Stanze sotterranee rinvenute sotto la Chiesa di San Polyeuctus

Gli archeologi che hanno scavato sotto le rovine di una chiesa paleocristiana hanno portato alla luce stanze sotterranee e un tunnel di 1.500 anni fa nella parte più antica di Istanbul, un tempo Costantinopoli, la capitale dell'impero bizantino

0
2042
Stanze sotterranee rinvenute sotto la Chiesa di San Polyeuctus
Stanze sotterranee rinvenute sotto la Chiesa di San Polyeuctus

Gli archeologi che hanno scavato sotto le rovine di una chiesa paleocristiana hanno portato alla luce stanze sotterranee e un tunnel di 1.500 anni fa nella parte più antica di Istanbul, un tempo Costantinopoli, la capitale dell’impero bizantino.

Lo scopo delle strutture nascoste non è del tutto chiaro, ma probabilmente fanno parte della vasta Chiesa di San Polyeuctus, che fu costruita quando la città era il centro del cristianesimo, la religione ufficiale dell’impero.

Le stanze sotterranee sono costituite da due grandi ambienti unite da un cunicolo e sembrano essere collegate alla prothesis della chiesa, la camera accanto all’altare dove si preparavano il pane e il vino per il rito cristiano bizantino della Divina Liturgia, nome ancora in uso nella cultura orientale della chiesa ortodossa. Parti delle stanze sotterranee sono ancora decorate con mosaici, intarsi in pietra e blocchi di marmo scolpito, secondo gli archeologi.

I locali sotterranei furono scoperti per la prima volta durante gli scavi negli anni ’60. Ma furono nuovamente coperti dopo la costruzione della strada e i loro ingressi furono riempiti per preservare le stanze, secondo Mahir Polat, vice segretario generale della municipalità metropolitana di Istanbul (IBB.)

L’area, nel quartiere di Saraçhane al centro di Istanbul, da allora divenne un relitto. Ma lo scorso anno l’IBB ha avviato una riqualificazione dell’area nell’ambito di un progetto per trasformare le vaste rovine in un’attrazione turistica. A marzo, i lavoratori hanno scavato nuovamente le stanze sotterranee e il tunnel e le autorità consentiranno presto al pubblico di osservare i progressi, ha detto Polat.

Chiesa imperiale

La Chiesa di San Polyeuctus fu costruita tra il 524 e il 527 d.C., durante il regno dell’imperatore Giustiniano, secondo ” The Oxford Dictionary of Byzantium ” (Oxford University Press, 1991). Fu una delle chiese più splendide di Costantinopoli, nonché la più grande fino a quando la cattedrale di Hagia Sophia (ora una moschea) non fu completata nel 537 d.C.



Tutto ciò che resta ora sono le sue rovine, ma nel suo periodo di massimo splendore la Chiesa di San Polyeuctus era riccamente decorata e potrebbe aver vantato una cupola antica, un progetto perfezionato nella Basilica di Santa Sofia.

Polat ha affermato che la chiesa fu abbandonata dopo essere stata gravemente danneggiata da un terremoto nell’XI secolo e infine distrutta durante il sacco della città nel 1204 dai crociati, principalmente dall’Europa occidentale.

Secondo lo storico britannico Jonathan Phillips, autore di “The Fourth Crusade and the Sack of Constantinople” (Penguin Books, 2005), i crociati furono attirati a Costantinopoli a sostegno di una fazione imperiale bizantina mentre erano in viaggio per liberare Gerusalemme. Ma rimasero a mani vuote quando il loro imperatore fu deposto da una rivolta, e si dedicarono al saccheggio della città imperiale.

Diverse caratteristiche architettoniche della chiesa furono prese e collocate su edifici lontani come Barcellona e Vienna, e due dei suoi pilastri riccamente scolpiti – noti come Pilastri Acritani, o “Pilastri d’Acri” – fanno ora parte della Basilica di San Marco a Venezia.

Le rovine della chiesa furono ricostruite durante il periodo ottomano di Istanbul. Polat sostiene che il fatto che le strutture sotterranee siano sopravvissute così a lungo senza essere gravemente danneggiate dai numerosi terremoti della regione è degno di nota; e questa longevità suggerisce che molti edifici bizantini furono progettati per resistere a loro.

Ken Dark, un archeologo del King’s College di Londra che non è stato coinvolto nel nuovo progetto ma ha condotto gli scavi a Istanbul, ha affermato che le rovine di San Polieutto sono tra le meglio documentate della città.

“Si spera che la riesposizione delle rovine di questa chiesa storicamente importante e un tempo magnifica ne porti la consapevolezza a un pubblico molto più ampio”, ha dichiarato Dark.

2