Scoperte in Marocco due nuove specie di dinosauri carnivori

Queste due specie di dinosauri recentemente identificate sono membri della famiglia Abelisauridae, che erano le controparti carnivore dei tirannosauri dell'emisfero settentrionale, prosperarono durante le fasi finali del periodo Cretaceo

0
550
Scoperti in Marocco due nuove specie di dinosauri carnivori
Scoperti in Marocco due nuove specie di dinosauri carnivori

Un gruppo di ricercatori ha scoperto, in Marocco, fossili di cugini primitivi del T. rex che avevano musi corti da bulldog e braccia ancora più corte. Queste due specie di dinosauri recentemente identificate sono membri della famiglia Abelisauridae, che erano le controparti carnivore dei tirannosauri dell’emisfero settentrionale, prosperarono durante le fasi finali del periodo Cretaceo.

Queste nuove scoperte sottolineano e confermano la ricca diversità dei dinosauri in Africa proprio prima che, 66 milioni di anni fa, l’impatto di un asteroide portasse alla nota estinzione di massa dei dinosauri non aviari.

Due nuove specie di dinosauri risalenti alla fine del Cretaceo sono state rinvenute in Marocco, appena fuori Casablanca. Una specie, trovata vicino alla città di Sidi Daoui, è rappresentata da un osso del piede di un predatore lungo circa due metri e mezzo. L’altro, proveniente dalla vicina Sidi Chennane, è la tibia di un carnivoro che raggiungeva i cinque metri di lunghezza.

 

 

Entrambi facevano parte di una famiglia di dinosauri carnivori primitivi conosciuti come abelisauri e vivevano accanto al molto più grande e noto abelisauro, il Chenanisaurus barbaricus, dimostrando che il Marocco ospitava diverse specie di dinosauri poco prima che l’enorme asteroide colpisse, ponendo fine all’era dei dinosauri.



Tibia fossile di Abelisauro

Tibia fossile di abelisauro. Credito: Università di Bath

Il dottor Nick Longrich, del Milner Center for Evolution dell’Università di Bath, che ha condotto lo studio, ha detto: “Ciò che sorprende qui è che si tratta di fondali marini. All’epoca c’era un mare tropicale poco profondo, pieno di plesiosauri, mosasauri e squali. Non è esattamente un posto dove ti aspetteresti di trovare molti dinosauri. Ma li stiamo trovando”.

Anche se i dinosauri rappresentano una piccola percentuale dei fossili, la regione è così ricca di fossili da aver prodotto la migliore immagine dei dinosauri africani dalla fine dell’era dei dinosauri. Invece di trovare le stesse poche specie, i paleontologi spesso recuperano fossili di nuove specie, suggerendo che la fauna di dinosauri locali fosse estremamente diversificata.

Finora, il piccolo numero di fossili di dinosauro che sono stati recuperati rappresentano cinque specie diverse: un piccolo dinosauro dal becco d’anatra chiamato Ajnabia, un titanosauro dal collo lungo, il gigantesco abelisauro Chenanisaurus e ora i due nuovi abelisauri.

Metatarso fossile di Abelisauro

Metatarso fossile di abelisauro. Credito: Nick Longrich, Università di Bath

 

Il dottor Longrich ha detto: “Abbiamo anche altri fossili, ma sono attualmente in fase di studio. Quindi non possiamo dire molto su di loro al momento, tranne che si trattava di una fauna di dinosauri incredibilmente diversificata”.

Gli ultimi dinosauri scomparvero circa 66 milioni di anni fa, insieme a circa il 90% di tutte le specie sulla terra, inclusi mosasauri, plesiosauri, pterosauri e ammoniti. Il modello dell’estinzione della fine del Cretaceo e le sue cause sono stati dibattuti per oltre duecento anni. L’impatto di un gigantesco asteroide nella penisola dello Yucatan è stato collegato alla loro scomparsa, anche se si sostiene che i dinosauri fossero già in declino. I dinosauri marocchini suggeriscono che in realtà, almeno nel nord Africa, questi animali abbiano prosperato fino alla fine.

La fine del Cretaceo nell’America settentrionale occidentale sembra decisamente diventare meno diversificata“, ha affermato Longrich. “Ma questa è solo una piccola parte del mondo. Non è chiaro se si possa generalizzare dai dinosauri del Wyoming e del Montana al mondo intero. Inoltre, il clima stava diventando più freddo verso la fine, quindi potrebbe non sorprendere se i dinosauri alle latitudini più elevate diventassero meno diversificati. Ma non sappiamo molto dei dinosauri delle latitudini più basse”.

Almeno in Marocco, sembrano esserne rimasti diversi e di successo fino alla fine.

Quando il T. rex regnava come mega predatore in Nord America, gli abelisauri erano in cima alla catena alimentare in Nord Africa“, ha affermato Nour-Eddine Jalil, professore al Museo di Storia Naturale e ricercatore presso l’Università Cadi Ayyad in Marocco, coautore dell’articolo.

I resti dei dinosauri, nonostante la loro rarità, danno gli stessi messaggi dei più abbondanti resti di rettili marini. Ci dicono che, poco prima della crisi del Cretaceo-Paleogene, la biodiversità nel nord Africa non era in declino ma, al contrario, presentava una notevole varietà”.

Riferimento: “New fossils of Abelisauridae (Dinosauria: Theropoda) from the upper Maastrichtian of Morocco, North Africa” di Nicholas R. Longrich, Erik Isasmendi, Xabier Pereda-Suberbiola e Nour-Eddine Jalil, 22 agosto 2023, Cretaceous Research
DOI: 10.1016/j.crests.2023.105677

2