Batteri marini nell’Artico canadese in grado di biodegradare diesel e petrolio

I batteri marini nelle gelide acque dell'Artico canadese sono in grado di biodegradare petrolio e gasolio, secondo un nuovo studio pubblicato su Applied and Environmental Microbiology, una rivista dell'American Society for Microbiology

1011

I batteri marini nelle gelide acque dell’Artico canadese sono in grado di biodegradare petrolio e gasolio, secondo un nuovo studio pubblicato su Applied and Environmental Microbiology, una rivista dell’American Society for Microbiology.

Il sequenziamento genomico ha rivelato un potenziale inaspettato per il biorisanamento da idrocarburi in linee di batteri tra cui Paraperlucidibaca, Cycloclasticus e Zhongshania, ha affermato il coautore Casey Hubert, Ph.D., Professore Associato di Geomicrobiologia, Università di Calgary. Questi tipi di batteri possono rappresentare attori chiave nella risposta alle fuoriuscite di petrolio nell’Artico.

“Lo studio ha anche confermato che fornire sostanze nutritive può migliorare la biodegradazione degli idrocarburi in queste condizioni di bassa temperatura”, ha affermato il dott. Hubert.

L’impulso per questo lavoro: “Queste acque permanentemente fredde stanno vedendo un aumento dell’attività industriale legata al trasporto marittimo e alle attività offshore del settore petrolifero e del gas”, ha aggiunto il dott. Hubert.

Sean Murphy, studente del Dr. Hubert, cresciuto nella regione, ha avviato il progetto. Il signor Murphy, scienziato acquatico, ERM Canada, aveva notato i benefici che il petrolio offshore aveva portato alla gente di Terranova e Labrador, ma era stato profondamente turbato dalla fuoriuscita di petrolio della Deepwater Horizon e aveva concentrato le sue ricerche sul mare del Labrador per contribuire a informare le future strategie di mitigazione delle fuoriuscite di petrolio a basse temperature nella regione.

La costa del Labrador, dove si è svolto lo studio, è importante per i popoli indigeni che dipendono dall’oceano per il cibo e, a differenza delle latitudini più basse, c’è stata una carenza di ricerche sul biorisanamento così a nord, ha osservato il dott. Hubert.

“Poiché il cambiamento climatico estende i periodi senza ghiaccio e l’aumento dell’attività industriale che si verifica nell’Artico, è importante comprendere i modi in cui il microbioma marino artico reagirà in caso di fuoriuscita di petrolio o carburante”, ha affermato il dott. Hubert. Ciò è particolarmente importante, poiché “questa regione rimane vasta e remota e la risposta alle emergenze in caso di fuoriuscita di petrolio sarebbe complicata e lenta”.

Nello studio, i ricercatori hanno simulato la bonifica della fuoriuscita di petrolio all’interno delle bottiglie, combinando il fango dei primi centimetri del fondale marino con acqua di mare artificiale e con diesel o petrolio greggio, insieme a diversi ammendanti nutritivi a diverse concentrazioni.

Gli esperimenti sono stati eseguiti a 4°C, per approssimare la temperatura nel Mare del Labrador, e si sono svolti nell’arco di diverse settimane. “Le nostre simulazioni hanno dimostrato che i batteri naturali che degradano il petrolio nell’oceano rappresentano i primi soccorritori della natura in caso di fuoriuscita di petrolio”, ha affermato il dott. Hubert.