SpaceX si prepara per il lancio di Starship Flight Test 2

Dopo il recente test andato male per Starship, SpaceX guarda avanti e condivide, tramite la FCC, i dettagli sul prossimo tentativo

0
789
SpaceX è pronta per il lancio di Starship Flight Test 2

Dopo un movimentato tentativo di test del razzo Starship alla fine del mese scorso e il caos che ne è seguito, SpaceX è ansiosa di fare presto il suo prossimo tentativo.

Starship è il razzo più grande del mondo in termini di spinta e capacità di carico utile, e SpaceX lo sta sviluppando presso le sue strutture a Boca Chica, in Texas, ormai da un po’ di tempo. L’azienda ha iniziato a testare il primo stadio del razzo nel 2020, ma ha interrotto le campagne di test concentrandosi sullo sviluppo del booster Super Heavy del primo stadio.

Questi sforzi sono culminati nel primo volo orbitale del razzo il mese scorso, che è stato un successo parziale ma ha mostrato un errore di calcolo significativo per SpaceX nello stimare l’impatto che il razzo, dotato di una massa di 5000 tonnellate, avrebbe avuto sulla rampa di lancio che ha subito forti danni dall’azione dei propulsori.

Ora, fedele alla sua abitudine di muoversi velocemente, SpaceX ha presentato una nuova domanda alla Federal Communications Commission (FCC), che condivide i dettagli per il prossimo tentativo di test dell’azienda. La domanda prevede un possibile lancio nei sei mesi successivi al 15 giugno.

SpaceX: tentativo riuscito solo parzialmente

Il precedente tentativo di test di SpaceX ha visto il razzo Starship alto 120 metri decollare con successo dalla rampa di lancio a Boca Chica, in Texas. Il razzo utilizza 33 motori, la maggior parte dei quali si è accesa con successo durante il decollo. La prima fase del volo di prova, vale a dire la parte in cui sale e si avvicina alla separazione di fase, ha avuto successo.



Tuttavia, le cose sono andate male da quel momento in poi, poiché il primo e il secondo stadio del razzo non sono riusciti a separarsi. Invece, il veicolo è finito per fare capriole in aria diverse volte prima che gli esplosivi controllati a bordo venissero attivati, distruggendolo.

Le teorie sul fallimento del test

Per quanto riguarda ciò che ha causato il fallimento, dopo il test sono emerse più teorie. La maggior parte degli esperti ritiene che il danno alla rampa di lancio dopo il decollo abbia avuto un impatto su molti dei componenti cruciali del razzo (come le sue unità di controllo sul lato della coda).

Tuttavia, SpaceX non ha ufficialmente condiviso alcun dettaglio su ciò che è andato storto tra le speculazioni secondo cui anche il sistema di terminazione del volo di Starship responsabile della distruzione del razzo non ha funzionato come previsto e ha impiegato troppo tempo per attivarsi e distruggere il razzo.

Dopo la brutta esperienza, il capo di SpaceX, il signor Elon Musk, si è affrettato a rendere noto che la sua azienda potrebbe tentare un altro volo di prova in “pochi mesi”, anche se la maggior parte degli osservatori si è chiesta se il lancio sarebbe stato possibile dati i danni pervenuti dal precedente test. L’amministratore della NASA Bill Nelson ha ribadito questa situazione durante la sua udienza al Congresso una settimana dopo il lancio per il budget dell’agenzia spaziale.

La nuova missione sulla Luna

La NASA ha incaricato SpaceX di far atterrare gli esseri umani sulla superficie lunare e il signor Nelson ha sottolineato nella sua audizione che non solo il test è stato un successo, ma che SpaceX lo aveva informato che il prossimo prototipo di astronave sarebbe stato pronto per il lancio entro due mesi.

L’azienda aveva precedentemente informato l’amministratore che, secondo le previsioni, l’astronave sarebbe atterrata sulla Luna quest’anno, con Nelson che ha dichiarato in una conferenza stampa l’anno scorso che il “piano di SpaceX è di fare un atterraggio senza equipaggio i alla fine del ’23”. Il deposito del documento alla FCC da parte di SpaceX fornisce una sequenza temporale per il secondo volo di prova di Starship.

Questo è quanto si evince dalla stessa SpaceX: “Questa STA estende le informazioni nella precedente concessione 0145-EX-ST-2023 ed è necessaria per autorizzare le comunicazioni del veicolo del volo di prova Starship 2 dalla rampa di lancio a Boca Chica TX e l’operazione di recupero sperimentale dopo il lancio della dimostrazione del veicolo di prova Starship. I dati sulla traiettoria saranno forniti direttamente a NTIA, USAF e NASA. L’autorità di rilascio delle licenze di lancio è l’Ufficio dei trasporti spaziali commerciali della FAA”.

2