I terremoti stellari esistono, ma non tutti lo sanno: cosa sono?

I “terremoti stellari” non sono fenomeni comuni come quelli che avvengono sulla Terra. In astronomia, tale termine può essere usato per descrivere perturbazioni o oscillazioni nella struttura interna delle stelle. Questi movimenti possono essere causati da diversi fattori, come variazioni nella fusione nucleare al loro interno o da eventi esterni come collisioni con altri corpi celesti. Gli astri possono subire variazioni nella loro luminosità o nell’emissione di radiazioni a causa di tali processi

terremoti stellari

Questi eventi possono essere osservati e studiati dagli astronomi per comprendere meglio la struttura interna e l’evoluzione delle stelle. Un esempio notevole di un tipo di terremoto stellare sono le oscillazioni causate dalle pulsazioni delle stelle variabili, come le Cefeidi o le RR Lyrae. Queste pulsazioni possono fornire agli studiosi importanti informazioni sulla distanza delle stelle e sull’età degli ammassi stellari.

Terremoti stellari: il caso di Epsilon Indi

A una distanza di 11,9 anni luce, Epsilon Indi (ε Indi) è una stella nana arancione (nota anche come nana K) con il 71% del diametro del sole. Un team internazionale, guidato dal ricercatore dell’Instituto de Astrofísica e Ciências do Espaço (IA), Tiago Campante, ha studiato questo astro con lo spettrografo ESPRESSO, montato sul Very Large Telescope (VLT) dell’Osservatorio Europeo Australe (ESO), e ha rilevato alcuni fenomeni molto interessanti.

terremoti stellari

Il team ha utilizzato una tecnica chiamata asterosismologia, che misura le oscillazioni delle stelle. Questo metodo ha fornito scorci indiretti dell’interno stellare, proprio come i terremoti ci raccontano dell’interno della Terra. In ε Indi, l’ampiezza di picco delle oscillazioni rilevate è stata di soli 2,6 centimetri al secondo (circa il 14% dell’ampiezza di quelle che avvengono nel sole), il che l’ha resa la stella nana più piccola e più fredda osservata fino ad oggi con “terremoti stellari” simili a quelli della nostra stella. Queste misurazioni sono così precise che la velocità rilevata è inferiore alla velocità media di un bradipo.

Scopriamo la vera natura dei terremoti stellari

I terremoti stellari, noti anche come oscillazioni stellari, sono fenomeni che si verificano all’interno delle stelle e possono essere paragonati ai terremoti sulla Terra in termini di effetti e cause, sebbene si verifichino in contesti completamente diversi. Di seguito, proponiamo una panoramica esaustiva su come si formano i terremoti stellari e le analogie e differenze rispetto ai terremoti terrestri:

Formazione dei Terremoti Stellari:

1. Movimenti della struttura interna: i terremoti stellari sono causati da oscillazioni nella struttura interna delle stelle. Queste oscillazioni possono essere dovute a vari processi fisici, tra cui:

Pulsazioni radiali: le stelle possono espandersi e contrarsi in modo periodico, causando questi fenomeni, che sono spesso osservati nelle stelle variabili come le Cefeidi.

Oscillazioni convettive: le regioni convettive all’interno delle stelle possono generare onde di pressione che si propagano attraverso il corpo celeste, causando oscillazioni nella sua struttura.

Instabilità delle reazioni nucleari: le variazioni nella fusione nucleare al centro delle stelle possono causare cambiamenti nella pressione e nella temperatura, portando a oscillazioni nella struttura stellare.

2. Effetti delle oscillazioni: tali movimenti possono influenzare vari aspetti delle stelle, inclusa la loro luminosità, temperatura superficiale e rilascio di energia. Questi effetti possono essere osservati e studiati dagli astronomi per comprendere meglio la struttura interna e l’evoluzione degli astri.

terremoti stellari

 

Analogie e Differenze con i Terremoti Terrestri:

1. Analogie:

Effetti osservabili: come i corrispettivi terrestri, i terremoti stellari possono causare variazioni nella luminosità o nell’emissione di radiazioni delle stelle. Questi effetti possono essere rilevati dagli osservatori e utilizzati per studiare le proprietà delle stelle.

Origine dalle oscillazioni: entrambi i fenomeni sono causati da oscillazioni interne, sebbene le cause specifiche possano essere diverse.

Studi scientifici: sia i terremoti stellari che quelli terrestri sono oggetto di ricerca scientifica, con l’obiettivo di comprendere meglio i processi fisici coinvolti e le loro implicazioni.

terremoti stellari

2. Differenze:

Ambiente: i terremoti terrestri si verificano sulla superficie o all’interno della Terra, mentre quelli stellari avvengono all’interno delle stelle.

Scala: i terremoti sulla Terra possono variare notevolmente in magnitudine, mentre quelli stellari sono più uniformemente distribuiti in termini di scala e intensità.

Cause primarie: i terremoti stellari sono causati da processi interni alle stelle come le pulsazioni o le oscillazioni convettive, mentre quelli terrestri sono principalmente causati dalla tettonica delle placche e dai movimenti delle rocce sulla crosta terrestre,

Effetti a lungo termine: i terremoti terrestri possono avere effetti devastanti sulla superficie terrestre e sull’ambiente circostante, mentrequelli stellari non hanno effetti diretti sulle regioni spaziali circostanti, sebbene possano influenzare l’evoluzione e il destino delle stelle stesse.

Conclusioni

Dopo gli opportuni approfondimenti e precisazioni, concludiamo la nostra dissertazione con l’affermare che i terremoti stellari rappresentano un’importante area di studio in astronomia, offrendo preziose informazioni sulla struttura interna e sull’evoluzione delle stelle. Sebbene abbiano alcune analogie con quelli terrestri, sono fenomeni distinti con cause e effetti unici nel contesto astronomico.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: smartphone super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Google Pixel 9 Pro Fold: arriva l’AI sul nuovo modello

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

Offerte Amazon di oggi: tablet super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Guerra del Golfo: scoperta la causa della malattia nei veterani

Uno studio della Griffith University ha rivelato che la...

Articoli correlati

Popular Categories