Un’innovazione nell’incubazione artificiale

Presto potremmo poter aiutare i neonati molto prematuri a sopravvivere e potrebbe non essere lontanissimo il giorno in cui sarà possibile condurre una gravidanza completamente all'esterno del grembo materno.

449

Circa 15 milioni di bambini nascono prematuri ogni anno, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Si prevede che questo numero aumenterà, portando più bambini a nascere prima di completare 37 settimane di gestazione.

Occuperesi di un numero crescente di neonati prematuri è una vera preoccupazione: le complicazioni dovute alle nascite pretermine sono state responsabili di quasi un milione di decessi nel 2015, rendendola la principale causa di morte tra i bambini di età inferiore ai 5 anni.

Fortunatamente, ci sono una serie di interventi che possono aiutare, molti dei quali coinvolgono lo sviluppo di migliori camere di incubazione, anche  uteri artificiali e placente, dove i neonati prematuri possono continuare la loro crescita al di fuori del grembo materno. 

Uno di questi è un grembo artificiale sviluppato da un team combinato di ricercatori della Women and Infants Research Foundation, della University of Western Australia e del Tohoku University Hospital, in Giappone.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Progettare strategie terapeutiche per neonati estremamente pretermine è una sfida“, ha spiegato il ricercatore capo Matt Kemp in un comunicato stampa. “A questa età gestazionale i polmoni sono spesso troppo strutturalmente e funzionalmente sottosviluppati per consentire al bambino di respirare facilmente“. Il loro lavoro, pubblicato sull’American Journal of Obstetrics & Gynecology, ha adottato un approccio diverso. 

La chiave sta nel trattare i neonati pretermine non come bambini, ma come feti.

Terapia EVE

Il loro metodo ha permesso di sviluppare un dispositivo nel quale hanno incubato con successo piccoli agnelli sani in un ambiente uterino ex-vivo (EVE) per un periodo di una settimana. “Sostanzialmente, la nostra attrezzatura è essenzialmente un bagno fluido amniotico ad alta tecnologia combinato con una placenta artificiale. Mettili insieme e con un attento mantenimento ottieni un grembo artificiale ”, spiega Kemp.

Credito d'immagine: Women & Infants Research Foundation
Credito d’immagine: Women & Infants Research Foundation

“Fornendo al feto un mezzo alternativo per lo scambio di gas, speravamo di risparmiare il sistema cardiopolmonare estremamente pretermine da lesioni dovute alla ventilazione e di salvare la vita a quei bambini i cui polmoni sono troppo immaturi per respirare correttamente. L’obiettivo finale è fornire ai bambini pretermine la possibilità di sviluppare meglio i loro polmoni e altri organi importanti prima di essere portati nel mondo”. È questo approccio a rendere il sistema rivoluzionario.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli scienziati sperano che questa terapia EVE possa presto aiutare a portare a termine neonati umani pretermine. “Ora abbiamo una comprensione molto migliore di ciò che funziona e cosa no, e sebbene sia necessario uno sviluppo significativo, un sistema di supporto vitale basato sulla terapia EVE può fornire una strada per migliorare i risultati per i neonati estremamente pretermine“, ha concluso Kemp.

Insomma, presto potremmo poter aiutare i neonati molto prematuri a sopravvivere e potrebbe non essere lontanissimo il giorno in cui sarà possibile condurre una gravidanza completamente all’esterno del grembo materno.

Fonte: Futurism.com

---L'articolo continua dopo la pubblicità---