10.4 C
Rome
giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaUna stella morente ci sta offrendo uno sguardo sul destino del nostro...

Una stella morente ci sta offrendo uno sguardo sul destino del nostro Sole

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Nella costellazione settentrionale dell’Orsa minore, una stella sta morendo. Nemmeno tanto lentamente.

È devastata da colpi di “tosse” che inviano onde d’urto espellendo il suo materiale superficiale nello spazio circostante. E questo ci sta permettendo di dare uno sguardo a ciò che accadrà al nostro Sole, tra pochi miliardi di anni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La stella in questione è la gigante rossa T Ursae Minoris  (abbreviata in UMi T), e gli astronomi hanno determinato che vi si è appena verificato un impulso termico che si avviene solo ogni 10.000 o 100.000 anni.

Questa è una delle rare opportunità in cui i segni dell’invecchiamento possono essere osservati direttamente in una stella su scale temporali umane“, ha affermato l’astronomo Meridith Joyce.

UMi si trova effettivamente in una fase particolare della vita di una stella nota come ramo gigante asintotico (AGB), uno stadio evolutivo visto in stelle che inizialmente erano grandi fino a otto volte la massa del Sole.

A questo punto, la stella è già una gigante rossa. Il suo nucleo ha esaurito l’idrogeno e gli rimangono solo carbonio e ossigeno. in qualche momento precedente della fase AGB, si è fuso il guscio intorno al nucleo, trasformando l’elio in carbonio.

Quando l’elio si esaurisce, il guscio di idrogeno intorno inizia a fondersi in elio, riempiendo il guscio di elio fino a quando non si riaccende in modo esplosivo e ricomincia a fondersi in carbonio. Questo evento è l’impulso termico, noto anche come flash dei gusci di elio, che può durare fino a qualche centinaio di anni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

conchiglia a stella(Australia Telescope National Facility / CSIRO)

Gli astronomi tengono d’occhio T Umi da oltre 100 anni, controllando attentamente la lunghezza delle sue fluttuazioni di luminosità. E, fino al 1979, queste fluttuazioni erano piuttosto costanti, tra i 310 e i 315 giorni.

Ma il 1979 segnò una svolta: la lunghezza delle fluttuazioni scese drammaticamente a 274 giorni e da allora è in costante calo.

Nel 1995, gli astronomi hanno ipotizzato che questo improvviso cambiamento fosse il risultato di un lampo del guscio di elio.

Ora Joyce e i suoi colleghi, con un paio di decenni di osservazioni al loro attivo, hanno deciso che è così. Negli ultimi 30 anni hanno osservato che la stella si riduceva per dimensioni, luminosità e temperatura.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questo, a sua volta, ha permesso loro di capire di più sulla stella stessa. Hanno, determinato l’età della stella in circa 1,2 miliardi di anni, e calcolato che, inizialmente, era circa il doppio della massa del Sole.

Negli ultimi milioni di anni, ha subito l’esaurimento del suo combustibile, e il suo nucleo è destinato a contrarsi trasformandola in una nana bianca entro il prossimo mezzo milione di anni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questo è il destino che ci aspettiamo per il nostro Sole, fra circa 5 miliardi di anni.

Inizierà a dilatarsi, diminuendo drammaticamente in densità, inghiottendo i pianeti interni e producendo una nebulosa planetaria. Non è abbastanza grande per produrre una supernova e finirà tranquillamente, contraendosi in una nana bianca che perderà lentamente la sua energia termica fino a quando non rimarrà altro che una roccia fredda, scura e morta che galleggia nello spazio.

Noi non potremo assistere alla morte del Sole, non dalla Terra almeno, ma ora possiamo continuare a guardare T UMi, i cui cambiamenti sono così rapidi che possiamo osservarli in tempo reale.

Ci aspettiamo di assistere ad un nuovo ciclo di espansione entro le nostre vite“, ha detto Joyce.

Sia gli astronomi dilettanti che quelli professionisti continueranno a osservare l’evoluzione della stella nei prossimi decenni, che ci fornirà un test diretto delle nostre previsioni entro i prossimi 30-50 anni“.

Un cosa davvero interessante.

Lo studio è stata pubblicato su The Astrophysical Journal.

Articoli più letti