4.5 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeMedicinaScoperto il motivo di un'immunità "sovrumana" al COVID-19

Scoperto il motivo di un’immunità “sovrumana” al COVID-19

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La pandemia di COVID-19 ci ha insegnato molte cose. Da quanto sia facile lavorare in remoto alla velocità con cui i vaccini possono essere rapidamente tracciati, e da quanto tempo occorre per trovare una cura al motivo per cui alcune persone sembrano semplicemente immuni al COVID.

Recenti studi hanno mostrato risposte sovrumane di alcuni individui al Covid-19

Recenti studi hanno dimostrato che alcuni individui mostrano risposte sovrumane alla malattia. Questi individui non solo hanno alti livelli di anticorpi contro il virus, ma mostrano anche uno spettro di anticorpi in grado di neutralizzare anche diverse varianti. Uno studio non sottoposto a revisione paritaria afferma di aver trovato la ragione di questa capacità “sovrumana”. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Molti paesi in Occidente sono riusciti a vaccinare rapidamente la popolazione contro il COVID-19. Tuttavia, nuove varianti del virus, come il Delta, sono riuscite a sfondare, anche negli individui vaccinati, sollevando preoccupazioni sull’efficacia del vaccino contro il virus in evoluzione e sulla necessità di introdurre dosi di richiamo. Lo studio di individui in grado di contrastare un’ampia gamma di varianti virali può aiutare a sviluppare ulteriori strategie per contenere la malattia. 

Lo studio condotto alla Rockefeller University negli Stati Uniti ha scoperto che gli individui che mostravano questi tratti avevano una cosa in comune. Sono stati prima infettati dal virus e poi inoculati quando i vaccini sono diventati disponibili. Gli anticorpi prodotti da questi individui offrivano una sorta di “immunità ibrida” che non era efficace solo contro sei varianti di SARS-CoV-2 ma anche contro il suo predecessore, il SARS-CoV-1, e altri virus trovati nei pipistrelli, pangolini che potrebbero potenzialmente diventare infettivi anche negli esseri umani, ha riferito NPR .

Secondo Theodora Hatziioannou, uno degli autori dello studio, il SARS-CoV-1 è molto diverso dal virus che causa il COVID-19, eppure questi anticorpi hanno funzionato contro di esso. Probabilmente l’ultimo test di questi anticorpi era un virus ingegnerizzato che trasportava 20 mutazioni note per aiutare il virus a eludere il sistema immunitario. Mentre questo virus ingegnerizzato è riuscito a sopravvivere contro gli anticorpi di persone che erano solo infette o solo vaccinate, non è riuscito a sopravvivere agli anticorpi di persone che avevano ” immunità ibrida “.  

 

Questo significa che il modo migliore per diventare immuni al virus è prima infettarsi e poi vaccinarsi? Gli autori dello studio, decisamente non lo consigliano. Lo studio ha incluso solo 14 partecipanti e non sarebbe consigliabile tracciare linee guida per la popolazione generale sulla base di un numero così piccolo. 

Un’altra prestampa pubblicata il mese scorso ha mostrato che le persone che non erano state infettate dal virus della SARS prima hanno dimostrato una certa flessibilità dopo aver ricevuto due dosi del vaccino COVID. Hatziioannou ha detto a NPR che si aspetta che gli anticorpi negli individui che ricevono una dose di richiamo (terza) mostrino una risposta più ampia, se non sovrumana, permettendoci alla fine di avere il sopravvento sul virus. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
 

Articoli più letti