15.7 C
Rome
sabato, Dicembre 10, 2022
HomeEconomia e FinanzaBitcoin e i ricchi

Bitcoin e i ricchi

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Dieci anni fa, Sandra Ro lavorava nella finanza a Londra quando alcuni amici che commerciavano in valuta le parlarono di bitcoin. La criptovaluta era stata rilasciata solo un paio di anni prima ed era ancora lontana dall’essere un fenomeno globale.

Bitcoin era veramente conosciuto solo nei circoli tecnologici geek e alla fine i commercianti di valuta a Londra lo hanno scoperto intorno al 2010“, afferma Ro.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ha investito nella criptovaluta, ha accumulato una notevole fortuna ed è ora amministratore delegato del Global Blockchain Business Council, un’organizzazione no-profit svizzera che promuove la tecnologia alla base delle criptovalute.

Con un background nei mercati delle banche globali come Deutsche Bank e Morgan Stanley, Ro è stata veloce nel cogliere il potenziale rivoluzionario della blockchain. “Ciò che ha davvero suscitato il mio interesse è stato se la tecnologia potesse disintermediare i mercati finanziari. Ho pensato, che diamine?” ricorda.

Bitcoin era scambiato a un paio di centinaia di dollari in quel momento e ne ho comprato un mucchio pensando, e se funzionasse? E indovina cosa? Lo ha fatto!” Oggi, bitcoin e i suoi pari digitali stanno diventando mainstream. L’hype ha raggiunto nuove vette quest’anno dopo che la criptovaluta ha guadagnato il 600% di valore in 12 mesi.

La mania ha travolto non solo gli investitori al dettaglio, ma anche persone molto facoltose. Gli individui con un patrimonio netto ultra elevato (UHNW – persone con un patrimonio di $ 30 milioni o più) come Paul Tudor o Stanley Druckenmiller sono stati tra i primi sostenitori della criptovaluta e oggi sono importanti nel mercato.

Anche Bitcoin e altre criptovalute stanno guadagnando terreno come riserva di valore per le istituzioni finanziarie. Le banche fanno la fila per competere: Goldman Sachs scambia criptovalute mentre Citigroup sta considerando di fornire servizi di trading, custodia e finanziamento.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli investitori miliardari discutono apertamente dei loro investimenti relativi alle criptovalute, mentre alcune grandi società quotate in borsa, come la società di software MicroStrategy, detengono bitcoin per miliardi di dollari nei loro bilanci.

Né il forte sell-off che ha colpito le criptovalute il mese scorso né le turbolenze circostanti dovrebbero oscurare il fatto che questi sono ora mercati enormi, con un valore combinato di $ 1,6 trilioni. È abbastanza grande come pool di investimenti anche per i più ricchi investitori privati ​​e i più grandi family office.

Ma la criptovaluta divide ancora l’opinione. Per alcuni è un’ossessione, per altri una bolla speculativa. Eppure gli analisti del settore finanziario affermano che poche persone capiscono davvero come funziona. Per rendere la vita più complicata, ha generato decine di altre criptovalute, tutte basate su complessi calcoli computerizzati ma con diversi livelli di liquidità e trasparenza.

Abbiamo visto individui e family office UHNW esaminare le criptovalute e interessarsi ad allocare parte dei loro investimenti in criptovalute“, afferma Calvin Koo, un avvocato con sede a Hong Kong presso Kobre & Kim.

Ma è importante assicurarsi che gli investitori non entrino inavvertitamente in un campo minato“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

A dieci anni dal primo investimento, Sandra Ro ha fatto una notevole fortuna con il bitcoin. Chiaramente, ciò che rende allettante il campo delle criptovalute sono le storie di coloro che vi hanno trovato l’oro.

Ro è riluttante a dire quanto vale a causa del suo bitcoin punt, poiché è stata presa di mira da truffatori e ha ricevuto minacce di morte dopo aver parlato dell’argomento. Ma è stata in grado di lasciare il settore bancario a tempo pieno nel 2017, l’anno del primo significativo rialzo del bitcoin, quando i prezzi sono passati da poco più di $ 800 a quasi $ 20.000. L’aumento di Bitcoin a $ 63.000 all’inizio di quest’anno ha aumentato la fortuna di Ro.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Diciamo che ho fatto molto bene. Sono passata dall’essere un banchiere a lavorare in un’organizzazione no-profit“, afferma Ro, che ha studiato alle università di Yale e Columbia. “Arrivare presto perché la tecnologia sembrava davvero interessante ha funzionato anche come investimento, quindi è anche abbastanza interessante“.

