Il ghiacciaio più antico risale a 2,9 miliardi di anni fa

Le prove del ghiacciaio più antico al mondo si nascondono vicino ai giacimenti auriferi del Sud Africa, secondo un nuovo studio

Le prove del ghiacciaio più antico al mondo si nascondono vicino ai giacimenti auriferi del Sud Africa, secondo un nuovo studio.

I sedimenti glaciali risalgono a 2,9 miliardi di anni fa, sostengono i ricercatori, che hanno pubblicato le loro scoperte sulla rivista Geochemical Perspectives Letters.

Per il loro studio, gli scienziati hanno portato alla luce depositi di scisto e analizzato campioni di carote provenienti da siti nel nord-est del Sud Africa che fanno parte del supergruppo Pongola, una fitta successione di rocce vulcaniche e sedimentarie che si sono formate nell’era mesoarcaica (da 3,2 miliardi a 2,8 miliardi di anni fa).

“Abbiamo trovato depositi glaciali estremamente ben conservati vicino ai giacimenti auriferi del Sud Africa”, ha dichiarato il coautore dello studio Ilya Bindeman, professore di geochimica e vulcanologia degli isotopi all’Università dell’Oregon. “Questa è una delle poche aree che rimangono abbastanza intatte e immutate dalla Terra primordiale”, ha aggiunto.

In passato, altri ricercatori hanno scoperto alcuni campioni fisici che suggeriscono un’antica glaciazione in questa regione. Tuttavia, le prove della glaciazione durante questa era miliardi di anni fa sono oggetto di accesi dibattiti.

Per indagare, gli scienziati hanno raccolto campioni di roccia sedimentaria sul campo dal Kaapvaal Craton, un antico corpo roccioso situato nella regione sud-orientale del Sud Africa che contiene depositi del Supergruppo Pongola. Hanno anche analizzato campioni di carote della stessa regione che sono stati forniti dalla compagnia mineraria AngloGold-Ashanti. All’interno di questi campioni, i ricercatori hanno scoperto le più antiche morene glaciali conosciute al mondo, che sono “fondamentalmente i detriti lasciati da un ghiacciaio mentre si scioglie e si contrae gradualmente”, ha detto Bindeman.

Indizi chimici suggeriscono che il ghiacciaio più antico del mondo si trovava in quello che oggi è il Sudafrica 2,9 miliardi di anni fa. Qui vediamo il ghiacciaio Lillyhookbreen nelle isole Svalbard in Norvegia. (Credito immagine: Sergio Pitamitz/VWPics/Universal Images Group tramite Getty Images)
Indizi chimici suggeriscono che il ghiacciaio più antico del mondo si trovava in quello che oggi è il Sudafrica 2,9 miliardi di anni fa. Qui vediamo il ghiacciaio Lillyhookbreen nelle isole Svalbard in Norvegia. (Credito immagine: Sergio Pitamitz/VWPics/Universal Images Group tramite Getty Images)

Per determinare le condizioni climatiche presenti al momento della formazione dei sedimenti, gli scienziati hanno utilizzato una tecnica chiamata analisi del triplo isotopo dell’ossigeno, in cui hanno misurato tre diverse forme – o isotopi – dell’ossigeno presente nel sedimento, e hanno scoperto che il livello di alcuni isotopi nei loro campioni corrispondeva a quelli comuni in un clima ghiacciato.

La presenza di questo materiale glaciale potrebbe offrire indizi sul clima e la geografia della Terra durante il periodo di tempo. Una teoria è che quest’area del Sud Africa potrebbe essere stata vicina a uno dei poli 2,9 miliardi di anni fa, hanno affermato gli autori dello studio.

“Un’altra possibilità è che l’intera Terra fosse in un periodo di ‘palla di neve’, quando basse concentrazioni atmosferiche di gas serra, anidride carbonica e metano hanno portato a un ‘effetto serra inverso’, causando il congelamento di gran parte del pianeta”, ha detto il coautore dello studio Axel Hofmann, professore associato presso il Dipartimento di Geologia dell’Università di Johannesburg in Sud Africa. “Se è così, questo sarebbe il primo periodo di raffreddamento globale registrato”.

Sebbene queste teorie possano essere possibili, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere veramente come era il clima miliardi di anni fa, secondo Andrey Bekker, professore associato di geologia presso l’Università della California, Riverside, che non è stato coinvolto nella ricerca.

“È un progresso incrementale verso una sorta di comprensione di questi primi ambienti della Terra e dei cambiamenti climatici nella prima storia terrestre e così via”, ha detto Bekker. Ma ha aggiunto che “non sappiamo esattamente quale fosse l’estensione di questo clima freddo”, se fosse solo locale o esteso a basse latitudini su tutto il pianeta.

Fonte: Geochemical Perspectives Letters

Articoli più letti

Related articles