Una nuova isola è emersa nell’Oceano Pacifico

Secondo l'Osservatorio della Terra della NASA, una nuova baby isola è emersa dopo l'eruzione di un vulcano sottomarino nelle isole centrali di Tonga

0
635
Una nuova isola è emersa nell'Oceano Pacifico
Una nuova isola è emersa nell'Oceano Pacifico

Secondo l’Osservatorio della Terra della NASA, una nuova baby isola è emersa dopo l’eruzione di un vulcano sottomarino nelle isole centrali di Tonga. L’isola continua a crescere, vomitando lava fusa, vapore e cenere ad almeno 1,8 miglia (3 chilometri) nell’aria.

La più grande concentrazione di vulcani sottomarini del mondo si trova nell’Oceano Pacifico sud-occidentale lungo una dorsale del fondale marino che va dalla Nuova Zelanda a Tonga. Il 10 settembre 2022 uno di loro è esploso.

Da allora, la montagna sottomarina di Home Reef ha rilasciato ripetutamente cenere e pennacchi di vapore, trasudava lava e scoloriva l’acqua circostante. Undici ore dopo l’eruzione, una nuova isola emerse sopra la superficie dell’acqua.

La formazione dell’isola è stata catturata attraverso le immagini riprese dal satellite Landsat 9 il 14 settembre. Un vasto pennacchio di vapore e cenere si allontana dal vulcano nell’immagine. Studi precedenti suggeriscono che questi pennacchi di acqua di mare surriscaldata e acida contengono zolfo, frammenti di roccia vulcanica e detriti di particolato.

L’isola continua a crescere

I vulcani sommersi dall’acqua sono conosciuti come montagne sottomarine. Quando i vulcani sottomarini eruttano, la lava erutta per formare una cresta sottomarina. Strati di lava si accumulano fino a quando una cresta rompe la superficie del mare per formare un’isola.



Inizialmente, gli esperti dei servizi geologici di Tonga hanno stimato che l’isola fosse di 4.000 metri quadrati (1 acro) e 13 piedi (10 metri) sul livello del mare. Tuttavia, è cresciuta fino a 24.000 metri quadrati (6 acri) entro il 20 settembre.

“L’attività del vulcano pone bassi rischi per la Aviation Community e per i residenti di Vava’u e Ha’apai“, ha affermato Tonga Geological Services. “Nessuna cenere visibile nelle ultime 24 ore è stata segnalata. Si consiglia a tutti i marinai di navigare oltre i 4 km da Home Reef fino a nuovo avviso”. Il servizio ha notato che la maggior parte della cenere dovrebbe cadere entro un miglio circa dallo sfiato.

La nuova isola si trova a sud-ovest di Late Island, a nord-est di Hunga Tonga-Hunga Ha’apai ea nord-ovest di Mo’unga’one. Questa parte è conosciuta come la zona di subduzione Tonga-Kermadec, dove tre placche tettoniche si scontrano al confine globale convergente più veloce. La placca pacifica qui sta affondando sotto altre due piccole placche, producendo una delle trincee più profonde della Terra e gli archi vulcanici più attivi.

Home Reef ha registrato quattro periodi di eruzioni, inclusi eventi nel 1852 e nel 1857. Piccole isole si sono formate temporaneamente dopo entrambi gli eventi e le eruzioni nel 1984 e nel 2006 hanno prodotto isole effimere con scogliere alte da 50 a 70 metri (da 31 a 43 km).

Sfortunatamente, la nuova baby isola potrebbe cessare di esistere a causa del degrado della roccia vulcanica causato dall’erosione delle onde. Secondo la NASA, le isole create dai vulcani sottomarini sono spesso di breve durata, anche se occasionalmente persistono per anni. Ad esempio, un’isola formata da un’eruzione di 12 giorni dal vicino vulcano Late’iki nel 2020 è stata spazzata via dopo due mesi, mentre un’isola creata nel 1995 dallo stesso vulcano è rimasta per oltre due decenni.

Fonte: Nasa earth observatory

2