Potremmo sopravvivere ad una nuova un’era glaciale?

La nostra specie è incredibilmente intelligente e adattabile. Ma, data la nostra attuale dipendenza dalla tecnologia, potremmo sopravvivere a un'altra era glaciale, in futuro?

0
1784
Potremmo sopravvivere ad una nuova un'era glaciale?
Potremmo sopravvivere ad una nuova un'era glaciale?

Studiare gli eventi passati può fornire preziose informazioni sulle cause e gli effetti delle ere glaciali, e può fornirci informazioni per capire come sopravvivere e prosperare di fronte a una potenziale futura era glaciale. Qui, proveremo a esaminare la scienza dietro le ere glaciali, parleremo dei diversi modi in cui le persone e gli animali sono sopravvissuti in passato e esamineremo nuovi modi in cui potremmo essere in grado di adattarci a un clima più freddo.

Che si tratti di imparare a coltivare colture in climi più freddi, progettare nuovi materiali isolanti o trovare fonti energetiche alternative, ci sono molti modi per prepararsi e sopravvivere a un’era glaciale.

Cos’è un’era glaciale?

Un’era glaciale è un lungo periodo di riduzione della temperatura superficiale e atmosferica sulla Terra. Ciò causa la formazione e l’avanzamento di grandi calotte glaciali continentali e polari e ghiacciai alpini, da qui la parola “glaciale”.

Il clima sulla Terra varia tra ere glaciali quando i ghiacciai avanzano e periodi più caldi in cui gran parte del mondo è privo di ghiacciai mentre i ghiacciai si ritirano e il livello del mare si alza. La nostra era, tecnicamente, è periodo interglaciale.

La nostra epoca, fatta dell’alternarsi di periodi glaciali e interglaciali è chiamato “glaciazione quaternaria“. Quest’epoca è iniziata circa 2,6 milioni di anni fa e continua ancora oggi. Durante questo periodo, le calotte glaciali si sono espanse e ritirate sulla superficie terrestre, determinando cambiamenti significativi nella geografia della Terra e nei livelli del mare.



Questi eventi hanno avuto un impatto significativo sul clima, sugli ecosistemi e sull’evoluzione umana (oltre che vegetale e animale). L’ultimo periodo glaciale, noto come “Ultimo massimo glaciale“, si è verificato da circa 26.500 a circa 19.000 anni fa. A quel tempo, il livello globale del mare era più basso di oltre 120 metri rispetto a quello odierno e i ghiacciai coprivano circa il 25% della superficie terrestre.

I periodi caldi intermittenti durante un’era glaciale sono noti come “interstadiali” o cicli interglaciali. I singoli impulsi di temperatura fredda all’interno di un’era glaciale sono noti come glaciali o stadiali (e talvolta indicati come glaciazioni, stadi glaciali o stati).

In glaciologia, il termine “era glaciale” denota un periodo in cui sia l’emisfero settentrionale che quello meridionale hanno consistenti calotte glaciali per un lungo intervallo di tempo.

Secondo questa definizione, l’Olocene è l’attuale epoca interglaciale sulla Terra. Se le cose andranno come mostra la storia della documentazione geologica, la prossima epoca glaciale dovrebbe essere prossima ad iniziare, tuttavia, i ricercatori ora ritengono che il riscaldamento globale indotto dall’uomo la ritarderà notevolmente.

Cosa causa le ere glaciali?

Le ere glaciali sono una parte naturale della vita sul nostro pianeta. Ma cosa le scatena di solito?

Secondo i geologi, le cause scatenanto un’era glaciale derivano dalla convergenza di alcuni fattori principali. Questi includono variazioni nei modelli di circolazione oceanica e atmosferica, la quantità di anidride carbonica nell’atmosfera ed eventi come le eruzioni vulcaniche.

Negli ultimi 450.000 anni si sono verificati quattro cicli glaciali-interglaciali piuttosto regolari. Questo periodo ha alternato periodi glaciali molto più lunghi (da 70.000 a 90.000 anni) significativamente più freddi del presente, con cicli interglaciali più brevi (da 10.000 a 30.000 anni) che erano caldi quasi quanto il presente.

Nel grafico sottostante, prendi nota delle oscillazioni di temperatura improvvise più lente nei periodi interglaciali più caldi che sono seguite dalla durata più lunga di eventi di raffreddamento frastagliati nei ghiacciai più freddi.

