Cosa accadrebbe alla Terra se gli umani si estinguessero?

Alan Weisman, per scrivere "The World Without Us", ha trascorso diversi anni intervistando esperti e indagando sistematicamente su questa domanda: cosa accadrebbe al nostro pianeta - alle nostre città, alle nostre industrie, alla natura - se gli esseri umani scomparissero?

0
584
Cosa accadrebbe alla Terra se gli umani si estinguessero?
Cosa accadrebbe alla Terra se gli umani si estinguessero?

Nel profondo della foresta pluviale del Guatemala si trova uno dei resti più famosi della civiltà Maya: una cittadella di circa 2000 anni trasformata in rovine chiamata Tikal. Quando Alan Weisman esplorò la regione circostante, scoprì qualcosa di affascinante: “Stai camminando attraverso questa fitta foresta pluviale e stai camminando sulle colline, e gli archeologi ti stanno spiegando che ciò su cui stai davvero camminando sono piramidi e città che non sono state scavate”, racconta il giornalista.  

In altre parole, conosciamo siti come Tikal perché gli umani hanno compiuto grandi sforzi per scavare e ripristinare i loro resti. Nel frattempo, innumerevoli altre rovine rimangono nascoste, sigillate sotto la foresta e la terra. “È semplicemente incredibile quanto velocemente la natura possa seppellirci”, ha detto Weisman

Questa scena della foresta pluviale ci permette di dare un’occhiata a come potrebbe essere il nostro pianeta, se gli umani semplicemente smettessero di esistere.

Ultimamente, questa idea è stata particolarmente pertinente, perché la pandemia mondiale di COVID-19  ha mantenuto persone al chiuso, e incoraggiato gli animali ad avvicinarsi agli ambienti urbani, dandoci un senso di ciò che potrebbe succedere se improvvisamente ci estinguessimo. Weisman, che ha scritto “The World Without Us” (Thomas Dunne Books, 2007), ha trascorso diversi anni intervistando esperti e indagando sistematicamente su questa domanda: cosa accadrebbe al nostro pianeta – alle nostre città, alle nostre industrie, alla natura – se gli esseri umani scomparissero?

skyline diverso

Ci sono diverse teorie in via di sviluppo su cosa potrebbe portare l’umanità all’estinzione, ma è improbabile che scompariremmo tutti in un istante. Tuttavia, immaginare la nostra improvvisa e completa eradicazione dal pianeta – forse a causa di un virus specifico per l’uomo non ancora scoperto, ha detto Weisman – è il modo più potente per esplorare cosa potrebbe accadere se gli umani lasciassero il pianeta. 



Nella stessa ricerca di Weisman, questa domanda lo ha portato in primo luogo nelle città, i luoghi dove si verificherebbero alcuni dei cambiamenti più drammatici e immediati, grazie all’improvvisa mancanza di manutenzione umana. Senza persone che gestiscano pompe che drenano l’aumento delle acque sotterranee, le metropolitane di enormi città tentacolari come Londra e New York si allagherebbero entro poche ore dalla nostra scomparsa. “[Gli ingegneri] mi hanno detto che basterebbero circa 36 ore perché le metropolitane si allaghino completamente“, ha detto. 

Mancando la supervisione umana, i malfunzionamenti nelle raffinerie di petrolio e negli impianti nucleari rimarrebbero incontrollati, provocando probabilmente incendi massicci, esplosioni nucleari e devastanti ricadute nucleari. “Ci sarà un getto di radiazioni se all’improvviso scompariremo. E questo è un vero jolly, è quasi impossibile prevedere cosa accadrà“, ha detto Weisman. Ancora, scomparendo ci lasceremmo dietro montagne di rifiuti, in gran parte plastica, che probabilmente persisterebbero per migliaia di anni, con effetti sulla fauna selvatica che stiamo iniziando a capire solo ora. 

Nel frattempo, i rifiuti petroliferi che si riversano o penetrano nel terreno nei siti industriali e nelle fabbriche verrebbero scomposti e riutilizzati da nateri e piante, il che probabilmente richiederebbe decenni. Gli inquinanti organici persistenti (POP) – sostanze chimiche prodotte dall’uomo come i PCB che attualmente non possono essere scomposti in natura – richiederebbero molto più tempo, afferma Weisman. “Alcuni di questi POP potrebbero essere in circolazione fino alla fine dei tempi sulla Terra. Col tempo, tuttavia, verranno seppelliti al sicuro“.

