Rotazione della Terra alterata dallo scioglimento dei ghiacci polari

Quando il ghiaccio si scioglie nell’oceano, l’acqua di fusione si sposta dai poli verso l’equatore, alterando la velocità di rotazione della Terra in un modo senza precedenti

2
4828
Terra e luna, SCALPSS, Rotazione della Terra

Secondo un nuovo studio, lo scioglimento dei ghiacci polari sta alterando la rotazione della Terra e cambia incidendo sulla velocità.

Terra e luna, SCALPSS, Rotazione della Terra

La rotazione della Terra sta accelerando

Le ore e i minuti che scandiscono le nostre giornate sono determinati dalla rotazione della Terra, ma questa rotazione non è costante, può variare anche leggermente, a seconda di quello che sta accadendo sulla superficie terrestre e nel suo nucleo.

Questi cambiamenti quasi impercettibili a volte significano che gli orologi del mondo devono essere regolati di un “secondo intercalare”, che può sembrare infinitesimale ma può avere un grande impatto sui sistemi informatici.

Nel corso degli anni sono stati aggiunti molti secondi, ma dopo una lunga tendenza al rallentamento, la rotazione della Terra sta ora accelerando a causa dei cambiamenti nel suo nucleo. Per la prima volta in assoluto, sarà necessario toglierne un secondo.



Antropocene

Un secondo intercalare negativo non è mai stato aggiunto o testato, quindi i problemi che potrebbe creare sono senza precedenti”, ha scritto Patrizia Tavella, membro del Dipartimento Tempo dell’Ufficio internazionale dei pesi e delle misure in Francia, in un articolo che accompagna lo studio.

Quando questo accadrà sarà influenzato dal riscaldamento globale, secondo lo studio pubblicato sulla rivista Nature. Lo scioglimento dei ghiacci polari sta ritardando il secondo salto di tre anni, spingendolo dal 2026 al 2029, secondo il rapporto.

Capire cosa accadrà nel cronometraggio globale dipende dalla comprensione di cosa sta succedendo con l’effetto del riscaldamento globale“, ha affermato Duncan Agnew, Professore di geofisica all’Università della California a San Diego e autore dello studio.

Perché un cambiamento della rotazione della Terra può essere drammatico

Prima del 1955, un secondo era definito come una frazione specifica del tempo impiegato dalla Terra per ruotare una volta rispetto alle stelle. Successivamente è arrivata l’era degli orologi atomici ad alta precisione, che si sono rivelati un modo molto più stabile per definire un secondo fisico.

Dalla fine degli anni ’60, il mondo ha iniziato a utilizzare il tempo universale coordinato (UTC) per impostare i fusi orari. L’UTC si basa sugli orologi atomici ma tiene comunque il passo con la rotazione del pianeta.

Poiché la velocità di rotazione non è costante, le due scale temporali divergono lentamente. Questo significa che è necessario aggiungere un “secondo intercalare” di tanto in tanto per riportarli in allineamento.

I cambiamenti nella rotazione della Terra nel lungo termine sono stati dominati dall’attrito delle maree sul fondo dell’oceano, che ne ha rallentato la rotazione. Recentemente, gli impatti dello scioglimento dei ghiacci polari, causato dall’uso da parte dell’uomo di combustibili fossili che riscaldano il pianeta, sono diventati un fattore significativo, ha affermato Agnew.

Quando il ghiaccio si scioglie nell’oceano, l’acqua di fusione si sposta dai poli verso l’equatore, rallentando ulteriormente la velocità di rotazione della Terra.

Lo scioglimento dei ghiacci polari: “È stato abbastanza grande da influenzare notevolmente la rotazione della Terra in un modo senza precedeni”, ha spiegato Agnew: “Per me, il fatto che gli esseri umani abbiano causato un cambiamento nella rotazione della Terra è sorprendente”.

Mentre lo scioglimento dei ghiacci potrebbe rallentare la rotazione della Terra, secondo il rapporto c’è un altro fattore in gioco quando si tratta di cronometraggio globale: i processi nel nucleo del nostro pianeta.

An

Il nucleo liquido del pianeta ruota indipendentemente dal suo guscio esterno solido. Se il nucleo rallenta, il guscio solido accelera per mantenere lo slancio, ha specificato Agnew, e questo è quello che sta accadendo attualmente.

Si sa molto poco di quello che accade a circa 1.800 miglia sotto la superficie terrestre, e non è chiaro il motivo per cui la velocità del nucleo sta cambiando. “È fondamentalmente imprevedibile“, ha agt Agnew.

Quello che è chiaro, secondo lo studio, è che nonostante lo scioglimento dei ghiacci polari abbia esercitato un effetto rallentante, nel complesso la rotazione della Terra sta accelerando. Questo significa che presto il mondo dovrà sottrarre un secondo per la prima volta.

Un secondo non sembra molto“, ha evidenziato Agnew, ma i sistemi informatici predisposti per attività come le transazioni di borsa devono essere precisi al millesimo di secondo.

La responsabilità dell’uomo

Molti sistemi informatici dispongono di software che consentono loro di aggiungere un secondo, ma pochi hanno la capacità di sottrarne uno. Gli esseri umani dovranno riprogrammare i computer, introducendo il potenziale di errore.

Nessuno aveva davvero previsto che la Terra avrebbe accelerato al punto in cui avremmo potuto dover rimuovere un secondo intercalare“, ha continuato Agnew.

Un antico fondale oceanico avvolge il nucleo della Terra

Scambos, il glaciologo dell’Università del Colorado a Boulder, ha detto che il “grosso problema” dello studio è che mostra che: “I cambiamenti dal nucleo della Terra stanno ora tendendo ad essere più grandi delle tendenze nella perdita di ghiaccio dai poli – anche se la perdita di ghiaccio è aumentata. nell’ultima decade”.

È un momento significativo per alcune applicazioni informatiche“, ha proseguito l’esperto, ma per la maggior parte delle persone la vita continuerà come al solito.

Per Agnew, i risultati potrebbero essere un potente strumento per mettere in contatto le persone con il modo in cui gli esseri umani stanno cambiando il pianeta.

Essere in grado di dire che si è sciolto così tanto ghiaccio da aver effettivamente cambiato la rotazione della Terra in una quantità misurabile, penso che dia il senso che questo sia un grosso problema“.

2