Essendo un investitore in anticipo significa che ha dovuto provare una dozzina di exchange, ha subito hack ed è stata esclusa dagli investimenti. Anche i suoi amici hanno fatto bene dalla sua incursione, poiché ricorda di aver dato loro bitcoin “solo per testare come funziona“.

Non ero sorpresa dal fatto che bitcoin andasse bene, ma c’erano sempre molti rischi. Ci sono stati hack, rischi normativi e scambi falliti“, dice. “Le criptovalute erano disordinate. Ora ci sono aziende multimilionarie in costruzione”.

Un altro dei primi credenti è Olivier Janssens, un imprenditore di origine belga che su LinkedIn si presenta come investitore in bitcoin dal 2010. È anche orgogliosamente “autodidatta” con un’attrazione per le idee “libertarie e volontarie” e ha forgiato una carriera come un imprenditore di software.

Nel 2014, quando il bitcoin era scambiato a circa 600 euro, è diventato la prima persona a pagare un volo in jet privato con la criptovaluta. Ha saldato il conto per il viaggio da Bruxelles a Nizza con, stima, 15 bitcoin – col senno di poi, un viaggio piuttosto costoso. “Questo] varrebbe circa € 400.000 oggi“, dice.

Sandra Ro e Janssens hanno anche avuto perdite reali nel mondo volatile delle criptovalute, in particolare nella saga dello scambio crollato Mt. Gox , uno dei più grandi fallimenti finanziari legati alle criptovalute. Più di recente, l’enorme aumento del prezzo ha lasciato i primi investitori come Janssens a dover affrontare il problema di avere troppi bitcoin in proporzione al loro portafoglio complessivo.

Alcuni investitori di bitcoin che giurano di non vendere mai le loro criptovalute sono conosciuti come “hodlers” (tenere duro per la vita). “A volte riequilibro il mio portafoglio quando diventa il 50% del mio patrimonio. A volte sono abbastanza intelligente da vendere, non sono un accanito hodler“, afferma Janssens.

Sette anni dopo lo storico viaggio del belga, pagare per charter privati ​​con bitcoin non è abbastanza mainstream ma non è più degno di nota. Più di un volo su 10 è stato regolato con bitcoin a gennaio presso la società di noleggio jet PrivateFly, dove la quota dei ricavi delle criptovalute è cresciuta fino a un quinto del totale.

Denison, una società statunitense di noleggio di yacht di lusso, ha pubblicato un elenco della sua flotta con prezzi in bitcoin.

le aziende di criptovalute attirano i migliori banchieri nel boom dei prezzi. Tuttavia, Janssens è leggermente deluso dall’evoluzione di bitcoin da un mezzo di pagamento peer-to-peer a una presunta riserva di valore, che secondo lui è “completamente contro l’obiettivo originale” della criptovaluta.

È interessante vedere le grandi aziende acquistare bitcoin come oro digitale, ma personalmente ho spostato la mia attenzione su valute come Ethereum“, afferma. Esistono centinaia se non migliaia di monete alternative con caratteristiche diverse. Come i bitcoin, tutte sono creati da computer che risolvono complesse equazioni matematiche, sfornando codice digitale.

Alcune, note come “shitcoin”, sono state create puramente come schemi per arricchirsi rapidamente. Janssens è tra i ricchi investitori che pensano che ethereum, lanciato nel 2015 e ora la seconda criptovaluta più scambiata, potrebbe essere più grande del suo precedente pari. I sostenitori dicono che potrebbe ricablare l’infrastruttura finanziaria.

I finanzieri miliardari Mike Novogratz, Peter Thiel e Alan Howard sono tra gli investitori che hanno recentemente annunciato il loro sostegno a un’impresa che si basa su ethereum.

Bitcoin potrebbe scendere del 20% in un giorno, ma quest’anno è ancora in aumento dell’85%; si tratta di quanto lontano vedi il quadro generale” dice Derrick Brown.

Ma, mentre bitcoin è solo un pezzo di codice digitale, ethereum funge anche da archivio di dati e mercato per le risorse. Può svolgere i compiti di broker, borse e altri intermediari, con l’aiuto dei cosiddetti contratti intelligenti incorporati. Questi assicurano che i dettagli della transazione siano corretti, i fondi vengono pagati e le risorse passano di mano come stabilito in un pezzo di codice preprogrammato.

