Colossal monitorerà gli elefanti orfani in Botswana per facilitare il ritorno del mammut lanoso

La startup ha stretto una collaborazione con Elephant Havens, una fondazione per la fauna selvatica con sede nel delta dell'Okavango che si prende cura degli elefanti orfani

0
183
IA monitorerà gli elefanti orfani in Botswana per facilitare il ritorno del mammut lanoso, de-estinzione dei mammut lanosi

Il mammut lanoso non cammina sulla Terra da 4000 anni. Estinto alla fine dell’ultima era glaciale, fa parte di un gruppo di specie ormai scomparse che continuano a ispirare i biologi e che la startup biotecnologica statunitense Colossal – l’autoproclamata “società di de-estinzione” – punta a far rivivere.

L’audace piano di Colossal prevede la creazione di un ibrido elefante-mammut asiatico geneticamente modificato, per poi introdurlo nella tundra artica. Il progetto ha ricevuto milioni di dollari di sostegno ed è stato accolto con curiosità e un certo grado di scetticismo scientifico.

Affinché la Colossal abbia successo, deve superare molti ostacoli, tra cui creare la sequenza genetica dell’animale, fecondare con successo un ovocita e impiantarlo in un’elefantessa che porti la gravidanza a termine. Ma la nascita è solo l’inizio. Come vivranno questi animali in natura è una domanda che richiederà una vita o più per rispondere, e Colossal sta studiando altri animali per capirlo, incluso un gruppo di elefanti in Botswana.

La startup ha stretto una collaborazione con Elephant Havens, una fondazione per la fauna selvatica con sede nel delta dell’Okavango che si prende cura degli elefanti orfani.

Fondata nel 2017, Elephant Havens collaborerà con Colossal per raccogliere dati, utilizzando l’intelligenza artificiale (AI) per analizzare il comportamento degli animali e abbinarlo ai dati genomici su ciascun elefante. “Saremo in grado di unire l’arte degli addestratori di elefanti con la scienza di oggi”, sostiene Matt James, chief animal officer di Colossal.

I risultati, sperano le organizzazioni, potrebbero fornire un modello per il rilascio degli elefanti in natura e degli ibridi di mammut nella tundra.



Il conflitto uomo-fauna selvatica è la principale causa di elefanti orfani in Botswana, afferma la fondatrice di Elephant Havens, Debra Stevens.
Il conflitto uomo-fauna selvatica è la principale causa di elefanti orfani in Botswana, afferma la fondatrice di Elephant Havens, Debra Stevens. Cortesia Colossale

La co-fondatrice di Elephant Havens, Debra Stevens, ha affermato che “nove volte su 10” gli elefanti in Botswana restano orfani a causa del conflitto uomo-fauna selvatica. Molti degli orfani della fondazione sono rimasti tali a causa degli incendi. “La mandria in fuga si separa e perde i cuccioli“, ha spiegato. “È sempre tragico da testimoniare, perché i cuccioli cercano disperatamente le loro madri, quindi cerchiamo di diventare madri per loro“.

Reintrodurre gli elefanti in natura è difficile. Le gerarchie sociali sono complesse e introdurre un orfano in un branco selvaggio non è una buona idea, afferma Stevens. Ma senza un nucleo familiare, è stato riferito che gli elefanti orfani muoiono per il dolore. Anche quando gli elefanti vengono reintrodotti in gruppo, non sempre si adattano alla loro indipendenza, aggiunge, e hanno l’abitudine di ritrovare la strada per tornare al luogo in cui sono stati allevati in cattività.

Elephant Havens è impegnata in un progetto di reintroduzione a lungo termine, in cui gli orfani vengono “rilasciati dolcemente” in un sito recintato di 1.000 acri per cinque anni, dove imparano gradualmente a sopravvivere senza l’intervento umano.

Sette giovani elefanti, tra cui una matriarca e un maschio, attualmente vivono nell’area di rilascio morbido, mentre sette elefanti più giovani sono accuditi in un orfanotrofio e saranno trasferiti nel recinto in un secondo momento. Dopo cinque anni nel recinto, Elephant Havens reintrodurrà i branchi che si formeranno in natura e monitorerà i loro progressi per un decennio.

Colossal sta cercando di sfruttare il know-how degli esperti di Elephant Havens abbinandolo a modelli di intelligenza artificiale e dati genetici per saperne di più sugli elefanti. “Lo stiamo guardando dal punto di vista di come lavoreremmo con i mammut lanosi nel rewilding“, ha spiegato James.

Dobbiamo guardare ai nuclei familiari senza madre e sciolti. Costruiremo queste unità familiari e poi verranno cresciute l’una accanto all’altra per creare quella prima generazione di mammut. È una situazione molto simile a quella che affrontano Debra e il team in Botswana quando ricevono orfani”.

James ha affermato che le telecamere fisse registreranno video, che saranno analizzati dai gestori e trasformati in punti dati per insegnare a un’intelligenza artificiale a comprendere i comportamenti sociali degli elefanti, ad esempio i modelli di leadership.

Ci sono molte persone che hanno studiato il comportamento degli elefanti, ma non è mai stato fatto prima di inserirlo in un sistema come questo“, ha detto James. “Più dati inserisci in questi sistemi, più forti diventano queste correlazioni, più l’IA comprende il comportamento degli elefanti“, ha aggiunto.

Alla ricerca della conoscenza genetica

Un rendering di un mammut lanoso. La società di biotecnologie Colossal vuole creare un ibrido che combini il DNA dei mammut con quello degli elefanti asiatici.
Un rendering di un mammut lanoso. La società di biotecnologie Colossal vuole creare un ibrido che combini il DNA dei mammut con quello degli elefanti asiatici. Cortesia Colossal

Ben Lamm, fondatore di Colossal, ha affermato che l’intelligenza artificiale ha un ruolo da svolgere nella ricerca sugli animali. “Alcune di queste tecnologie che diamo per scontate nelle aziende o nella difesa potrebbero essere applicate direttamente e avere un impatto significativo sulla conservazione“, ha affermato.

Lamm ha aggiunto che Colossal sta lavorando per sequenziare i genomi degli orfani di Elephant Havens, che saranno abbinati alle scoperte basate sull’intelligenza artificiale, consentendo di confrontare i loro geni con i loro tratti man mano che crescono.

Stevens ha spiegato che le informazioni potrebbero essere utilizzate per capire quali tratti potrebbero essere trasmessi dai singoli elefanti. Tutta questa ricerca sta filtrando nel lavoro di Colossal per la costruzione del genoma del suo ibrido mammut-elefante. Lamm ha affermato che la società ha analizzato 54 geni di mammut, identificando quelli che esprimono tolleranza al freddo e pelo lanoso, e un team sta ora modificando 20 geni in una cellula di elefante asiatico.

Colossal è anche  nelle prime fasi dello sviluppo della raccolta di ovuli (OPU) negli elefanti – estraendo cellule uovo non fecondate chiamate oociti dall’ovaio – una fase chiave nella creazione finale di un embrione.

L’azienda spera che le scoperte scientifiche nei suoi sforzi per creare un ibrido possano alla fine essere utilizzate da altri negli sforzi di conservazione degli animali. “Tutte le tecnologie che sviluppiamo nel nostro percorso verso la deestinzione, vogliamo provarle in natura con i partner, e darle loro gratuitamente e sovvenzionare la loro implementazione“, ha aggiunto Lamm.

Si spera che nei prossimi 5-10 anni Colossal possa mostrare una differenza significativa nella conservazione degli elefanti“.

2