Come sopravvivere a un'era glaciale: l'abbiamo già fatto, ma possiamo farlo di nuovo?
Il grafico sopra (per gentile concessione dello Utah Geological Survey), modificato da varie fonti, include prove e risultati di studio da diversi record di carote di ghiaccio dall’Antartide. – Indagine geologica dello Utah

Le mutevoli posizioni dei continenti della Terra, che hanno un impatto sugli oceani e sui modelli di circolazione atmosferica, sono cruciali all’inizio delle ere glaciali. Le calotte glaciali possono formarsi e innescare una nuova era glaciale quando l’azione tettonica delle placche riorganizza i continenti in modo che lo scorrimento dell’acqua calda dall’equatore ai poli sia ostacolato o diminuito.

Si ritiene che la formazione del ponte terrestre che collega il Nord e il Sud America (l’istmo di Panama), che ha interrotto il flusso di acqua tropicale tra l’Oceano Atlantico e il Pacifico e abbia cambiato radicalmente le correnti oceaniche, sia l’innesco dell’attuale era glaciale.

I periodi interglaciali e glaciali si verificano in modelli ricorrenti e relativamente prevedibili. Prevedibili fluttuazioni periodiche nell’orbita terrestre, che influenzano la quantità di luce solare che raggiunge varie sezioni della superficie del pianeta, possono influenzare notevolmente la tempistica di queste.

Chiamati “Cicli di Milankovitch”, si ipotizza che questi tipi di movimenti orbitali della Terra influenzino la quantità di radiazione solare che raggiunge la parte superiore dell’atmosfera terrestre. Le variazioni orbitali includono:

  • Spostamenti nell’eccentricità dell’orbita terrestre attorno al Sole;
  • Cambiamenti nell’obliquità dell’asse terrestre (l’angolo dell’asse terrestre è inclinato rispetto al piano orbitale);
  • Il movimento di oscillazione dell’asse terrestre (la direzione in cui è puntato l’asse di rotazione terrestre, chiamato precessione).

La validità della teoria di Milankovitch è stata ampiamente dimostrata attraverso la ricerca scientifica, sebbene sia stato anche dimostrato che i cicli non possono spiegare il periodo di rapido “riscaldamento globale” che la Terra ha vissuto dal periodo preindustriale.

Tutto molto interessante, ma come fanno i geologi a saperlo?

Bene, hanno messo insieme informazioni sulle ere glaciali mettendo insieme i dati dall’esame di carote di ghiaccio, sedimenti di acque profonde, fossili e morfologie.

I nuclei di ghiaccio e i sedimenti forniscono un’ampia storia del clima mondiale. Lunghi tubi cavi inseriti fino a 3000 metri attraverso il ghiaccio polare o nei sedimenti sul fondo dell’oceano vengono utilizzati per raccogliere campioni, i cosiddetti carotaggi. Insieme ai milioni di anni di registrazioni climatiche nelle carote di sedimenti oceanici, le carote di ghiaccio forniscono registrazioni climatiche annuali e stagionali di centinaia di migliaia di anni.

I record climatici più completi sono stati trovati nelle carote di ghiaccio prelevate dalle due calotte glaciali rimanenti della Terra, la Groenlandia e l’Antartide. Grazie a queste prove, i geologi comprendono anche quanto velocemente questi periodi vanno e vengono. Secondo prove storiche, le ere glaciali spesso iniziano lentamente e finiscono rapidamente. Questo modello può essere visto nei periodi glaciali e interglaciali all’interno di un’era glaciale.

Le temperature globali sono soggette a cambiamenti frequenti e bruschi su una scala temporale più breve. Negli ultimi 100.000 anni, molteplici cambiamenti climatici significativi, diffusi e improvvisi sono stati documentati in varie fonti.

L’incredibile velocità con cui avvengono questi cambiamenti è una delle scoperte recenti più entusiasmanti. Le temperature globali sono cambiate fino a 8°C o più nel periodo incredibilmente breve (secondo gli standard geologici) di pochi decenni o addirittura pochi anni.

Ad esempio, una tendenza al riscaldamento si è interrotta 12.800 anni fa quando le temperature sono crollate bruscamente in pochi decenni mentre la Terra emergeva dal ciclo glaciale più recente.

Solo 1.300 anni dopo, le temperature locali sono aumentate fino 11°C nel giro di pochi anni. Negli ultimi 100.000 anni, ci sono stati almeno 24 casi di cambiamenti improvvisi come questo.

