Quando gli americani pensarono di far saltare la Luna

Chiaramente, mescolare esplosivi e la Luna è un'idea terribile, ma ciò non ha impedito alle forze armate statunitensi e ad un bizzarro professore di lanciare seriamente tali idee

0
3365
Quando gli americani pensarono di far saltare la Luna
Quando gli americani pensarono di far saltare la Luna

La fantascienza è piena di storie di guerre o invasioni aliene che distruggono la Luna o la mandano verso la Terra. Nel remake del 2002 del classico di HG Wells, The Time Machine, i lavori di demolizione per stabilire colonie lunari causano la distruzione del nostro unico satellite naturale i cui frammenti precipitano sulla Terra. In Oblivion (2013), la Luna viene distrutta in una guerra copn gli alieni vinta dagli umani, ma che ha reso la Terra inabitabile.

Chiaramente, mescolare esplosivi e la Luna è un’idea terribile, ma ciò non ha impedito alle forze armate statunitensi e ad un bizzarro professore di lanciare seriamente tali idee.

Progetto A119: il progetto segreto dell’esercito americano per bombardare la Luna

Nel 1959, l’esercito americano escogitò un piano per bombardare la Luna. Il documento che delinea il piano, A Study of Lunar Research Flights, venne redatto presso la base aeronautica di Kirtland, nel New Mexico. Non è stato declassificato fino al 1999.

Nome in codice “Progetto A119″, considerava due scenari: un’esplosione nucleare sopra o vicino alla superficie lunare e basi lunari permanenti.

Il tenente Arthur G. Trudeau, all’epoca capo della ricerca e dello sviluppo dell’esercito americano, scrisse un promemoria all’inizio del 1959 chiedendo all’America di arrivare sulla Luna prima dei sovietici, perché se vi avessero stabilito una base prima dagli Stati Uniti, il prestigio e vantaggio psicologico sarebbero stati inestimabili.

Ha senso: dopotutto era l’era della corsa allo spazio. Ma per quanto riguarda la detonazione di armi nucleari? Il Progetto A119 prosegue così:



Le informazioni scientifiche che potrebbero essere ottenute da tali detonazioni sono uno dei principali argomenti di indagine del presente lavoro. . . è abbastanza chiaro che certi obiettivi militari sarebbero serviti poiché verrebbero fornite informazioni sull’ambiente dello spazio, sul rilevamento di test di dispositivi nucleari nello spazio e sulla capacità delle armi nucleari per la guerra spaziale. . . specifici effetti positivi si accumulerebbero alla nazione che compie per la prima volta un’impresa del genere come dimostrazione di capacità tecnologiche avanzate.

Ad essere onesti, in nessun momento il Progetto A119 richiede esplicitamente di distruggere la Luna. Il piano era di bombardare la “linea di terminazione” della luna (il confine tra il lato notturno e quello diurno, chiaramente visibile durante le fasi lunari), e indagare sull’attività sismica e sulle radiazioni ambientali. E prima che sapessimo se la Luna contenesse vita, lo stesso Progetto A119 ammise che la contaminazione biologica dallo spazio avrebbe potuto rappresentare un “disastro scientifico senza pari“.

pagina superiore del documento del progetto a119

Militari USA

Il documento poneva l’accento sul prestigio geopolitico che sarebbe venuto da una tale detonazione ben visibile dalla Terra (in particolare, in URSS), a causa del vapore di sodio che farebbe brillare il fungo atomico .

Il progetto A119 fu prontamente annullato nel 1960, non perché la Luna potesse essere distrutta ma per paura che qualcosa potesse andare storto durante il lancio e mettesse a rischio le popolazioni locali. Il Trattato sul divieto parziale dei test nucleari del 1963 e il Trattato sullo spazio esterno del 1967 hanno poi vietato qualsiasi operazione militare statunitense o russa nello spazio.

Finalmente il nostro unico satellite naturale era salvo.

Ma la storia non finisce con il progetto A119.

La proposta più recente di distruggere la Luna è arrivata da Alexander Abian, un defunto professore della Iowa State University. In una newsletter del campus del 1991 affermò che l’eliminazione della Luna avrebbe provocato la fine delle stagioni, eliminando eventi meteorologici disastrosi come ondate di calore e uragani.

Alexander Abian in bianco e nero con un puntello lunare in equilibrio sulla punta del dito come un pallone da basket
Il professore di matematica dell’Università dell’Iowa Alexander Abian indica la Luna piena nel cielo scuro sopra mentre discute la sua controversa teoria di farla esplodere per calmare il tempo della Terra. – Immagini Getty

Quando è stato sfidato sul suo concetto, Abian avrebbe detto: “Sto puntando un dito di sfida all’organizzazione solare per la prima volta in 5 miliardi di anni. Quei critici che dicono ‘Respingi le idee di Abian’ sono molto vicini a coloro che respinsero Galileo“.

Perché abbiamo bisogno che la Luna rimanga intatta

L’esistenza stessa di queste idee per far saltare in aria la Luna pone una domanda singolare e cruciale: abbiamo davvero bisogno della luna?

Chiedi alla maggior parte delle persone perché, e probabilmente si riferiranno alla cataclismica distruzione nell’ultimo film catastrofico, con la Terra che ruota fuori controllo, tsunami delle dimensioni di grattacieli e terremoti che inghiottono interi paesi.

Katiya Fosdick del Kavli Institute for Astrophysics and Space Research del MIT sottolinea che non è l’effetto diretto della gravità della Luna che fa gonfiare gli oceani, ma le differenze di pressione dell’acqua causate dalla sua gravità.

