Trovate statuette di Venere in una discarica in Francia

Gli archeologi, in Francia, hanno scoperto un tesoro di manufatti risalenti fino a 1.800 anni - tra cui statuette della dea Venere, una fornace da vasaio, monete e spille da abbigliamento

0
742
Trovate statuette di Venere in una discarica in Francia
Trovate statuette di Venere in una discarica in Francia

Gli archeologi, in Francia, hanno scoperto un tesoro di manufatti risalenti fino a 1.800 anni – tra cui statuette della dea Venere, una fornace da vasaio, monete e spille da abbigliamento – in un luogo raro: una cava di scisto romana che è stata successivamente riutilizzata in una fossa della spazzatura in quella che oggi è la città di Rennes.

La città di Rennes

Situata nel nord-ovest della Francia, Rennes fu fondata nel I secolo d.C. come città romana Condate Riedonum. Per realizzare case, muri ed edifici pubblici era necessaria una notevole quantità di pietra. All’inizio di questo mese, durante gli scavi in ​​vista di un progetto di sviluppo, gli archeologi dell’Istituto nazionale francese per la ricerca archeologica preventiva (Inrap) hanno annunciato la loro scoperta di una cava che fu probabilmente determinante nella fondazione della Rennes romana.

Appena fuori dal confine settentrionale dell’antica città, gli archeologi hanno trovato un sito di scavo rupestre di epoca romana profondo più di 6,5 piedi (2 metri), disposto in più fasi, da cui i romani estraevano lastre di scisto, una roccia metamorfica comunemente usata nell’antica costruzione di edifici.

“I romani sono famosi per lo sviluppo di cave in tutto il Mediterraneo”, ha dichiarato Jason Farr, un archeologo romano della Saint Mary’s University di Halifax, in Canada. Farr, un esperto di antiche cave che non è stato coinvolto nella presente scoperta, ha affermato che “la maggior parte delle cave nel mondo romano sarebbero state attività locali, incentrate sulla fornitura di pietre da costruzione alle città e alle fattorie vicine. I muri di cemento favoriti dai romani richiedevano una grande quantità di pietra”.

Quando la pietra fu esaurita e la cava abbandonata nel II secolo d.C., divenne una grande discarica di rifiuti. Gli archeologi dell’Inrap hanno scoperto numerosi frammenti di pentole e piatti, alcune monete, alcune spille da vestiario, oltre a diverse statuette in terracotta, tra cui due raffiguranti Venere in ruoli diversi. Conosciuta come la dea dell’amore nel periodo romano, Venere divenne strettamente associata agli imperatori ed era spesso il simbolo del potere romano.

Lo scavo della cava ha restituito un frammento di Venere genitrice (dea-madre) che mostra il busto drappeggiato in tessuto. Il secondo esempio più completo è di Venere anadiomene (che sorge dal mare); è nuda e, con la mano destra, si toglie l’acqua dai capelli.



“Poiché erano così vicini alle città, le cave venivano spesso riutilizzate per creare discariche”, ha detto Farr.

Il frammento della statuetta di Venere genitrice, raffigurazione di lei come dea-madre, del periodo gallo-romano.(Credito immagine: © Emmanuelle Collado/Inrap)
Il frammento della statuetta di Venere genitrice, raffigurazione di lei come dea-madre, del periodo gallo-romano.(Credito immagine: © Emmanuelle Collado/Inrap)

Nel periodo medievale (dal XIV al XV secolo), la cava di Rennes fu completamente interrata. Gli archeologi dell’Inrap hanno trovato resti di edifici in legno, forni e pozzi che suggeriscono che l’area fosse stata riutilizzata per la produzione artigianale. È stata trovata anche una tubatura idraulica sotterranea del XVII secolo, che correva sotto un collegio femminile storicamente noto e forniva acqua a Rennes.

Oltre alla scorta di manufatti risalenti a secoli fa, la cava di Rennes è importante per quello che può raccontare agli archeologi sui metodi di estrazione della pietra, sugli strumenti di cesellatura e sull’organizzazione e la gestione del luogo durante la crescita di una città romana.

Piccoli oggetti, tra cui monete, un fermaglio in metallo e vetri antichi, rinvenuti nel sito francese.(Credito immagine: © Emmanuelle Collado/Inrap)
Piccoli oggetti, tra cui monete, un fermaglio in metallo e vetri antichi, rinvenuti nel sito francese.(Credito immagine: © Emmanuelle Collado/Inrap)

“Sono state scavate relativamente poche cave di epoca romana per la pietra da costruzione ‘mondana'”, ha detto Farr, il che è un peccato dato il ruolo chiave svolto dall’industria delle costruzioni nell’economia locale. La cava di Rennes appena scoperta, ha osservato, “è eccitante per il suo riutilizzo come discarica, che è una vera miniera d’oro di informazioni sulla vita antica. C’è davvero molto che possiamo imparare qui”.

Fonte: Inrap

2