il mese prossimo senza nessuno a bordo. I controllori di terra russi hanno rilevato una perdita di refrigerante simile da un mercantile Progress senza pilota attraccato alla stazione lo scorso febbraio.

Le perdite di refrigerante sulle navicelle Soyuz MS-22 e Progress MS-21 sono state diverse da qualsiasi cosa sia accaduta negli oltre 25 anni di storia della stazione spaziale. Dopo la fuga di notizie sul mercantile Progress all’inizio del mese, non è chiaro se i funzionari di Roscosmos credano ancora alla spiegazione del micrometeoroide per la perdita della Soyuz MS-22.

2