Oggi stiamo sperimentando temperature eccezionalmente stabili, che si pensava fossero una delle ragioni dell’ascesa delle nostre società moderne e sofisticate. Ma nessuno sa quanto tempo potrebbe durare.

Ma ne parleremo più avanti.

Gli esseri umani possono sopravvivere a un’era glaciale?

In passato, da quando esiste l’uomo moderno, infatti, ne abbiamo avute già due, quindi è probabile che accada di nuovo. Le persone che sono sopravvissute a questi periodi erano molto simili a noi, geneticamente parlando, ma erano culturalmente e tecnologicamente molto diverse.

L’Homo sapiens apparve per la prima volta in Africa circa 300.000 anni fa. Alcuni nostri antenati rimasero in Africa durante l’era glaciale e furono risparmiati dal freddo peggiore. Altri si sono diffusi in tutto il mondo, comprese le gelide regioni glaciali d’Europa.

Nemmeno loro erano soli. Altre specie di ominini, compresi i Neanderthal in Europa e gli enigmatici Denisoviani in Asia, vissero in Eurasia durante l’inizio dell’era glaciale. Gli ominini sono un gruppo che include i nostri immediati antenati e i nostri parenti più stretti. Queste popolazioni sembrano essere scomparse prima dell’era glaciale, ma i nostri antenati sopravvissero miracolosamente. Questo è un grosso problema, poiché la vita è difficile durante un’era glaciale.

La maggior parte delle persone si riferisce all’ultimo periodo glaciale, iniziato circa 115.000 anni fa e concluso con l’inizio dell’attuale periodo interglaciale quando usano il termine “era glaciale”. Il mondo era molto più bello allora di quanto lo sia oggi. La temperatura media globale durante il suo picco, quando le calotte glaciali inghiottirono la maggior parte del Nord America, era di circa 8 gradi Celsius. Si tratta di 6 gradi Celsius in meno rispetto all’attuale media annuale mondiale.

Anche se questa differenza potrebbe non sembrare significativa, è stata sufficiente a coprire la maggior parte del Nord America e dell’Eurasia con calotte glaciali. Poiché la maggior parte dell’acqua sulla Terra era congelata nelle calotte glaciali, il livello del mare era significativamente più basso. Steppe o pianure secche ed erbose coprivano vaste aree.

Come sopravvivere a un'era glaciale: l'abbiamo già fatto, ma possiamo farlo di nuovo?
La vita è molto dura durante i picchi delle ere glaciali. – Daniel Eskridge/iStock

Probabilmente conosci già molte specie che esistevano durante il periodo glaciale, come orsi bruni, caribù e lupi. Tuttavia, la cosiddetta megafauna, inclusi mammut, mastodonti, tigri dai denti a sciabola ed enormi bradipi terrestri, si estinse tutti verso la fine dell’ultima era glaciale.

Esistono varie teorie sul motivo per cui queste specie sono scomparse. Secondo alcuni, gli esseri umani cacciarono la megafauna fino all’estinzione, anche se la maggior parte sottolinea il ruolo probabilmente avuto dai cambiamenti ecologici e ambientali man mano che il clima diventava più caldo.

Ci sono diverse teorie sul come la nostra specie abbia resistito all’era glaciale, mentre i nostri cugini, gli altri ominini, no. Alcuni credono che abbia a che fare con quanto siamo adattabili e con le nostre capacità sociali e comunicative. Inoltre, sembra che gli umani non siano rimasti in un unico posto durante l’era glaciale, ma si siano spostati alla ricerca di condizioni migliori, spostandosi in luoghi nuovi e più caldi.

Si è creduto a lungo che gli umani non arrivarono in Nord America fino a quando le calotte glaciali non iniziarono a sciogliersi. Tuttavia, le impronte fossilizzate scoperte nel White Sands National Park del New Mexico dimostrano che esseri umani erano in Nord America per almeno 23.000 anni prima della fine dell’ultima era glaciale.

Quindi, sembra che siamo una specie piuttosto difficile da uccidere. Ma sopravviveremmo a una futura era glaciale?

Quando avverrà la prossima era glaciale?

C’è una discussione in corso su quando inizierà la prossima era glaciale, con le teorie più recenti che suggeriscono che l’influenza umana sul clima la stia già ritardando. L’Olocene (il periodo di epoca geologica in cui viviamo attualmente), durato finora circa 11.600 anni, è stato caratterizzato da circostanze ambientali favorevoli che hanno favorito lo sviluppo dell’agricoltura, della tecnologia, della mobilità e la conseguente enorme espansione demografica che ha elevato gli esseri umani a specie dominante sul pianeta.

