La NASA devierà un asteroide nel test di “difesa planetaria”

La NASA prevede di far schiantare un'astronave che viaggia a una velocità di 15.000 miglia orarie (24.000 km/h) contro un asteroide l'anno prossimo in un test di "difesa planetaria"

0
748

Nel blockbuster hollywoodiano del 1998 “Armageddon”, Bruce Willis e Ben Affleck corrono per salvare la Terra dall’essere polverizzata da un asteroide.

Anche se la Terra non deve affrontare un pericolo così immediato, la NASA prevede di far schiantare un’astronave che viaggia a una velocità di 15.000 miglia orarie (24.000 km/h) contro un asteroide l’anno prossimo in un test di “difesa planetaria“.

Il Double Asteroid Redirection Test (DART) serve a determinare se questo è un modo efficace per deviare il corso di un asteroide nel caso in cui si minacciasse la Terra in futuro.

La NASA ha fornito i dettagli della missione DART, che ha un prezzo di 330 milioni di dollari, in un briefing per i giornalisti giovedì.

“Sebbene non ci sia un asteroide attualmente noto che sia in rotta di impatto con la Terra, sappiamo che esiste una grande popolazione di asteroidi vicini alla Terra”, ha affermato Lindley Johnson, Planetary Defense Officer della NASA.

“La chiave per la difesa planetaria è trovarli molto prima che diventino una minaccia di impatto”, ha detto Johnson“Non vogliamo trovarci in una situazione in cui un asteroide è diretto verso la Terra e poi dobbiamo testare questa capacità”.



La navicella spaziale DART sarà lanciata a bordo di un razzo SpaceX Falcon 9 alle 22:20, ora del Pacifico, il 23 novembre dalla Vandenberg Space Force Base in California.

Se il lancio avviene in quel momento o intorno a quel momento, l’impatto con l’asteroide a circa 6,8 milioni di miglia dalla Terra si verificherebbe tra il 26 settembre e il 1 ottobre del prossimo anno.

L’asteroide bersaglio, Dimorphos, che significa “due forme” in greco, ha un diametro di circa 525 piedi e orbita attorno a un asteroide più grande chiamato Didymos, “gemello” in greco.

Johnson ha affermato che sebbene nessuno dei due asteroidi rappresenti una minaccia per la Terra, sono candidati ideali per il test grazie alla capacità di osservarli con telescopi terrestri.

Le immagini saranno raccolte anche da un satellite dotato di telecamera in miniatura fornito dall’Agenzia Spaziale Italiana che sarà espulso dalla navicella spaziale DART 10 giorni prima dell’impatto.

Una piccola spinta

Nancy Chabot del Johns Hopkins Applied Physics Laboratory, che ha costruito la navicella spaziale DART, ha affermato che Dimorphos completa un’orbita attorno a Didymos ogni 11 ore e 55 minuti “proprio come un orologio”.

Il veicolo spaziale DART, che peserà 1.210 libbre al momento dell’impatto, non “distruggerà” l’asteroide, ha detto Chabot. “Gli darà solo una piccola spinta”, ha affermato. “Devierà il suo percorso attorno all’asteroide più grande”.

“Ci sarà solo un cambiamento di circa l’uno percento in quel periodo orbitale”, ha detto Chabot, “quindi quello che era 11 ore e 55 minuti prima potrebbe essere come 11 ore e 45 minuti”.

Il test è progettato per aiutare gli scienziati a capire quanto slancio è necessario per deviare un asteroide nel caso in cui un giorno uno si diriga verso la Terra.

“Il nostro obiettivo è quello di essere il più vicino possibile a causare la più grande deviazione”, ha affermato Chabot.

La quantità di deflessione dipenderà in una certa misura dalla composizione di Dimorphos e gli scienziati non sono del tutto sicuri di quanto sia poroso l’asteroide.

Dimorphos è il tipo più comune di asteroide nello spazio e ha circa 4,5 miliardi di anni, sostiene Chabot.

“È come un normale meteorite di condrite”, ha detto. “È una miscela a grana fine di roccia e metallo insieme.”

Johnson, Planetary Defense Officer della NASA, ha affermato che più di 27.000 asteroidi near-Earth sono stati catalogati, ma nessuno attualmente rappresenta un pericolo per il pianeta.

Un asteroide scoperto nel 1999 noto come Bennu che è largo 1.650 piedi passerà a metà della distanza della Terra dalla Luna nell’anno 2135, ma la probabilità di un impatto è considerata molto bassa.

2