Il rilascio combinato rapido e lento di tutti i rifiuti inquinanti che lasciamo avrebbe senza dubbio effetti dannosi sugli habitat e sulla fauna selvatica circostanti (ma questo non significa necessariamente distruzione totale: basta guardare il rimbalzo della fauna selvatica nel sito del disastro nucleare di Chernobyl per capire che la natura può essere resiliente in tempi brevi, anche in tali estremi).

Mentre quell’eredità inquinante si dispiega, l’acqua che scorre sottoterra nelle città corrode le strutture metalliche che reggono le strade sopra i sistemi di trasporto sotterranei e interi viali crollerebbero, trasformandosi improvvisamente in fiumi nel centro della città, ha spiegato Weisman. Nel corso degli inverni successivi, senza manutenzione, marciapiedi e strade si creperebbero, fornendo nuove nicchie in cui i semi possono attecchire – trasportati dal vento ed espulsi dagli uccelli – sviluppando alberi che continuerebbero il graduale smembramento di marciapiedi e strade. Lo stesso accadrebbe ai ponti, senza gli umani per estirpare le piante in grado di attecchire tra i rivetti d’acciaio: insieme al degrado generale, questo potrebbe smantellare queste strutture entro poche centinaia di anni. 

Con tutto questo nuovo habitat disponibile, la natura marcerebbe stoicamente, sovrascrivendo la giungla di cemento creata dagli umani con praterie, arbusti e fitti boschetti di alberi. Ciò causerebbe l’accumulo di materiale organico secco, come foglie e ramoscelli, fornendo il foraggio perfetto per gli incendi innescati dai fulmini, che potrebbero radere al suolo intere parti di città. “Gli incendi creeranno molto materiale carbonizzato che cadrà sulla strada, il che sarà fantastico per nutrire la vita biologica. Le strade si convertiranno in piccole praterie e foreste che cresceranno entro 500 anni“, come dice Weisman.

Nel corso di centinaia di anni, gli edifici si degraderebbero, ha affermato. Le prime a cadere sarebbero le moderne strutture in vetro e metallo che si frantumerebbero e arrugginirebbero. Ma significativamente, “gli edifici che dureranno più a lungo sono quelli fatti dalla Terra stessa” – come le strutture in pietra, ha aggiunto Wesiman. Anche quelli diventerebbero una versione ammorbidita di se stessi: alla fine gli skyline definiti e iconici che conosciamo così bene oggi non esisterebbero più.

Guardando oltre i limiti della città, alle grandi aree di terreno agricolo che attualmente coprono metà dei terreni abitabili della Terra, ci sarebbe un rapido recupero degli insetti, poiché l’applicazione di pesticidi e altre sostanze chimiche cesserà con la scomparsa dell’umanità. “Inizierà una vera cascata di eventi“, ha detto Weisman. “E dopo gli insetti, le cose andranno meglio per le piante, e poi per gli uccelli“. Gli habitat circostanti – comunità vegetali, suoli, corsi d’acqua e oceani – si riprenderanno, liberi dall’influenza di vasta portata che le sostanze chimiche hanno oggi sugli ecosistemi. Ciò, a sua volta, incoraggerà più animali selvatici a trasferirvisi e stabilircisi.

 
Mentre gli esseri umani migravano dall’Africa e dall’Eurasia verso altre parti del globo, “vediamo un aumento consistente dei tassi di estinzione in seguito all’arrivo degli umani“, ha spiegato Søren Faurby, docente di macroecologia e macroevoluzione presso l’Università di Göteborg in Svezia. “In Australia, c’è un aumento dell’estinzione vicino a 60.000 anni fa. In Nord e Sud America, si osserva un aumento [circa] 15.000 anni fa, e in Madagascar e nelle isole dei Caraibi si osserva un drastico aumento delle setizioni poche migliaia di anni fa“.
 

Senza che gli umani negli angoli più remoti della Terra l’intero pianeta avrebbe potuto essere tanto vario in queste specie quanto lo è oggi il famoso Serengeti nell’Africa orientale, ha detto Faurby. “Effettivamente, c’erano grandi animali ovunque e ci sarebbero anche ora grandi animali ovunque nel mondo senza l’intervento umano“. La sua ricerca ha rivelato che senza il pesante impatto delle specie umane, gli Stati Uniti centrali e parti del Sud America sarebbero oggi i luoghi più ricchi di megafauna sulla Terra. Animali come gli elefanti sarebbero uno spettacolo comune nelle isole del Mediterraneo. Ci sarebbero anche rinoceronti in gran parte del nord Europa.