È probabile che qualsiasi cambiamento significativo del clima presenti ostacoli difficili per noi ma probabilmente risolvibili.

Dopo un lungo periodo di raffreddamento globale, molti sclimatologi, compresi quelli che ora sono preoccupati per il riscaldamento globale, ritengono che una tendenza al raffreddamento a livello planetario iniziata quasi 50 milioni di anni fa si stia effettivamente invertendo e potrebbe portare il pianeta ad assomigliare più da vicino al medio Pliocene, che terminò tre milioni di anni fa. A quel tempo, l’emisfero settentrionale era in gran parte privo di ghiaccio e il livello del mare era di circa 18 metri più alto di oggi.

Si stima che l’ultimo periodo caldo sia durato circa 10.000 anni sulla base di prove provenienti da sedimenti marini e altre fonti. Si è a lungo ritenuto che ciò desse almeno un’idea approssimativa di quanto sarebbe durato l’attuale periodo interglaciale.

La teoria che il raffreddamento sarebbe arrivato presto è stata contestata alcuni anni fa. Ulteriori informazioni sul precedente periodo caldo, avvenuto 130.000 anni fa, hanno portato alcuni scienziati a concludere che è durato il doppio di quanto si pensava inizialmente: 20.000 anni invece di 10.000.

Alcuni hanno sostenuto che l’Olocene è meglio modellato su un precedente periodo caldo che è durato ancora più a lungo: 30.000 anni. Tuttavia, molti specialisti continuano a esprimere la loro convinzione che l’attuale riscaldamento dovrebbe arrestarsi a causa dei cicli orbitali, “in questo millennio“, come ha detto al New York Times il dottor Richard A. Muller, fisico dell’Università della California a Berkeley.

Ma ora gli umani stanno esercitando una nuova influenza sulla Terra. Secondo molti climatologi, mentre le riserve sepolte da tempo di carbone, petrolio e altri combustibili fossili ricchi di carbonio vengono bruciate, miliardi di tonnellate di anidride carbonica e altri gas serra che intrappolano il calore vengono rilasciati nell’atmosfera, ritardando l’inizio della prossima era glaciale per un millennio o due, se non di più.

Secondo il Dr. James A. Hansen, direttore del Goddard Institute for Space Studies della NASA, una coperta isolante ha un impatto più significativo sul clima rispetto al minore flusso di energia solare che entra nell’atmosfera a causa delle variazioni nell’orientamento della Terra rispetto al Sole.

Abbiamo assunto il controllo dei meccanismi che determinano il cambiamento climatico”, ha detto. Mentre alcuni scienziati concordano con questa idea a breve termine, affermano che alla fine le funzioni di bilanciamento della Terra, dell’oceano e dell’atmosfera restituiranno la maggior parte del carbonio rilasciato allo stoccaggio a lungo termine, consentendo al ritmo orbitale di predominare ancora una volta.

I cambiamenti orbitali stanno ballando una danza lenta che porterà a un picco tra 80.000 anni“, ha affermato il dott. Eric J. Barron, preside del College of Earth and Mineral Sciences della Penn State. “Non riesco quasi a immaginare che le influenze umane non avranno fatto il loro corso a quel punto”

Potrebbe sembrare che, sebbene il riscaldamento globale causato dall’uomo possa essere una calamità su scala secolare se ritarda per un po’ l’imminente era glaciale, alla fine potrebbe essere benefico, almeno per gli esseri umani; Tuttavia, molti climatologi sottolineano che la nostra comprensione delle complesse interazioni tra gas serra, cambiamenti orbitali e altri fattori legati al clima è ancora carente. In effetti, secondo alcuni esperti, esiste la possibilità che il riscaldamento causato dall’uomo impedisca alle correnti oceaniche che trasportano il calore di mantenere un clima più temperatoalle alte latitudini.

Se questo è il caso, il risultato potrebbe essere un declino più rapido nei tempi glaciali invece di una lunga attesa.

Gli esseri umani potrebbero sopravvivere alla prossima era glaciale?

