La Terra potrebbe avere potuto sostenere la vita molto prima di quanto pensato finora

Subito dopo il bombardamento tardivo provocato dalla migrazione dei giganti gassosi la Terra potrebbe avere avuto delle aree adatte ad ospitare la vita

4332
Indice

La Terra, quando era giovanissima, ha attraversato epoche estremamente caotiche. Mentre il nostro pianeta cercava di trovare il suo posto in un sistema solare relativamente giovane, circa 4,5 miliardi di anni fa, era costantemente attaccato da ondate di comete, sibilanti asteroidi e persino alcuni proto-pianeti falliti.

Il periodo del bombardamento tardivo è stato l’apice assoluto di tutta questa instabilità e, sebbene vi sia intorno un certo dibattito sulle cause, gli astronomi pensano che potrebbe essere stato innescato da una migrazione orbitale dei giganti gassosi dei giganti del sistema solare.


Si pensa che Giove e Saturno abbiano iniziato ad avvicinarsi al Sole durante questo periodo, mentre Urano e Nettuno se ne allontanarono ulteriormente, lasciando dietro di sé un’ondata di detriti vaganti che finirono per colpire altri pianeti e lune.

Grazie ad una nuova analisi su antichi asteroidi e rocce lunari, effettuato utilizzando modelli dinamici, un team internazionale di astronomi ha stimato che questa grande migrazione è avvenuta all’incirca 4,48 miliardi di anni fa, molto prima di quanto si pensasse.

Se questa linea temporale fosse corretta, significherebbe che poco dopo la formazione, il nostro pianeta avrebbe potuto essere abbastanza calmo da sostenere l’emersione delle prime forme di vita.

Sappiamo che la migrazione dei pianeti giganti deve essere accaduta per spiegare l’attuale struttura orbitale del sistema solare esterno“, afferma l’autore principale dello studio, il geologo Stephen Mojzsis dell’Università del Colorado Boulder. “Ma fino a questo studio, nessuno sapeva quando fosse realmente accaduta“.

I precedenti tentativi di datazione della migrazione dei pianeti giganti erano basati sullo studio delle rocce lunari raccolte durante le missioni Apollo e avevano datato questo evento a soli 3,9 miliardi di anni fa, un’epoca molto più giovane dell’età reale della Luna.

Questi campioni lunari, tuttavia, potrebbero non essere fonti molto affidabili. I ricercatori suggeriscono che molte di queste rocce furono contaminate dai detriti di un impatto avvenuto sulla Luna in epoca successiva, che potrebbero averci fornito una data falsata per il pesante bombardamento scatenato dalla migrazione dei giganti.

Per ottenere una sequenza temporale corretta, gli astronomi hanno dovuto trovare una fonte più pura; poiché gli asteroidi precedono la formazione dei pianeti, sono stati il naturale passo successivo.

Fino a circa 4 miliardi di anni fa le superfici dei pianeti interni sono state ampiamente rielaborate sia dagli impatti che dalla loro propria geologia“, spiega l’astronomo Ramon Brasser dell’Earth-Life Science Institute di Tokyo. “Lo stesso non è vero per gli asteroidi. la loro formazione risale a molto più lontano“.

Compilando un enorme database di meteoriti che si sono schiantati sulla Terra, il team ha scoperto che questi risalivano a 4,48 miliardi di anni fa, facendo supporre che il pesante bombardamento che avrebbe sciolto la crosta terrestre tutta in una volta, doveva essersi verificato poco prima di quella data.

Nessuna nicchia stabile per la chimica prebiotica che ha portato alla vita sarebbe stata possibile nei primi ~ 100 milioni di anni“, scrivono gli autori .

I ricercatori osservano che se l’ultima volta che la crosta terrestre si è sciolta su scala globale ciò è avvenuto a causa di un impatto colossale risalente a circa 4,45 miliardi di anni fa, “un evento del genere sterilizzò certamente il pianeta erodendo l’idrosfera, fondendo la crosta e creando in superficie oceani di magma“.

Solo dopo la Terra divenne abbastanza stabile da sostenere gli organismi viventi. Quando finalmente il pesante bombardamento si fu placato, secondo i modelli elaborati dal team la crosta superiore del nostro pianeta potrebbe non essere stata completamente sterile.

Ciò significa che dopo circa 4,4 miliardi di anni dalla sua formazione, è del tutto possibile che alcuni microbi peptidici siano stati in grado di rifugiarsi in aperture idrotermali profonde. Il team ipotizza che alla fine di questo periodo instabile, questi microbi resistenti potrebbero aver ripopolato il pianeta partendo da aree protette nella crosta.

Quest’ultimo suggerimento è solo un’ipotesi in questa fase. Tuttavia, la nuova consapevolezza che la vita avrebbe potuto iniziare sulla Terra solo cento milioni di anni dopo la sua formazione è davvero sorprendente. Oggi, il più antico fossile conosciuto risale a soli 3,5 miliardi di anni di anni fa.

I risultati sono stati pubblicati su The Astrophysical Journal.