La Terra potrebbe trovarsi all’interno di un buco nero?

[tta_listen_btn]

Il nostro sistema solare sembra essere circondato da miliardi di stelle nella Via Lattea. Ma se guardassimo ancora più lontano, sarebbe possibile trovare prove che la Terra si trovi in qualcosa di ancora più fantastico, come un buco nero?

I buchi neri sono luoghi nell’universo in cui la gravità è così forte da distorcere il tempo e lo spazio intorno ad esso; una volta dentro, niente, nemmeno la luce, può sfuggire.

In uno scenario di fantascienza, un buco nero avrebbe potuto inghiottire la Terra molto tempo fa. Ma se ciò fosse accaduto, l’attrazione gravitazionale sarebbe stata catastrofica, ha affermato Gaurav Khanna, fisico dell’Università del Rhode Island. Man mano che la Terra si fosse avvicinata al buco nero, il tempo sarebbe rallentato. E a seconda delle dimensioni del buco nero, la materia potrebbe essere allungata in forme simili a spaghetti. Anche se il pianeta fosse sopravvissuto a questa “spaghettificazione”, la Terra sarebbe stata destinata alla singolarità densa e minuscola, dove sarebbe stata incenerita dalla pressione e dalla temperatura di una forza gravitazionale insondabile, sostiene Khanna.

Quindi possiamo escludere la possibilità che un buco nero abbia inghiottito la Terra ad un certo punto della sua storia; sarebbe stata cancellata in una frazione di secondo, ha aggiunto.

Ma c’è un altro modo in cui la Terra potrebbe essere finita nel ventre di un buco nero: potrebbe essersi formata lì.

“Un buco nero assomiglia molto al Big Bang al contrario. La matematica sembra simile”, ha detto Khanna. “Ma mentre un buco nero collassa su un minuscolo punto molto denso, il Big Bang è esploso da un tale punto”.

Una teoria postula che il Big Bang sia stato la singolarità di un buco nero in un Universo genitore più grande. Il centro denso si è compresso, “finché in qualche modo non è esploso e si è formato un piccolo Universo all’interno del buco nero”, ha detto Khanna.

Questa teoria, nota come cosmologia di Schwarzschild, suggerisce che il nostro universo ora si sta espandendo all’interno di un buco nero che fa parte di un universo genitore. In teoria, questo scenario significherebbe che gli universi possono esistere all’interno di universi, e che tornare indietro attraverso un buco nero – un’impresa probabilmente impossibile, dal momento che la luce non può nemmeno fare il viaggio inverso – sbloccherebbe regni sconosciuti.

Tuttavia, è improbabile che questa teoria venga dimostrata; nulla può tornare indietro attraverso l’orizzonte degli eventi di un buco nero.

Ma se la Terra si trovasse all’interno di un buco nero, gli esperti avrebbero una stima delle dimensioni dell’abisso spaziale. “Se ci trovassimo in un buco nero, dovrebbe essere estremamente grande”, ha detto Scott Field, professore associato di matematica all’Università del Massachusetts Dartmouth. La Terra non sarebbe solo nascosta in un buco nero delle dimensioni di un pianeta o addirittura delle dimensioni del sistema solare. Se così fosse, gli scienziati se ne sarebbero accorti, ha affermato Field. Ci sarebbero segni osservabili della rotazione del buco nero. Oppure vedremmo le sottili distorsioni causate dall’estrema gravità – come il rallentamento del tempo e lo stiramento della materia – mentre le persone si muovono all’interno del buco nero.

Se la Terra si trovasse in un buco nero delle stesse dimensioni, ad esempio, le persone noterebbero gli effetti di queste forze di marea, come la spaghettificazione e il tempo rallentato, mentre viaggiano da un punto all’altro del globo, ha detto Field, che lavora sulla modellazione gravitazionale e simulazione, comprese le collisioni di buchi neri.

Quindi qualsiasi buco nero che la Terra chiama casa dovrebbe essere enorme, delle dimensioni di un universo, e così vasto che non potremmo viaggiare abbastanza lontano o abbastanza velocemente da rilevare le distorsioni gravitazionali, ha aggiunto Field.

Dall’interno di un universo buco nero, i terrestri “non avrebbero modo di sapere che esiste un altro universo genitore”, ha dichiarato Khanna. Ne saremmo ignari. Quindi trovare il nostro predecessore universale sarebbe a dir poco difficile. Tuttavia, “sarebbe bello” se questa teoria fosse vera, ha concluso.

Più letti nella settimana

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

In Tendenza

Evoluzione: alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria – video

Un team di studiosi della Flinders University e dell’Università di Adelaide in Australia ha scoperto che alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria e che la percentuale dei soggetti che presentano questa caratteristica è in crescita

Starliner: gli astronauti non sono in pericolo

I due astronauti della NASA che a giugno 2024...

Cosa sono i prodotti a base di CBD e quali sono i loro benefici

Il cannabidiolo, comunemente noto come CBD, è uno dei...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Articoli correlati

Popular Categories