16.1 C
Rome
domenica, Novembre 27, 2022
HomeEcologia e AmbienteQuattro cose da sapere sull'ultimo rapporto sul clima dell'IPCC

Quattro cose da sapere sull’ultimo rapporto sul clima dell’IPCC

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

L’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) delle Nazioni Unite ha pubblicato il primo rapporto della sua sesta valutazione, nota come AR6, che si è concentrata sulla scienza, la fisica e la chimica del cambiamento climatico.

Il rapporto, approvato da 195 governi di tutto il mondo, ha tratto le sue conclusioni da oltre 14.000 studi scientifici. Lo studio indicava l’influenza umana come causa “inequivocabile” di cambiamenti diffusi e rapidi nell’atmosfera, nell’oceano, nella criosfera e nella biosfera.

Sebbene un tale collegamento sia noto da anni, questa è la prima volta che un account IPCC lo afferma con tale forza, sostiene Michael Weisberg, presidente del Dipartimento di filosofia della Penn e collaboratore del secondo gruppo di lavoro dell’IPCC. “È il linguaggio più forte che abbiano mai usato”, dice. “Un altro modo per dirlo è che l’influenza umana sul clima è un fatto accertato. Non si discute più”.

Questa franchezza è cruciale e, in qualche modo, gratificante per coloro che sono stati trincerati nel mondo del clima per molto tempo, afferma Mark Alan Hughes, direttore del Kleinman Center for Energy Policy della Penn. “Il titolo qui è urgenza“, afferma. “La scienza è semplicemente travolgente e non solo la scienza del clima e la scienza della tecnologia, ma anche la scienza politica”.

Nel 2022, i gruppi di lavoro pubblicheranno due ulteriori rapporti. Uno previsto a febbraio, di cui Weisberg è coautore, e sarà incentrato su come il cambiamento climatico sta influenzando gli esseri umani e gli ecosistemi. Il finale, la cui pubblicazione è prevista per marzo, offrirà informazioni sulle strategie di mitigazione e sulla definizione delle politiche.

Weisberg e Hughes offrono quattro cose da sapere su AR6.

1. La valutazione aumenta la precisione e riduce l’incertezza sull’effetto che l’uomo sta avendo sul clima.

Ciò è in parte dovuto al fatto che, nel tempo trascorso dall’ultimo rapporto IPCC precedente, nel 2014, i modelli climatici sono migliorati, sia in termini di precisione con cui si possono misurare i cambiamenti climatici storici sia di come possono proiettare il futuro, afferma Weisberg. “Ora è più facile dire le cose con maggiore sicurezza”.

Ciò rende più facile per i decisori a tutti i livelli utilizzare questi dati, afferma Hughes. “I modelli globali sono stati troppo complessi per essere utilizzati e per prendere decisioni attuabili. L’IPCC ha lavorato molto duramente per rendere le informazioni più utilizzabili”.

2. Non è più probabile che saremo in grado di limitare l’aumento della temperatura a soli 1,5 gradi Celsius.

Hughes dice che invece di pensare in termini binari, ad esempio 1,5 contro 2 gradi, a questo punto è più importante pensare lungo uno spettro. “Anche se proviamo per 2 o 3 gradi, in questa fase del gioco manca davvero il punto”, afferma. “Pensare lungo uno spettro significa che più limitiamo il riscaldamento, ovunque ci troviamo sulla scala della temperatura, più limitiamo i danni. Punto fermo”.

3. L’equità è una parte importante delle conversazioni sul clima di oggi.

“Effetti devastanti sono già in corso in molte parti del mondo”, afferma Hughes. “C’è una crisi morale creata dagli impatti climatici in alcune parti dell’Africa e dell’Asia. E c’è una crisi morale che si sta sviluppando anche in alcune parti degli Stati Uniti, lungo le nostre coste, nelle nostre fattorie, nei nostri centri urbani senza aria condizionata”.

4. Nonostante una prognosi infausta, c’è ancora speranza.

Per fare la differenza bisognerà partire con azioni a breve termine, come ridurre le emissioni di metano. Poiché l’effetto di riscaldamento del metano è maggiore nei primi due decenni dopo l’emissione rispetto a quello dell’anidride carbonica, il taglio di questo gas può “farci guadagnare tempo”, afferma Hughes.

Nel frattempo, sarà fondamentale continuare a lavorare verso lo zero netto. In altre parole, “non dobbiamo semplicemente porre fine alle nostre emissioni, ma effettivamente trovare tecnologie e politiche che ci consentiranno di rimuovere le emissioni dall’atmosfera”, afferma.

“La linea di fondo”, conclude Weisberg, “è che abbiamo un’agenzia qui, se facciamo ciò che dobbiamo fare, il peggio sarà evitato. È un’impresa enorme, ma non abbiamo ancora superato il punto di non ritorno”.

Articoli più letti