La pressione dell’acqua si rilascerebbe come una molla compressa e inietterebbe energia negli oceani, che probabilmente formerebbero grandi onde”, spiega. “Penso che provocherebbe disastri naturali”. Esattamente l’opposto dell’affermazione di Abian secondo cui distruggere la luna impedirebbe i disastri naturali.

La gravità della luna in realtà attira il gas atmosferico, così come l’acqua dell’oceano, e provoca cicli di marea a pressione atmosferica come vediamo negli oceani, che fanno muovere e riscaldare l’aria a velocità diverse; questo è il vero motore che controlla il tempo.

Quindi, Abian potrebbe aver avuto un’idea interessante. Le maree sarebbero molto più piccole (ma non scomparirebbero del tutto – anche la gravità del Sole ha un effetto), e poiché gli oceani non sarebbero così attivi, Fosdick pensa che il tempo potrebbe “sistemarsi”.

Ma il movimento delle maree è alla base dell’equilibrio degli ecosistemi in tutto il mondo e un impatto così diffuso causerebbe il collasso biologico globale attraverso gli oceani e, a sua volta, l’intera Terra.

Su scale temporali geologiche o cosmologiche, i risultati sarebbero ancora più drammatici. Fosdick usa la metafora della Luna come la mano sinistra che fa girare un pallone da basket in equilibrio sull’indice destro, mantenendola alla velocità in modo che ruoti ogni 24 ore.

Un giorno su Venere (senza luna) impiega 243 giorni terrestri e se gli effetti della Luna sulla Terra scomparissero, la nostra rotazione potrebbe gradualmente rallentare. Decenni, secoli o millenni nel futuro, anche le catene alimentari, in parte costruite sul passaggio del giorno e della notte, crollerebbero. “Pensa che metà della Terra non riceverebbe luce solare per due terzi dell’anno“, afferma Fosdick.

Onestamente, preferiremmo di no.

Il romanzo di Neal Stephenson del 2015, Seveneves, immagina che la Luna si disintegri a causa di un fenomeno inspiegabile. I frammenti riempiono il cielo, oscurano la nostra visione dello spazio e iniziano a cadere innumerevoli giganteschi bolidi (grandi meteore che esplodono nell’atmosfera), distruggendo le città e riscaldando l’atmosfera così tanto da far ribollire gli oceani.

Stephenson si è ispirato dalla sindrome di Kessler, uno scenario in cui le collisioni tra oggetti spaziali causano detriti che, a loro volta, provocano più collisioni e così via. Lo scienziato della NASA dietro la teoria pensava che la spazzatura spaziale fosse già instabile nel 1978 (se suona familiare, era davvero la base di Gravity del 2013).


Le mega costellazioni come Starlink di SpaceX, tra le altre, stanno diventando sempre più popolari. E man mano che più satelliti vengono lanciati in orbita, le possibilità di collisione aumentano. Una singola collisione, temono gli esperti, potrebbe innescare una reazione a catena di incidenti, riempiendo l’orbita terrestre con così tanti detriti spaziali che non saremmo in grado di sfuggire al pianeta. Questa calamitosa cascata è nota come Sindrome di Kessler, proposta dallo scienziato della NASA Donald J. Kessler nel 1978.

i seguenti grafici sono immagini generate al computer di oggetti in orbita terrestre che vengono attualmente monitorati circa il 95% degli oggetti in questa illustrazione sono detriti orbitali, ovvero satelliti non funzionanti i punti rappresentano la posizione corrente di ciascun elemento
Questo grafico è un’immagine generata al computer degli oggetti nell’orbita terrestre che vengono attualmente monitorati. Circa il 95 percento degli oggetti in questa illustrazione sono detriti orbitali, cioè satelliti non funzionanti. I punti rappresentano la posizione corrente di ciascun elemento. – ODPO della NASA

In uno scenario fantascientifico, Fosdick pensa che potrebbe essere possibile “spingere” la Luna fuori dall’orbita con la forza cinetica di un’esplosione o di un veicolo a motore. Lo abbiamo fatto alla fine del 2022, quando il Double Asteroid Redirection Test (DART) della NASA ha colpito un corpo in un sistema di asteroidi gemelli.

Pensa anche che potremmo avere la possibilità di farlo saltare in aria in sicurezza, proprio come distruggiamo gli edifici con una demolizione controllata. Ma il costo di sbagliare il calcolo sarebbe alto. “Un oggetto con un raggio di circa l’1,5 percento di quello terrestre causerebbe l’estinzione di quasi tutto, noi compresi“, afferma. “L’asteroide che ha ucciso i dinosauri aveva un raggio di appena lo 0,075% circa“.

Fosdick ha delineato molto utilmente i calcoli che dovrebbero guidare un’operazione mirata alla distruzione della Luna o al suo spostamento.

“L’energia necessaria per spostare la Luna è 4 x 1028 joule, ovvero circa un terzo dell’energia necessaria per far esplodere completamente la luna. Il Saturn V, dall’allunaggio del luglio 1969, è il razzo più potente mai lanciato, e volò verso la luna a 40.000 chilometri all’ora e una massa di circa 43.500 chilogrammi, che aveva un’energia cinetica di ~ 3,5×10 19 joule.

“Avremmo bisogno di inviare una flotta di oltre un miliardo di Saturn V sulla Luna contemporaneamente. Un simile lancio farebbe tremare la Terra sulla sua orbita e per alimentarla servirebbero 100 volte le riserve di petrolio greggio che abbiamo sulla Terra”.

Anche allora, se lo facessimo male, potremmo finire con diverse lune più piccole invece di una grande, e gli effetti sulle maree e sul tempo sarebbero altrettanto devastanti come se l’avessimo distrutta completamente.

Viene da chiedersi cosa stessero pensando persone come Abian, o il personale di una base dell’esercito americano.

2