Sia che si verifichi “nei tempi previsti” tra qualche migliaio di anni o che l’abbiamo ritardata di altri 100.000 anni, sembra chiaro che un’altra grande era glaciale si verificherà ad un certo punto nel futuro. Certo, non possiamo sapere dove saranno gli esseri umani, tecnologicamente, per allora, ma cosa succederebbe se un’era glaciale ci colpisse improvvisamente oggi, un po’ come nel film 2012?

Date le differenze nella società umana di oggi rispetto a decine di migliaia di anni fa, potremmo sopravvivere? Di cosa avremmo bisogno?

Beh, forse il passato potrebbe darci qualche spunto.

È opinione diffusa che i nostri antenati siano sopravvissuti all’era glaciale adattandosi all’ambiente in evoluzione, sviluppando nuovi strumenti e tecnologie e formando strutture sociali per sostenere la sopravvivenza. Durante questo periodo, gli esseri umani vivevano come cacciatori-raccoglitori, viaggiando in piccoli gruppi per raccogliere cibo e cacciare animali.

Hanno anche sviluppato strategie per conservare il cibo e stare al caldo quando fa freddo, come accendere fuochi, costruire rifugi e indossare pelli di animali. Grazie alla loro resilienza e intraprendenza, gli esseri umani hanno potuto prosperare nelle difficili condizioni dell’era glaciale e gettare le basi per le civiltà che sarebbero venute in seguito.

Siamo stati anche in grado di spostarci e abitare diversi habitat in tutto il mondo, alcuni dei quali sono stati meno colpiti dal peggio che le ere glaciali avevano da offrire. Noi, come specie, abbiamo efficacemente coperto le nostre scommesse diversificando la nostra “posizione” sul pianeta.

Dal momento che siamo i discendenti di queste persone robuste e abitiamo più aree del pianeta rispetto all’ultima era glaciale, le nostre possibilità dovrebbero essere piuttosto buone per impostazione predefinita. Ma che tipo di impatto avrebbe un’era glaciale sulla società moderna?

Quanto potrebbe essere catastrofico per noi?

Una nuova era glaciale avrebbe un impatto significativo sugli esseri umani moderni, poiché il nostro attuale stile di vita non è ben adattato a un ambiente freddo e aspro. Alcuni degli effetti probabilmente includerebbero quanto segue:

  • Problemi all’agricoltura: una nuova era glaciale comporterebbe probabilmente fallimenti diffusi dei raccolti e carenze alimentari, poiché le condizioni di crescita diventerebbero molto più difficili e le nostre colture alimentari sarebbero molto meno diversificate rispetto al passato. Ciò porterebbe probabilmente alla fame di massa e alla carestia in tutto il mondo.
  • Danni alle infrastrutture: il freddo estremo e la neve potrebbero danneggiare edifici e infrastrutture, come strade e ponti, rendendo più difficile per le persone viaggiare, anche localmente, e accedere ai servizi essenziali. In combinazione con la mancanza di cibo, queste strutture probabilmente non sarebbero mai riparate o manutenute.
  • Problemi di salute: le persone sarebbero più vulnerabili alle malattie legate al freddo come l’ipotermia e problemi respiratori e cardiovascolari. La mancanza di buone infrastrutture aggraverebbe ulteriormente questo problema e le malattie a lungo ritenute “sconfitte” probabilmente tornerebbero a diffondersi.
  • Impatto economico: l’economia globale probabilmente ne risentirebbe gravemente, poiché ne risentirebbero industrie come il turismo e l’agricoltura.
  • Migrazione forzata: molte persone possono essere costrette a lasciare le proprie case in cerca di climi più ospitali, portando a emigrazioni su larga scala e potenziali conflitti per le risorse. Questo è probabilmente l’impatto più “pericoloso” di una nuova era glaciale, specialmente in un mondo armato di armi nucleari.

Quindi, in caso di una guerra nucleare totale, la società come la conosciamo potrebbe benissimo cessare di esistere. Le città verrebbero abbandonate rapidamente e potremmo persino tornare a un’esistenza nomade, riportando effettivamente la nostra civiltà indietro di diverse decine di migliaia di anni.

Per quanto riguarda una delle risorse più vitali, il cibo, non si può sottovalutare quanto brutte sarebbero le cose in un’era glaciale. La maggior parte del cibo mondiale viene prodotto in pochi paesi con la terra più fertile, climi favorevoli e abbondanti risorse idriche.

