Rotoli del Mar Morto: uno dei manoscritti è stato compilato da due due scribi diversi

In un nuovo studio, i ricercatori dell'Istituto Qumran dell'Università di Gronigen hanno messo insieme una solida indagine sulla paleografia - lo studio della grafia antica - di uno dei rotoli del mar morto

0
1957

Da quando i Rotoli del Mar Morto sono stati scoperti oltre 70 anni fa in una grotta in Israele, sono stati fonte di interesse.

I rotoli sono famosi per contenere i più antichi manoscritti della Bibbia ebraica anche se sulla loro originalità persistono forti dubbi. 

Chi ha redatto questi importanti documenti è rimasto un mistero. Ora, grazie all’uso della tecnologia, ci stiamo avvicinando alla comprensione di alcuni retroscena di questi testi enigmatici.

In un nuovo studio, i ricercatori dell’Istituto Qumran dell’Università di Gronigen hanno messo insieme una solida indagine sulla paleografia – lo studio della grafia antica – di uno dei rotoli.

Attraverso una serie di processi meticolosi tra cui digitalizzazione, lettura automatica e analisi statistica, il team propone che due scribi con una grafia molto simile abbiano probabilmente scritto le due metà del manoscritto.



Il rotolo in questione, 1QIsaa, è un grande manoscritto e uno dei sette trovati vicino al Mar Morto a Qumran, Israele nel 1946. Il rotolo, vecchio di 2000 anni conserva i 66 capitoli del Libro di Isaia della Bibbia ebraica e precede altri manoscritti ebraici di Isaia di oltre 1.000 anni.

Rotoli del Mar Morto, almeno uno è stato compilato da due scribi diversi

Gli autori hanno addestrato un algoritmo per separare l’inchiostro dal suo sfondo, la pelle o il papiro del rotolo. Quindi, l’algoritmo ha studiato ogni grafo, alla ricerca dei piccoli cambiamenti che potrebbero segnalare uno scrittore diverso. Questo tipo di tecnologia algoritmica, mostrata nell’immagine sottostante, ha iniziato ad essere utilizzata negli studi biblici e nelle più ampie discipline umanistiche digitali, solo negli ultimi anni.

In una certa misura, il nuovo articolo ribalta l’argomento secondo cui il testo originale era opera di uno scriba. Alla fine della 27esima colonna di testo su 54, i ricercatori hanno trovato un’interruzione nel manoscritto: sia uno spazio di tre righe che un cambiamento nel materiale. Un secondo foglio viene cucito sul primo e in questa fase, suggeriscono gli autori, anche lo scriba è cambiato.

Questo risultato si aggiunge all’ipotesi generale e ad alcune ricerche precedenti che suggerivano che forse c’erano squadre di scribi che lavoravano insieme sui Rotoli del Mar Morto, con alcuni che lavoravano come apprendisti per i membri più anziani.

Due mappe di colore blu dei personaggi completi della collezione dei Rotoli del Mar Morto.
Ogni uso dello stesso carattere è stato analizzato per piccole differenze. Maruf A. Dhali, Università di Groningen

Tuttavia, uno scriba diverso non è l’unica spiegazione possibile. Gli autori notano che un cambio di penna, l’affilatura di un pennino, un cambiamento nelle condizioni di scrittura o nella salute dello scriba potrebbero contribuire alla differenza che hanno trovato. Tuttavia, la differenza sembra abbastanza chiara e un cambio di scriba è la conclusione più probabile.

2