“vampiri” in Polonia: il mistero delle sepolture

Il mistero delle tombe di "vampiri" in Polonia. Perché alcune persone nei secoli scorsi furono sepolte sepolte con falci intorno al collo o grosse pietre in bocca?

0
31393
"vampiri" in Polonia: il mistero delle sepolture
"vampiri" in Polonia: il mistero delle sepolture

Il mistero dietro diverse tombe di “vampiri” in Polonia è stato risolto. Secondo un nuovo studio, le persone che sono state sepolte con falci (coltelli da fattoria ricurvi e affilati) intorno al collo o pietre alle mascelle, per impedire ai loro corpi di resuscitare, erano native dell’area in cui sono state sepolte.

Il fatto che tutte le persone sepolte come “vampiri” fossero locali suggerisce che potrebbero essere state abbattute da un’epidemia di colera che si è diffusa nella regione, ha detto la co-autrice dello studio Lesley Gregoricka, bioarcheologa dell’Università del Sud Alabama. 

Il mistero in diverse tombe di "vampiri" in Polonia
Il mistero in diverse tombe di “vampiri” in Polonia

Storie di vampiri

Le storie dei morti che tornano in vita hanno radici davvero antiche, risalenti agli antichi egizi, greci, babilonesi e oltre, ha affermato la coautrice dello studio Tracy Betsinger, bioarcheologa presso la State University di New York a Oneonta.

Per tutte queste storie di morti che tornano in vita, “la parola usata collettivamente è ‘revenance'”, ha affermato Betsinger a WordsSideKick.com.

Storie di vampiri circolano nell’Europa orientale dall’XI secolo e presunti vampiri sono stati descritti sui giornali dal XVII secolo. Ad esempio, nel 1725, un funzionario austriaco raccontò la storia del contadino serbo Petar Blagojevic, che avrebbe ucciso nove abitanti di un villaggio nella sua zona prima che la gente lo saccheggiasse. 



Nella storia antica, una persona correva il rischio di diventare un vampiro dopo la morte se non fosse stata battezzata, se fosse morta di morte violenta, se fosse stata la prima uccisa in un’epidemia o se fosse stata un estraneo di un altro locale, ha detto Gregoricka.

L’idea che i vampiri bevessero sangue potrebbe essere sorta durante epidemie ed epidemie, dove i cadaveri spesso rimanevano esposti e si decomponevano per lunghi periodi di tempo.

Ad esempio, il corpo tende a gonfiarsi dopo la morte a causa dei gas prodotti dai batteri. Questa pressione corporea inferiore, a sua volta, costringe il sangue a salire dai polmoni, nell’esofago e poi attraverso la bocca, il che potrebbe aver portato gli abitanti del villaggio a credere che il cadavere di una persona che era malvagia e debole durante la vita fosse grasso per aver banchettato con sangue.

Funerale dei vampiri

Gregoricka e i suoi colleghi hanno analizzato i frammenti ossei del cimitero di Drawsko, un sito polacco dove sono state trovate tombe di vampiri. Il cimitero risale al 17° al 18° secolo, hanno detto i ricercatori. Alcune persone nel sito sono state sepolte con falci sotto il collo o rocce sotto le mascelle, per impedire loro di riavvolgersi. Le falci avevano lo scopo di decapitare gli umani mentre cercavano di alzarsi dalla tomba, mentre le rocce chiudevano le loro fauci in modo che non potessero nutrirsi dei vivi, ha detto Gregoricka.

I ricercatori hanno quindi esaminato 60 delle 333 sepolture del sito, sei delle quali erano “tombe di vampiri” destinate a impedire la rianimazione di un cadavere. Il team ha analizzato il rapporto degli isotopi di stronzio (versioni dell’atomo con un diverso numero di neutroni) negli scheletri. Poiché ogni luogo ha un rapporto unico di questi isotopi e i corpi delle persone ottengono naturalmente gli elementi dall’ambiente, l’analisi dei rapporti degli isotopi di stronzio può rivelare da dove proviene una persona.

Il mistero in diverse tombe di "vampiri" in Polonia
Modalità di sepoltura di sospetti vampiri

Contrariamente all’ipotesi iniziale che i “vampiri” fossero immigrati, il team ha effettivamente scoperto che tutti i vampiri erano locali.

Poiché nessuno dei “vampiri” ha mostrato segni di morte violenta o traumi gravi, il team ipotizza che i vampiri potrebbero essere stati i primi umani ad essere dirottati in una delle epidemie di colera che hanno colpito l’area in quel momento. Le persone potrebbero morire di colera in pochi giorni o addirittura ore, ha affermato Gregoricka.

“Se qualcosa ti uccide molto rapidamente, non lascerà segni sulle ossa”, ha detto Gregoricka.

I ricercatori vogliono condurre più analisi chimiche per vedere se possono saperne di più su questi abitanti del villaggio. 

2