Le più grandi regioni produttrici di cibo si trovano nelle zone temperate del mondo e comprendono aree in Europa, Nord America, Sud America e Asia. Queste regioni sono caratterizzate da suoli ricchi, temperature moderate e abbondanti precipitazioni, ideali per la coltivazione di varie colture. I più grandi paesi produttori di cibo del mondo includono Cina, Stati Uniti e Canada, India, Brasile, Ucraina e Russia. Se la maggior parte di queste aree dovesse essere coperta da lastre di ghiaccio o altrimenti trasformata in aree simili alla tundra, non potremmo sostenere la popolazione umana che abbiamo oggi.

Per questo motivo, come vedremo più avanti, metodi adeguati di accesso al cibo sarebbero probabilmente la chiave della nostra sopravvivenza. Ma c’è qualcosa che potremmo fare per prepararci a una cosa del genere? Il nostro attuale livello di tecnologia potrebbe offrirci qualche opzione per evitare che accada il peggio?

Di cosa avremmo bisogno come specie per sopravvivere a una nuova era glaciale?

Per sopravvivere a una nuova era glaciale come specie, gli esseri umani moderni dovrebbero adottare un approccio sfaccettato, affrontando le sfide relative a cibo, riparo, energia e infrastrutture generali, come discusso sopra.

Quindi proviamo ad affrontare ogni “problema” principale separatamente.

1. La sicurezza alimentare sarebbe un must

Un impatto negativo su larga scala sulla produzione alimentare sarebbe uno dei peggiori impatti di una nuova era glaciale. Ciò si rivelerebbe disastroso per la maggior parte delle popolazioni in tutto il mondo, portando a fame di massa, carestia e enormi perdite di vite umane. I tassi di mortalità probabilmente aumenterebbero tra i poveri, gli anziani e i giovanissimi, e il futuro sembrerebbe molto cupo, per dirla alla leggera.

Trovare modi per coltivare e conservare il cibo in un ambiente freddo e inospitale sarebbe fondamentale. Ciò potrebbe includere lo sviluppo di nuove varietà di colture e nuove fonti di cibo, l’aumento dei sistemi di stoccaggio e distribuzione degli alimenti e il miglioramento dei metodi per produrre proteine ​​senza animali, come la carne coltivata in laboratorio.

Quindi, c’è qualcosa in giro che potrebbe essere potenzialmente utilizzato? Una risposta potrebbe essere nell’usare la tecnologia attualmente progettata per un ambiente al di là del nostro pianeta, su altri pianeti. Sarebbe quasi poetico se le nostre imprese nello sviluppo di habitat su altri mondi potessero essere utilizzate per salvarci sulla Terra.

Gli scienziati hanno scoperto che coltivare cibo su altri pianeti richiederebbe il superamento di sfide tecnologiche e ambientali significative, poiché le condizioni su altri pianeti sono spesso molto diverse da quelle sulla Terra. Ma, nell’era glaciale, alcuni di questi potrebbero essere modificati per funzionare anche “a casa”.

Alcune soluzioni promettenti includerebbero probabilmente quanto segue:

  • Sistemi idroponici: i sistemi idroponici utilizzano acqua ricca di sostanze nutritive invece del suolo per far crescere le piante, il che potrebbe essere una soluzione in ambienti in cui il suolo è scarso o inadatto alla coltivazione.
  • Serre specializzate: le serre potrebbero creare un ambiente controllato per la coltivazione delle colture, compresa la regolazione della temperatura, l’illuminazione e il controllo atmosferico.
  • Agricoltura verticale: l’agricoltura verticale comporta l’impilamento di strati di colture uno sopra l’altro in un ambiente controllato, che potrebbe produrre cibo in modo efficiente in uno spazio limitato.
  • Modificazione genetica: la modificazione genetica potrebbe essere utilizzata per sviluppare colture più adatte alle dure condizioni di un pianeta più freddo.
  • Riciclo alimentare e gestione dei rifiuti: in un sistema chiuso come un rifugio dell’era glaciale, il riciclaggio degli alimenti e la gestione dei rifiuti saranno essenziali per garantire una produzione alimentare sostenibile e ridurre al minimo gli sprechi.

Oltre a ciò, non tutta la terra sulla Terra diventerebbe inutilizzabile per l’agricoltura, quindi probabilmente dovremmo cambiare un po’ la nostra dieta per piante più resistenti e amanti del freddo. Per quanto riguarda le proteine, probabilmente avremmo ancora accesso ai frutti di mare e potremmo allevare alcuni animali amanti del freddo come renne, foche, balene, salmoni, merluzzi, caribù, ecc. , è probabile che finiremo per fare affidamento su cibo come alghe e carne coltivata in laboratorio, che possono essere entrambi coltivati ​​al chiuso, per fornire proteine.

