Trovato in Iran un precursore dell’acciaio di circa 1000 anni fa

Nuove prove suggeriscono che gli antichi persiani si imbatterono in una prima versione di acciaio al cromo, molto simile a quello che usiamo noi oggi, circa 1.000 anni fa.

0
2856
Indice

L’Iran è sede di una delle più antiche grandi civiltà del mondo, con insediamenti storici e urbani risalenti fin dal 4000 a.C.. L’occidente e il sud-occidente del Plateau iraniano fu testimone della nascita delle prime civilità del Vicino Oriente antico, con la cultura prima degli Elam, dalla precoce Età del bronzo, e poi attraverso altri popoli, come i Cassiti, i Mannei e i Gutiani. Georg Wilhelm Friedrich Hegel nominò i persiani come il primo popolo storico.

L’acciaio al cromo, noto come acciaio, è considerato un’invenzione degli inizi degli anni ’30 ma nuove prove suggeriscono che gli antichi persiani si imbatterono in una prima versione di questa lega circa 1.000 anni fa. Gli archeologi hanno scoperto, grazie ad una ricerca a Chahak, un sito archeologico nel sud dell’Iran, innescata dal ritrovamento di alcuni manufatti medievali, che l’acciaio al cromo risalirebbe all’XI secolo d.C.

frammento di acciaio arrotondato intrappolato nelle scorie Rahil Alipour . UCL ArcheologyChahak era un importante centro per la produzione di acciaio ed è l’unico sito archeologico in Iran con prove della produzione di acciaio, in cui il ferro è combinato con lunghi crogioli bulari tulari, con altri minerali e materia organica; si utilizzava per sigillare e riscaldare i prodotti in una fornace. Dopo il raffreddamento, la lega veniva rotta e la pentola rimossa. Questa tecnica era importante in molte culture, compresi i vichinghi.

Questo acciaio era probabilmente usato anche per fabbricare spade, pugnali, armi e altre cose, ma questi metalli contenevano anche fosforo, che lo rendeva debole. Lo scavo a Chahak ha portato alla scoperta di carbone residuo nelle vecchie scorie di un crogiolo (materiale di scarto rimasto dalla separazione del metallo). La datazione al radiocarbonio di questo carbone risale al X e al XII secolo d.C.

La grafia principale del manoscritto utilizzata nello studio è stata scritta dal polymath persiano Abu-Rehan Biruni, risalente al X o XI secolo d.C.. Intitolato “Al-Jamhir F-Marifah Al-Jawahar“, il manoscritto offre istruzioni su come produrre acciaio per crogioli, ma include anche un composto misterioso. Il Ruskhtaj (che significa “bruciare”), che i ricercatori hanno descritto e successivamente identificato come una sabbia di cromite.



Rachel Alipore, autrice principale del nuovo studio e archeologa dell’University College di Londra, ha dichiarato che: “Questo speciale acciaio per crogioli realizzato con ventole contiene circa l’1-2% di cromo e il 2% di fosforo”.

È noto che l’acciaio per crogioli al cromo prodotto a Chahik contiene solo cromo nel suo genere, un elemento per noi importante nella produzione di acciai moderni come l’acciaio per utensili e l’acciaio inossidabile, l’acciaio per i crogioli al cromo a ventaglio sarebbe simile al moderno acciaio per utensili in termini di proprietà e la resistenza e la durezza del materiale al cromo aumenterebbero le proprietà richieste per la costruzione di utensili, i manufatti in acciaio del crogiolo persiano possono essere trovati nei musei di tutto il mondo e sappiamo già che l’acciaio solubile è stato utilizzato per fabbricare armi, armature, oggetti d’antiquariato e altri strumenti“.

Residuo del crogiolo contenente un pezzo di scoria incorporato

Chahak è anche menzionato nei manoscritti storici come luogo in cui venivano realizzate lame e spade, ma i raccconti affermano anche che le lame erano vendute a un prezzo molto alto, ma erano fragili, quindi persero valore. Il fosforo, che è stato rilevato durante l’analisi, è stato aggiunto per ridurre il punto di fusione del metallo, ma anche per ridurre una certa durezza, che in seguito avrebbe indebolito il metallo. Gran parte dell’acciaio si è incastrata nelle scorie del crogiolo. La ricerca indica una specifica tradizione persiana nella produzione di acciaio, che di per sé è molto importante. Per quanto a conoscenza dell’autore, lo speciale materiale di cromo trovato nell’acciaio del ventilatore può essere utilizzato per distinguerlo da altri oggetti artistici.

Le precedenti prove dell’acciaio studiate dagli studiosi si riferiscono ai centri di produzione dell’acciaio in India, Sri Lanka, Turkmenistan e Uzbekistan“, ha detto Alipore, “Nessuno di loro rileva il cromo. Pertanto, il cromo come componente essenziale della produzione di acciaio per crogioli a ventola non è stato ancora identificato in nessun’altra industria nota per crogioli“.

Questo è molto importante, perché ora possiamo cercare questo elemento in importanti reperti d’acciaio e identificare il loro centro o il metodo di produzione“, ha concluso l’autrice.

A tal fine, i ricercatori sperano di condividere le loro scoperte con esperti dei musei e aiutare a datare e identificare gli oggetti con questa firma unica in acciaio al cromo.

2