17.3 C
Rome
giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeVisioni del futuroProxima Centauri, la colonizzeremo nel 2254

Proxima Centauri, la colonizzeremo nel 2254

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

I ricercatori della NASA hanno calcolato la probabile data di colonizzazione di diversi pianeti nel Sistema Solare e oltre, tra cui Proxima Centauri, entro il 2254. La previsione è basata sulla potenza di software necessaria per realizzarla.

L’uomo potrebbe, secondo questa previsione, raggiungere una luna di Giove nel 2076 e il sistema Trappist-1 nel 2290, ma un programma di esplorazione spaziale aggressivo e sostenuto, che includa la colonizzazione, è essenziale per la sopravvivenza a lungo termine della razza umana.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questa è la conclusione di un nuovo studio, pubblicato sul server arXiv, che calcola quanto tempo impiegherebbero gli umani per insediare colonie su diversi pianeti dell’Universo

Jonathan Jiang e i suoi colleghi del JPL (Jet Propulsion Laboratory) in California non hanno approfondito le dichiarazioni di Elon Musk, che afferma di voler stabilire le prime colonie su Marte nel 2024, né stabilito un modello complesso di simulazione dell’esplorazione spaziale, ma si sono basati su un unico parametro: la potenza di calcolo.

Correalato: Che fine ha fatto l’acqua su Marte?

“La scelta di questo parametro critico è motivata dal fatto che il suo sviluppo esponenziale è parallelo a quello della tecnologia di esplorazione spaziale”, spiegano gli autori che si sono affidati a dati storici. “Quando un’intelligenza artificiale integrata nelle astronavi sarà abbastanza intelligente da prendere decisioni in tempo reale, risparmierà le molte ore necessarie per comunicare con gli scienziati sulla Terra” , cita Jonathan Jiang come esempio.

I ricercatori hanno stabilito un calendario con una possibile data per il lancio delle missioni, che però non tiene conto dei tempi di viaggio

Se una missione con equipaggio a Proxima Centauri – il sistema planetario più vicino al nostro Sistema Solare – sarà possibile nel 2254, lo studio non dice nulla sul tempo di volo che impiegherebbe per raggiungere questa stella situata a 4,244 anni luce di distanza.

In ogni caso, sarebbe impossibile realizzarlo con i razzi convenzionali, ammettono gli autori, che sottolineano la necessità di inventare prima sistemi di propulsione “rivoluzionari”. Sarà, però, necessaria una potenza di calcolo maggiore di quella che abbiamo oggi per progettare, costruire e far funzionare tali modelli. Il che ci riporta al punto di partenza.

Raggiungeremo civiltà intelligenti nel 2383

I ricercatori hanno costruito un’equazione basata sulla crescita del numero di transistor per processore, che raddoppia ogni anno, la distanza (in unità astronomiche) tra la Terra e l’obiettivo raggiunto dalle varie missioni spaziali in funzione del tempo, nonché il numero di anni che separano le missioni robotiche dalle missioni con equipaggio.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ecco il programma stabilito per il lancio di missioni con equipaggio sulla Luna, Marte, un asteroide della fascia degli asteroidi, una luna di Giove o Saturno, Proxima Centauri, Tau Ceti (una stella situata a 12 anni luce dalla Terra), il sistema trappist-1 (40 anni luce di distanza), o un’ipotetica destinazione a 14.000 anni luce in direzione del Sagittario, “che, secondo alcuni analisti, potrebbe ospitare forme di vita complesse, inclusa una civiltà tecnologicamente sviluppata”, affermano gli autori.

Demografia, cambiamento climatico, guerra nucleare, pandemie , bioterrorismo… “Ci troviamo in una ‘finestra di pericoli’ che non può essere chiusa finché non avremo creato una, o anche più colonie extraterrestri autonome e vitali”, considerano gli autori un po’ allarmisti.

Proxima Centauri è una piccola stella di piccola massa situata a 4,2465 anni luce dal Sole nella costellazione meridionale del Centauro

Il suo nome latino significa “la stella più vicina del Centauro“. È stata scoperta nel 1915 da Robert Innes ed è la stella conosciuta più vicina al Sole. Con una magnitudine apparente 11,13 quiescente, è troppo debole per essere visto ad occhio nudo.

Proxima Centauri è un membro del sistema stellare Alpha Centauri 

Essendo identificato come componente Alpha Centauri C, ed è 2,18° a sud-ovest della coppia Alpha Centauri AB. Attualmente si trova a 12.950 AU (0,2 ly ) da AB, su cui orbita con un periodo di circa 550.000 anni.

Proxima Centauri è una stella nana rossa con una massa di circa il 12,5% della massa del Sole e una densità media di circa 33 volte quella del Sole. A causa della vicinanza di Proxima Centauri alla Terra, il suo diametro angolare può essere misurato direttamente.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il suo diametro effettivo è circa un settimo (14%) del diametro del Sole. Sebbene abbia una luminosità media molto bassa, Proxima Centauri è una stella a brillamento che subisce in modo casuale aumenti drammatici di luminosità a causa dell’attività magnetica.

Il campo magnetico della stella è creato dalla convezione in tutto il corpo stellare, e l’attività di brillamento risultante genera un’emissione totale di raggi X simile a quella prodotta dal Sole.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’accurata miscelazione interna del suo carburante per convezione attraverso il suo nucleo e il tasso di produzione di energia relativamente basso di Proxima, significano che sarà una stella della sequenza principale per altri quattro trilioni di anni.

Articoli più letti