Antichi manufatti stanno riemergendo grazie allo scioglimento dei ghiacciai delle Alpi

Escursionisti e alpinisti si sono imbattuti in misteriosi manufatti antichi sulle Alpi svizzere. Dall’età del ferro, agli antichi romani, fino al Medioevo, le persone hanno attraversato i ghiacciai delle Alpi con bestiame, vivande, armi e molto altro.

manufatti

Scoprire l’origine dei misteriosi manufatti

I loro beni perduti o abbandonati stanno ora riaffiorando con lo scioglimento dei ghiacciai delle montagne, rivelando indizi su civiltà ed epoche passate. Gli archeologi hanno offerto uno sguardo approfondito ad alcune delle loro scoperte più misteriose e rivelatrici.

Lo scioglimento dei ghiacciai nelle Alpi svizzere sta rivelando i resti lasciati dall’uomo nel corso dei secoli. La Svizzera ha più ghiacciai di qualsiasi altro paese europeo e si stanno ritirando rapidamente con l’aumento delle temperature globali. Nel 2022 e nel 2023, il paese ha perso il 10% del suo volume totale di ghiacciai, secondo la Swiss Academy of Sciences.

Il ritrovamento dei manufatti

A volte le persone che trovano manufatti unici sul ghiaccio li portano con sé come ricordo: una statua in legno, ad esempio, è rimasta appesa alla parete del soggiorno di un alpinista per quasi 20 anni prima che il curatore del museo Pierre-Yves Nicod leggesse una vecchia e-mail a riguardo e lo contattasse.

Nel 1999 un alpinista ha trovato la statua immersa nell’acqua di disgelo e l’ha pulita con prodotti moderni, che avrebbero potuto danneggiare l’antica scultura in legno.

Dopo la sua donazione nel 2018, gli archeologi sono riusciti a datare la scultura in legno al I o II secolo a.C., ovvero all’età del ferro. Mentre il ghiaccio ha continuato a sciogliersi e le scoperte sono aumentate, gli archeologi della città di Sion hanno raccolto questi manufatti a scopo di ricerca.

Il Valais History è all’avanguardia nel nuovo campo dell’archeologia glaciale. Il museo ha persino inviato i suoi reperti in una mostra itinerante di archeologia glaciale. Gli archivi, dove vengono conservati e studiati altri manufatti, si trovano in un edificio discreto in un’altra parte della città. I reperti glaciali sono nascosti in un gigantesco freezer nel seminterrato e in stanze piene di bidoni.

Negli archivi del museo, i ricercatori stanno studiando attentamente nuovi manufatti. Le scoperte effettuate sui ghiacciai stanno rivelando nuove informazioni sulla storia umana e sulle antiche economie della regione, ma è una sfida. Sui ghiacciai, spesso non ci sono strutture, strade, città antiche o altri oggetti che possano offrire indizi sulle origini o lo scopo di un manufatto.

Una delle difficoltà dell’archeologia glaciale è proprio il fatto che troviamo questi oggetti nel ghiaccio e quindi fuori da ogni contesto archeologico“, ha affermato Nicod. Alcune scoperte sono dei veri e propri misteri, come una serie di bastoni che provengono dallo stesso passo, o “colle“, tra le cime delle montagne. Poiché è molto al di sopra della linea degli alberi, i bastoni non sarebbero lì se non fossero stati portati dagli umani.

Alcuni dei bastoni risalgono all’epoca dei Romani, che usavano i Celti come guide sui ghiacciai e attraverso le Alpi, secondo Romain Andenmatten, un archeologo locale. Pensa che i Celti usassero i bastoni per segnare il passaggio, ma gli archeologi stavano ancora lavorando alla datazione al radiocarbonio dei bastoni. E continuano a trovarne altri ogni volta che visitano il ghiacciaio.

Per quanto riguarda uno dei manufatti più interessanti, e cioè la scultura in legno dalle sembianze antropomorfe, forse quando le persone attraversavano il colle, utilizzavano questo oggetto per “protezione divina“. O forse segnava un confine. Forse qualcuno lo aveva semplicemente perso durante il lungo cammino in montagna.

Come la scultura in legno, molti manufatti dei ghiacciai sono costituiti da materiali organici (legno, materiali vegetali, pelle), che non sopravvivono bene alle altitudini più basse, dove non sono congelati. Questo significa che manufatti come questi non sono comuni negli scavi archeologici. Non hanno analoghi nelle città o nelle tombe antiche, luoghi che forniscono il contesto per capire lo scopo di un oggetto.