Ethereum è anche alla base della maggior parte dei token non fungibili, che sono rappresentazioni digitali di cose, persone o concetti che gli investitori possono acquistare sotto forma di unità di dati archiviate su un registro informatico sicuro, ad esempio opere d’arte.

Christie’s, la casa d’aste britannica, si prepara alla vendita di token digitali creati attorno alle opere dell’artista americano Andy Warhol. “L’arte digitale sta guadagnando slancio“, afferma Emma Cunningham, portavoce di Christie’s.

Bisogna però dire che molti ricchi spesso preferiscono evitare i rischi. “I nostri clienti hanno già creato una notevole ricchezza, quindi sono in modalità di conservazione e solo una piccolissima percentuale di clienti ha l’elevata tolleranza al rischio richiesta per le criptovalute“, afferma Mohammed Kamal Syed, capo della gestione patrimoniale di Coutts, la banca britannica.

Ciò non significa che gli individui UHNW ignoreranno il richiamo della sirena dei profitti estremi, afferma Syed. “Tutti i clienti hanno sempre la Fomo [paura di perdere l’occasione]. Ma con le criptovalute, semmai, sono sconcertati; non capiscono perché è salito o diminuito, perché nessuno lo sa“, dice.

Le valutazioni alle stelle di quest’anno hanno sollevato timori di una bolla, un risultato su cui stanno scommettendo alcuni hedge fund sostenuti da ricchi investitori. “Credo che abbiamo superato il punto di picco della speculazione: criptovalute e bitcoin hanno questa immagine affascinante, ma alla fine verrà messa in discussione“, afferma Barry Norris, amministratore delegato e gestore di fondi Argonaut Capital, uno specialista azionario con sede a Londra.

Ha iniziato a cortocircuitare il sistema l’exchange di criptovalute Coinbase e la società di software MicroStrategy, azienda detentrice di bitcoin.

Le criptovalute affrontano anche sfide più ampie. Una preoccupazione crescente è il loro impatto ambientale: uno studio dell’università di Cambridge suggerisce che i computer utilizzati per generare bitcoin consumano più elettricità della Svezia.

Nel frattempo, i governi di Stati Uniti, Cina e UE sollevano interrogativi sulla potenziale instabilità e mancanza di trasparenza del settore. Gli investigatori criminali affermano che le criptovalute possono essere utilizzate per finanziare il terrorismo o altre attività illegali, mentre gli ispettori fiscali si stanno concentrando sulle enormi plusvalenze degli investitori.

Koo di Kobre & Kim afferma che, nonostante la reputazione di anonimato, le transazioni di criptovaluta sono molto più tracciabili di quanto la maggior parte degli investitori pensi. “Molte persone UHNW apprezzano la privacy per motivi diversi, quindi spesso devono fare una scelta tra privacy e sicurezza“, afferma.

Ma nonostante queste preoccupazioni, i potenziali ritorni fanno venire gli investitori, compresi i family office. “Non puoi trovare alfa come questo in nessun’altra classe di attività“, afferma Kevin Kang, fondatore del fondo speculativo di criptovaluta BKCoin con sede a New York, i cui clienti includono individui ricchi.

Kang e il suo co-fondatore, Carlos Betancourt, gestiscono 50 milioni di dollari di asset nel fondo che hanno fondato nel 2018.

Tra i più noti appassionati di criptovaluta c’è Derrick Brown, un ex giocatore di basket NBA. Ora amministratore delegato della società di venture capital statunitense Free Fenix, afferma di essere “prima di tutto un investitore, che in passato ha anche praticato sport“.

Aggiunge che se iniziasse ora la sua carriera sportiva, chiederebbe che parte della sua paga fosse in criptovalute. Brown ha investito per la prima volta in criptovalute in parte attraverso un’allocazione nell’hedge fund specializzato BlockTower.

Guardo tutto da un punto di vista della diversificazione“, afferma, osservando che meno del 5% del suo portafoglio è assegnato alla criptovaluta. “Bitcoin potrebbe scendere del 20% in un giorno, ma da inizio anno è ancora in aumento dell’85%; si tratta di quanto lontano si vede il quadro generale“, aggiunge.

Ro è d’accordo. “Questo è un mercato in una fase sperimentale e questo è ciò che accade“, afferma. “Sono un tipico hodler. Credo nelle criptovalute a lungo termine, ma non ci metterò tutti i risparmi di una vita. Ho azioni, immobili, gioielli, arte. . . si tratta di diversificazione”.

Articoli più letti