Chissà, potremmo anche essere in grado di riportare indietro la megafauna dell’era glaciale come il rinoceronte lanoso o il mammut. Anche se potrebbero non essere molto gradevoli per i palati moderni, come vi diranno alcune anime coraggiose che hanno provato a mangiare carne di mammut congelato.

2. Un riparo adeguato sarebbe vitale, ovviamente

Con le nostre scorte di cibo ordinate, la prossima cosa più importante sarebbe un adeguato riparo dagli elementi. Questo è vero oggi come lo è sempre stato.

Fornire un riparo caldo e sicuro per tutte le persone sarebbe essenziale, il che potrebbe richiedere lo sviluppo di nuovi materiali da costruzione e tecnologie di isolamento. Ma gli sviluppi dell’edilizia e dell’efficienza energetica nel nostro clima attuale potrebbero essere un buon punto di partenza.

Il miglior rifugio sarebbe quello che “perde” a malapena energia termica. Ciò richiederebbe un isolamento eccellente, una tenuta all’aria quasi perfetta e sistemi di ventilazione altamente sofisticati per mantenere pulita l’aria all’interno senza disperdere calore all’esterno. Probabilmente potrebbero andare anche grandi finestre e altre parti dell’edificio normalmente inefficienti dal punto di vista termico, poiché in ogni caso si vedrebbe solo una coltre di neve quasi costante.

Esistono televisione e fotocamere digitali nel caso si volesse vedere cosa succede fuori quando non ci avventuriamo. Per questo genere di cose, abbiamo alcune tecnologie esistenti da cui trarre ispirazione, comprese le tecniche costruttive Passivhaus e, ancora una volta, la tecnologia spaziale. Potremmo, ad esempio, costruire rifugi ispirati a “veicoli spaziali” per mantenere gli esseri umani sopravvissuti al sicuro e al caldo.

A parte la schermatura contro le radiazioni e le tecnologie a bassa gravità, i controlli atmosferici, i sistemi di supporto vitale, ecc., sarebbero piuttosto utili. Sarebbero utili anche altri elementi come il supporto psicologico (molto spazio, privacy, ecc.), le comunicazioni, l’affidabilità e la ridondanza del sistema.

Oppure, naturalmente, potremmo costruire un gran numero di habitat protetti come quelli utilizzati dalle stazioni di ricerca polari. Tuttavia, queste strutture, essendo così remote, fanno molto affidamento sulla fornitura regolare di rifornimenti.

3. L’energia affidabile, e in abbondanza, sarebbe un’altra risorsa importante

L’accesso a fonti di calore e luce affidabili sarebbe essenziale, soprattutto quando le temperature scendono a livelli estremamente bassi. Ciò potrebbe includere lo sviluppo di nuove fonti di energia, come l’energia nucleare, solare, eolica e geotermica.

Poiché le industrie su larga scala e il trasporto globale di elementi essenziali come il carburante diventerebbero probabilmente inaffidabili nella migliore delle ipotesi, sarebbero essenziali mezzi alternativi. Allora, quali sono le nostre opzioni? Usiamo ancora una volta le stazioni di ricerca polari per qualche ispirazione.

Le stazioni di ricerca polari in genere producono energia utilizzando una combinazione di fonti rinnovabili e non rinnovabili. L’eolico e il solare sono le fonti di energia rinnovabile più comuni utilizzate nelle stazioni di ricerca polari. Le turbine eoliche sono utilizzate per generare elettricità dal vento, mentre i pannelli solari convertono la luce solare in elettricità.

Le fonti non rinnovabili, come i generatori diesel, possono essere utilizzate per integrare le fonti di energia rinnovabile o come alimentazione di riserva durante un periodo di scarso vento o sole. La scelta della fonte energetica, tuttavia, dipende dalle esigenze e dalle condizioni specifiche della stazione di ricerca, nonché dalla disponibilità e dal costo delle diverse fonti energetiche nella regione.

I pannelli solari e le turbine eoliche sarebbero probabilmente una buona idea, ma i combustibili liquidi, come il diesel, diventerebbero probabilmente una merce molto limitata durante un’era glaciale. Per questo motivo, probabilmente vorremmo investire molto in pompe di calore geotermiche (verticali o orizzontali) e altre fonti energetiche che non richiederebbero molto rifornimento per lunghi periodi.