Altri ritrovamenti sono stati attribuiti ad un ricco viaggiatore del del XVII secolo. In base ai suoi abiti raffinati, alle monete del Nord Italia e alle armi dell’attuale Germania, gli archeologi hanno ipotizzato che fosse un mercante. Due muli i cui resti sono stati scoperti nelle vicinanze potrebbero aver trasportato le sue merci.

Gli archeologi hanno pensato che l’uomo sia morto in un incidente, ad esempio cadendo in un crepaccio del ghiacciaio. È un’istantanea straordinariamente dettagliata di un’economia antica che si estendeva attraverso le Alpi. Per secoli, le persone hanno sfidato insidiosi colli e ghiacciai per raggiungere insediamenti dall’altro lato delle montagne.

Alcuni manufatti potrebbero essere portatori di malattie estinte da tempo, come la peste nera. Gli archeologi devono fare attenzione e lavarsi le mani dopo aver maneggiato resti di animali o persone, perché potrebbero essere portatori di virus o altri microrganismi ancora vitali a causa del congelamento.

I ricercatori hanno già trovato virus attivi congelati nei ghiacciai tibetani e nel permafrost artico, vecchi di decine di migliaia di anni. Quei virus erano preistorici e adatti alle piante o alle amebe, ma ci sono anche patogeni più recenti, adattati all’uomo, come la peste o il vaiolo che potrebbero essere facilmente conservati nel ghiaccio.

Ci sono reliquie nei ghiacciai delle Alpi risalenti al Medioevo, tra cui il picco della peste nera. Gli archeologi del Vallese non hanno avuto infezioni da microrganismi antichi.

Per quanto riguarda un altro reperto in legno, Nicod è convinto che sia un manico per qualche tipo di attrezzo. Si adatta perfettamente alla sua mano. È dell’età del ferro e lo studioso ha ipotizzato che fosse il manico di una lama uncinata per tagliare le piante. Qualunque cosa sia, è impeccabilmente conservata.

Si tratta di manufatti in legno eccezionali che altrove sarebbero andati distrutti“, ha affermato. Molti manufatti diventano vulnerabili una volta che il ghiaccio attorno a loro si scioglie. Una volta sciolti sulla superficie di un ghiacciaio, la pelle e altri materiali organici possono essere distrutti dagli elementi e dall’acqua di disgelo nel giro di soli due anni, ha spiegato Andenmatten.

Alcuni dei bastoni di legno del Col Collon avevano funghi che crescevano su di essi. Nell’archeologia glaciale, questa è un’emergenza. Dovevano essiccare il legno il più velocemente possibile, quindi metterlo in una camera anossica (privata di ossigeno) per diverse settimane per uccidere il fungo.

È necessario avere una risposta rapida, il che è problematico per l’archeologia glaciale“, ha affermato Andenmatten. Per contribuire a salvare quanti più manufatti possibile, gli archeologi hanno creato un’app che consente agli escursionisti di segnalare i loro ritrovamenti.

Conclusioni

L‘app IceWatcher è un esempio di una pratica sempre più diffusa di citizen science, in cui i ricercatori reclutano appassionati per aiutarli a raccogliere informazioni sul campo.

Hikers ha segnalato circa 30 scoperte sull’app nei suoi primi due anni, secondo Andenmatten. Circa la metà di queste scoperte erano resti umani recenti o vecchie bombe, che sono diventate responsabilità della polizia, mentre il resto sono state scoperte interessanti per gli archeologi.

Alcuni manufatti che si sciolgono potrebbero non essere ritrovati finché non si sono decomposti: “Noi diciamo che l’archeologia glaciale è come trovare un ago in un iceberg“, ha affermato Andenmatten: “Penso che la citizen science sia una buona soluzione“, ha concluso.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

La fisica cambia andando avanti o indietro nel tempo?

Le interazioni deboli violano la T-simmetria, dimostrando che le leggi della fisica non sono identiche se il tempo scorre avanti o indietro

Sviluppati raggi traenti metasuperficiali

I ricercatori del TMOS, l'ARC Centre of Excellence for...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

RTNet: L’AI che sta imparando a pensare come gli esseri umani

I ricercatori del Georgia Tech hanno sviluppato una rete...

Titano: i suoi mari di idrocarburi indicano processi geologici e metereologici in atto

I ricercatori della Cornell University hanno utilizzato i dati...

Data center e l’IA: ufficiale impatto negativo in 2 ambiti

Negli ultimi anni, i data center e l'IA (Intelligenza...

Articoli correlati

Popular Categories