martedì, Ottobre 3, 2023
migliori casino non aams
HomeScienzaGeologiaUn misterioso fluido caldo fuoriesce dal fondale marino - video

Un misterioso fluido caldo fuoriesce dal fondale marino – video

Uno studio condotto dall'Università di Washington ha scoperto fuoriuscite di un misterioso fluido caldo e chimicamente distinto che si alzava dal fondo del mare a circa 50 miglia da Newport, nell'Oregon

Uno studio condotto dall’Università di Washington ha scoperto fuoriuscite di un misterioso fluido caldo e chimicamente distinto che si alzava dal fondo del mare a circa 50 miglia da Newport, nell’Oregon.

La loro ricerca descrive l’unica sorgente sottomarina che i ricercatori hanno chiamato Pythia’s Oasis. Le osservazioni suggeriscono che la sorgente provenga da una falda d’acqua sita a 4 chilometri sotto il fondale marino al confine della placca, che regola lo stress sulla faglia offshore.

Le faglie geologiche

Il campo della tettonica a placche è relativamente nuovo e i ricercatori stanno ancora scoprendo le complessità delle faglie geologiche che causano i terremoti. Una di queste faglie, la Cascadia Subduction Zone, è una faglia offshore potenzialmente catastrofica situata nel nord-ovest del Pacifico che deve ancora rivelare tutti i suoi segreti. Nonostante la sua calma inquietante, è in grado di produrre un terremoto di magnitudo 9.

Il team ha fatto la scoperta durante un ritardo dovuto alle condizioni meteorologiche per una crociera a bordo del camper Thomas G. Thompson. Il sonar della nave ha mostrato pennacchi di bolle inaspettati a circa tre quarti di miglio sotto la superficie dell’oceano. Ulteriori esplorazioni con un robot sottomarino hanno rivelato che le bolle erano solo una componente minore del fluido caldo e chimicamente distinto che sgorgava dal sedimento del fondo marino.

Il team di ricercatori ha esplorato in quella direzione e quello che hanno visto li ha lasciati sconcertati. Non erano solo bolle di metano, ma acqua che usciva dal fondo del mare come una manichetta antincendio. “È qualcosa che non ho mai visto e, per quanto ne so, non è mai stato osservato prima”, ha dichiarato il coautore Evan Solomon, professore associato di oceanografia dell’UW che studia la geologia dei fondali marini.


La caratteristica è stata scoperta dal primo autore Brendan Philip, che ha svolto il lavoro come studente laureato UW e ora lavora come consulente politico della Casa Bianca.

Le osservazioni delle crociere successive mostrano che il fluido che lascia il fondo marino è di 9 gradi Celsius (16 gradi Fahrenheit ) più caldo dell’acqua di mare circostante. I calcoli suggeriscono che il fluido provenga direttamente dal megathrust di Cascadia, dove le temperature sono stimate tra 150 e 250 gradi Celsius (da 300 a 500 gradi Fahrenheit).

Le nuove infiltrazioni non sono correlate all’attività geologica presso il vicino osservatorio del fondale marino verso il quale si stava dirigendo la crociera, ha detto Solomon. Invece, si verificano vicino a faglie verticali che tratteggiano la massiccia zona di subduzione della Cascadia. Queste faglie trascorrenti, in cui sezioni di crosta oceanica e sedimenti scivolano l’una sull’altra, esistono perché la placca oceanica colpisce la placca continentale ad angolo, mettendo sotto stress la placca continentale sovrastante.

La perdita di fluido dall’interfaccia del megathrust offshore attraverso queste faglie trascorrenti è importante poiché abbassa la pressione del fluido tra le particelle di sedimento, e quindi aumenta l’attrito tra la placca oceanica e quella continentale.

“La zona di faglia del megathrust è come un tavolo da air hockey”, ha affermato Solomon. “Se la pressione del fluido è alta significa che c’è meno attrito e le due piastre possono scivolare. Se la pressione del fluido è inferiore, le due piastre potrebbero bloccarsi e in quel momento potrebbe accumularsi lo stress”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il fluido rilasciato dalla zona di faglia è come una perdita di lubrificante, ha aggiunto Solomon. Questa è una cattiva notizia per i pericoli del terremoto: meno lubrificante significa che lo stress può accumularsi per creare un terremoto dannoso.

Questo è il primo sito conosciuto nel suo genere.

Simili siti di infiltrazione di fluidi potrebbero esistere nelle vicinanze sebbene siano difficili da rilevare dalla superficie dell’oceano. Una significativa perdita di fluido al largo dell’Oregon centrale potrebbe spiegare perché si ritiene che la parte settentrionale della zona di subduzione della Cascadia, al largo della costa di Washington, sia fortemente bloccata, o accoppiata, rispetto alla sezione meridionale al largo della costa dell’Oregon.

“Pythias Oasis fornisce una rara finestra sui processi che agiscono in profondità nel fondo marino, e la sua chimica suggerisce che il fluido proviene da vicino al confine della placca”, ha dichiarato la coautrice dello studio Deborah Kelley, professoressa di oceanografia dell’UW. “Questo suggerisce che le faglie vicine regolano la pressione del fluido e il comportamento di scivolamento della megaspinta lungo la zona centrale di subduzione della Cascadia”.

Il Professor Solomon è appena tornato da una spedizione per monitorare i fluidi sottomarini al largo della costa nord-orientale della Nuova Zelanda. La zona di subduzione di Hikurangi è simile alla zona di subduzione di Cascadia ma genera terremoti più frequenti e più piccoli che ne facilitano lo studio. Tuttavia ha una diversa struttura sottomarina, il che significa che è improbabile che abbia infiltrazioni di fluidi come quelle scoperte nel nuovo studio.

Fonte: Science Advances

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular