Tettonica a placche: Europa ed America potrebbero finire separate da una barriera di roccia

Da tempo si sa che ogni anno le Americhe si allontanano di qualche centimetro dall'Europa e dall'Africa. La tettonica a placche sta continuando il suo paziente lavoro e le placche sottostanti quei continenti si stanno muovendo in direzioni opposte

0
3539

La tettonica a placche sta separando l’Europa e l’America. Infatti, il fondo dell’oceano Atlantico si sta sollevando e, un giorno, tra l’Europa e le Americhe potrebbe ergersi un’alta barriera di roccia che impedirebbe la navigazione diretta tra i due continenti. Lo ha scoperto un nuovo studio pubblicato nei giorni scorsi su Nature.

Da tempo si sa che ogni anno le Americhe si allontanano di qualche centimetro dall’Europa e dall’Africa. La tettonica a placche sta continuando il suo paziente lavoro e le placche sottostanti quei continenti si stanno muovendo in direzioni opposte. Fino ad oggi, i ricercatori pensavano che la maggior parte di questo movimento delle piastre fosse guidato dai bordi più lontani delle placche.

Si pensava che quei bordi lontani stessero sprofondando nel mantello terrestre. Questo movimento nel tempo separerà le placche continentali, lasciando uno spazio vuoto. Il materiale dal mantello superiore potrebbe quindi filtrare attraverso la fessura tra le piastre. Indurendosi, questo materiale riempirebbe il fondo marino e l’unica conseguenza sarebbe una maggiore ampiezza dell’oceano Atlantico.

Ma i dati sismici rilevati dal fondo dell’Oceano Atlantico ora mettono in discussione questa idea.

A quanto pare, dalle profondità del mantello terrestre, centinaia di chilometri di profondità, sta sgorgando roccia fusa che poi si solidifica. 



Sta sorgendo da sotto una spaccatura del fondale marino chiamata dorsale medio atlantica. E non sembra un flusso passivo che si è sollevato per via dello spostamento delle placche tettoniche che scivolano via. Piuttosto, sembra che sia la roccia profonda che sta spingendo con forza verso la superficie, creando un cuneo tra le piastre continentali che le spinge via in direzioni opposte, separandole.

Si tratta di una scoperta che potrebbe cambiare la comprensione degli scienziati della tettonica a placche. Questo processo provoca terremoti ed eruzioni vulcaniche. Una maggiore conoscenza di come si spostano le placche potrebbe aiutare le persone a prepararsi meglio per questi disastri naturali.

Cos’è la tettonica a placche

La tettonica a placche è il modello di dinamica della Terra su cui concorda la maggior parte degli scienziati che si occupano di scienze della Terra, secondo cui la Terra è divisa in una ventina di placche principali.

Questa teoria è in grado di spiegare, in maniera integrata con altre conclusioni interdisciplinari, fenomeni che interessano la crosta terrestre quali: attività sismica, orogenesi, la disposizione areale dei vulcani, le variazioni di chimismo delle rocce magmatiche, la formazione di strutture come le fosse oceaniche e gli archi vulcanici, la distribuzione geografica delle faune e flore fossili durante le ere geologiche e i motivi per cui le attività vulcaniche e sismiche sono concentrate su determinate zone.

La base da cui partire per la comprensione della tettonica è accettare che, in origine, il mantello fosse coperto da magma il quale incominciò a solidificarsi quando la roccia fluida raggiunse il livello di temperatura inferiore a quella di fusione a causa dell’assenza di sorgenti di calore capaci di mantenere le condizioni precedenti.

E quindi due super continenti, che col progressivo raffreddamento e solidificazione del magma si sarebbero espansi ciascuno in direzione dell’Equatore, fino a unirsi/scontrarsi formando un super continente, fratturatosi poi a sua volta a causa della riduzione del volume del magma sottostante, sia per la solidificazione, sia per la sua fuoriuscita attraverso i punti più sottili della crosta, i vulcani.

La scoperta

Matthew Agius è un sismologo che opera presso l’Università Roma Tre di Roma, in Italia. Si occupa di sismometri, quegli strumenti che servono a misurare le onde sismiche innescate dai terremoti. Agius ed i suoi colleghi hanno installato 39 di questi dispositivi sul fondo marino dell’Atlantico. Hanno scelto un punto lungo la dorsale medio atlantica tra il Sud America e l’Africa. 

Questi sensori consentono al team di intravedere cosa sta succedendo sotto il fondo del mare. Per circa un anno, hanno monitorato i brontolii dei terremoti in tutto il mondo. Le onde sismiche generate da questi eventi hanno viaggiato in profondità attraverso il mantello terrestre nel loro cammino verso i sismometri, permettendo ai ricercatori di raccogliere indizi sulla posizione e il movimento del materiale che si trova molto al di sotto del fondo del mare.

In quei segnali, la squadra di Agius ha visto accenni di movimento profondo. Proveniva da più di 600 chilometri di profondità. Il materiale dal mantello inferiore della Terra stava salendo verso la cresta. “Si è trattato di una scoperta completamente inattesa“, dice Agius. La risalita di questa roccia fusa dalle profondità del mantello potrebbe essere la forza potente che costringe le placche tettoniche su entrambi i lati della spaccatura ad allontanarsi tra loro.

Jeroen Ritsema non è stato coinvolto nel lavoro, tuttavia, è un sismologo dell’Università del Michigan ad Ann Arbor. Dice dei nuovi dati sismici: “È certamente un’osservazione interessante“. Ma proviene da un solo gruppo di sismometri vicino all’equatore, sottolinea. Da quello, dice, è difficile dire quanto possa essere diffuso l’effetto. Non sanno ancora cosa sta succedendo altrove lungo la cresta. È come “guardare attraverso il buco della serratura“, dice. “E stai cercando di vedere cosa c’è in soggiorno, in camera da letto e in cucina“.

Le osservazioni in più punti lungo la dorsale medio atlantica potrebbero colmare le lacune. Potrebbero aiutare a mostrare quanto la risalita del mantello profondo determini il movimento del fondo marino atlantico. Sarebbero interessanti anche i dati di altre dorsali oceaniche in tutto il mondo. Ciò potrebbe mostrare se le risalite di magma fuso stiano effettivamente allontanando anche altri continenti.

2