Senza gli umani, la Terra potrebbe rivendicare quella diversità? Anche se scomparissimo improvvisamente dal quadro, ci vorrebbero comunque milioni di anni prima che il pianeta si riprenda dalle estinzioni passate, secondo Faurby e i suoi colleghi. Hanno studiato cosa sarebbe necessario per tornare a un livello di base di ricchezza di specie e una distribuzione di animali di grossa taglia in tutto il pianeta che rispecchia ciò che avevamo prima che gli umani moderni si espandessero a ventaglio in tutto il mondo. La stima è stata che ci vorrebbero “tra 3 a 7 milioni o più di anni per tornare alla linea di base pre-estinzione“, ha spiegato Jens-Christian Svenning, professore di macroecologia e biogeografia presso l’Università di Aarhus in Danimarca, e collega di Faurby’s che ha lavorato allo stesso corpo di ricerca. 

La natura trova sempre un modo

Il pianeta potrebbe alla fine diventare più lussureggiante e più diversificato, ma non possiamo ignorare gli effetti del cambiamento climatico, probabilmente l’impatto più indelebile dell’umanità sul pianeta. Weisman nota l’incertezza intrinseca nel fare previsioni utili su ciò che accadrà. Ad esempio, se avverranno esplosioni negli impianti industriali, o pozzi di petrolio o gas che continuano a bruciare molto tempo dopo la nostra estinzione, enormi quantità di anidride carbonica che intrappolano il calore continuerebbero a essere scaricate nell’atmosfera. 

L’anidride carbonica non rimane sospesa nell’atmosfera per sempre: i nostri oceani svolgono un ruolo essenziale nell’assorbire grandi quantità di anidride carbonica dall’aria. Ma ci sono ancora limiti a quanto l’oceano ne può assorbire senza che le sue stesse acque si acidifichino a livelli malsani, potenzialmente a scapito di migliaia di specie marine. C’è anche un limite a quanto il mare può assorbire fisicamente, il che significa che non è semplicemente il pozzo di carbonio senza fondo che spesso si pensa sia. 

Allo stato attuale, gli attuali livelli di CO2 nella nostra atmosfera impiegheranno già migliaia di anni per essere completamente rimossi dall’atmosfera. E se il mare raggiunge il suo limite e più gas serra rimangono sospesi nell’atmosfera, il conseguente riscaldamento continuo porterà a un ulteriore scioglimento delle calotte polari e il rilascio di ancora più gas serra dal permafrost. Questo si trasformerà in un ciclo di feedback continuo, in grado di alterare il clima. Tutto ciò significa che possiamo presumere con sicurezza che gli impatti del cambiamento climatico dureranno a lungo dopo la nostra scomparsa. 

Ma a questo, Weisman offre una parola di speranza. Durante il periodo Giurassico c’era cinque volte più anidride carbonica nell’atmosfera di quella che c’è oggi, il che ha portato a un drammatico aumento dell’acidità dell’oceano. Evidentemente, tuttavia, devono esserci state specie marine che hanno affrontato questi estremi e hanno continuato a evolversi ed a far parte del pianeta che conosciamo oggi. Vale a dire che alla fine, nonostante gli estremi climatici e le immense perdite che possono subire, “la natura trova sempre un modo“, ha detto Weisman. 

Un giorno potrebbe esserci un mondo senza umani, ma questo non impedirà al resto del pianeta di andare avanti.

Andare avanti

Ha senso riflettere su come sarà il nostro pianeta senza di noi? Bene, da un lato, potremmo semplicemente trarre conforto dalla consapevolezza che, senza persone, il nostro pianeta alla fine starà bene, come ha detto Weisman. In effetti, alla fine prospererebbe. 

Ma dare uno sguardo a questo futuro potrebbe anche spingerci a essere più consapevoli delle nostre azioni, nel tentativo di preservare anche il nostro posto sul pianeta. Weisman vede un valore intrinseco nel visualizzare un mondo senza di noi e questo è il motivo per cui ha deciso di scrivere il suo libro. Ha spiegato che quando ha iniziato, era consapevole che molte persone evitano di pensare all’ambiente perché soffrono per il danno che gli umani stanno facendo al pianeta e come, a sua volta, questo stia accelerando la nostra stessa fine. “Ho scoperto che un modo per sbarazzarsi del fattore paura era semplicemente uccidere [gli umani] per primi“, ha detto, con umorismo. 

Volevo che le persone vedessero come la natura potesse tornare meravigliosamente e persino guarire molte delle cicatrici che noi abbiamo fatto su questo pianeta. Quindi pensassero se c’è un modo per aggiungere noi stessi a questa immagine di una Terra restaurata“.

2