Se solo esistesse una cosa del genere… Oh aspetta, e l’energia nucleare? Che si tratti di fissione o fusione (se disponibile in tempo), potrebbe essere una scelta perfetta per alimentare grandi gruppi di rifugi a prova di freddo.

4. Probabilmente avremmo bisogno di aggiornare anche la nostra infrastruttura

Come abbiamo visto dai recenti eventi di cronaca in luoghi come il Nord America, eventi climatici estremi possono causare il caos per le infrastrutture moderne. Per periodi freddi prolungati, come un’era glaciale, gli impatti sarebbero catastrofici se non si facesse nulla per prepararsi.

Come sopravvivere a un'era glaciale: l'abbiamo già fatto, ma possiamo farlo di nuovo?
Un’era glaciale distruggerebbe la nostra infrastruttura esistente in breve tempo. stewmangroup/iStock

Alcuni degli impatti più probabili sulle infrastrutture di un’era glaciale sarebbero:

  • Il congelamento e l’espansione del suolo possono causare lo spostamento della pavimentazione e delle fondamenta degli edifici, con conseguenti danni.
  • Dighe di ghiaccio: lo scioglimento della neve e del ghiaccio che si ricongela lungo il bordo del tetto può formare dighe che impediscono il drenaggio dell’acqua di disgelo, causando danni causati dall’acqua agli edifici.
  • Carichi di neve: un forte accumulo di neve può danneggiare tetti, linee elettriche e altre strutture.
  • Freddo: le temperature estremamente fredde possono causare il congelamento e lo scoppio dei tubi, con conseguenti danni causati dall’acqua e interruzione dei servizi essenziali.
  • Tempeste: le forti tempeste invernali possono causare interruzioni di corrente diffuse, danneggiare strade e ponti e interrompere le reti di trasporto.

Nel complesso, gli effetti combinati di un’era glaciale sulle infrastrutture sarebbero significativi, richiedendo ingenti investimenti in misure di riparazione e adattamento. Per questo motivo, sarebbe necessario aggiornare e mantenere le infrastrutture, come strade, ponti e sistemi di comunicazione, per garantire che le persone possano accedere ai servizi essenziali e sostenersi a vicenda. Per strutture come le linee elettriche, queste dovrebbero probabilmente essere spostate sottoterra, o la produzione di energia decentralizzata diventerebbe la “norma”.

5. Sarebbe inoltre necessaria una buona collaborazione e pianificazione

La collaborazione e la pianificazione tra gruppi di persone sarebbero molto utili. A tal fine, sopravvivere a una nuova era glaciale richiederebbe una significativa cooperazione e coordinamento tra nazioni, comunità e individui. Lo sviluppo di un piano completo per l’adattamento a un clima che cambia e garantire che le risorse siano distribuite sarebbe fondamentale. Esistono già alcune istituzioni che potrebbero aiutare, come le Nazioni Unite, ecc., ma nessuno sa quanto sarebbero efficaci di fronte a un enorme cambiamento ambientale su questa scala.

Anche se questo potrebbe essere un piccolo pensiero “utopico”, se potesse essere realizzato, la transizione verso un mondo dell’era glaciale sarebbe molto meno violenta e traumatica per tutti i soggetti coinvolti. Tuttavia, la storia umana su come reagiamo durante i periodi di enorme stress ambientale non è incoraggiante.

Nel complesso, sopravvivere a una nuova era glaciale come specie richiede innovazione tecnologica, organizzazione sociale e politica, resilienza e adattabilità individuali.

In conclusione, sopravvivere a un’era glaciale può sembrare difficile ma è possibile con i preparativi e la mentalità adeguati. Comprendendo le cause e gli effetti delle ere glaciali, possiamo preparare meglio noi stessi e le nostre comunità a resistere alle dure condizioni che ne derivano.

Che si tratti di accumulare scorte essenziali, rafforzare le infrastrutture o semplicemente cambiare le nostre abitudini, ci sono passi che tutti possiamo intraprendere per contribuire a garantire un futuro sicuro e sostenibile per noi stessi e per le generazioni a venire. Quindi, accettiamo la sfida di sopravvivere alle ere glaciali e adoperiamoci per un mondo migliore e più resiliente.

2